Policlinico di Bari, padiglione Asclepios
Policlinico di Bari, padiglione Asclepios
La città

Altamura generosa, donati respiratori e materiali sanitari al Policlinico di Bari

Iniziativa delle imprese di costruzioni per il padiglione Asclepios

Gesto di generosità da parte dell'imprenditoria altamurana per fronteggiare l'emergenza sanitaria Covid-19. Dieci imprese del settore edile e delle costruzioni di Altamura, d'intesa con il professor Tino Gesualdo dell'Università di Bari, hanno deciso di acquistare due respiratori e altro materiale medico-sanitario che saranno donati al padiglione Asclepios del Policlinico di Bari dedicato alla cura dei pazienti con Covid-19.

Un gesto importante che unisce numerose aziende in un'iniziativa meritoria.

Proprio oggi sono terminate le operazioni di riconversione di Asclepios a padiglione Covid-19 per un totale di 250 posti letto. Oltre al piano terra, dove sono stati realizzati un reparto di radiologia, un'area di osservazione intensiva e un complesso operatorio con terapia intensiva postoperatoria, i cinque piani dell'edificio interno al Policlinico di Bari sono stati attrezzati con posti letto e apparecchiature per la cura dei pazienti affetti da Covid19. I primi 42 pazienti sono già stati ricoverati.

Nei primi tre piani si trova l'area critica destinata ai casi più gravi a conduzione clinica condivisa tra intensivisti e pneumologi: in totale ci sono 40 posti di Rianimazione e 80 di Terapia intensiva respiratoria. Il quarto e quinto piano, invece, sono destinati alle degenze di Malattie Infettive per complessivi 130 posti letto. Al piano terra inoltre, nei locali che fino a poco tempo fa ospitavano la banca, è presente il punto unico di distribuzione dei Dispositivi di protezione individuale necessari agli operatori sanitari per entrare in reparto: a inizio turno infermieri, medici, operatori devono passare dal centro di distribuzione e ritirare tute, occhiali, mascherine.

I percorsi di accesso al plesso Asclepios, inoltre, sono stati rivisitati in maniera da rendere sicuri gli ingressi di pazienti e operatori sanitari e, a tal fine, sono stati chiusi i varchi con cancellate in ferro. Il padiglione sarà vigilato h24.

I lavori sono andati avanti per circa una settimana procedendo piano per piano in maniera tale da rendere disponibili subito i primi posti letto. Al momento, infatti, sono presenti già pazienti in Rianimazione e a Malattie infettive.
  • Imprese
  • Edilizia
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
13 Lutto nella Polizia locale, morto Felice Lomurno Lutto nella Polizia locale, morto Felice Lomurno Il cordoglio dell'amministrazione comunale
4 Aiuti alle famiglie in difficoltà per la crisi, ecco i fondi Aiuti alle famiglie in difficoltà per la crisi, ecco i fondi Per i buoni spesa e il soccorso alimentare
2 Emergenza coronavirus, morta un'anziana Emergenza coronavirus, morta un'anziana E' la terza vittima ad Altamura
"Ospedale, tutto il personale è stato già monitorato" "Ospedale, tutto il personale è stato già monitorato" Fatti i tamponi pure ai pazienti più esposti. In tutto 35 i contagi
Il vescovo prega per i defunti salutati senza funerali Il vescovo prega per i defunti salutati senza funerali In tutte le diocesi italiane commemorate le persone morte in tempo di emergenza
Altamura solidale, beni e aiuti in denaro per famiglie in crisi Altamura solidale, beni e aiuti in denaro per famiglie in crisi Creata una rete pubblica e privata per donazioni
Emergenza sanitaria, la Puglia in difficoltà per i dispositivi medici Emergenza sanitaria, la Puglia in difficoltà per i dispositivi medici Il presidente Emiliano: "Problemi per reperirli". Mancano pure i reagenti per i tamponi
1 Altri casi nella Polizia locale di Altamura Altri casi nella Polizia locale di Altamura Sale il numero dei contagiati. Un agente è in ospedale
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.