Uomo di Lamalunga
Uomo di Lamalunga
La città

Sul progetto KARST mancano trasparenza e condivisione

Il 1 Novembre manifestazione pubblica del Coordinamento Salviamo L'uomo di Altamura

Non abbassare la guardia. Almeno sino a quando le rassicurazioni verbali non saranno messe nero su bianco.

Questo l'obiettivo del Coordinamento Salviamo l'Uomo di Altamura per tenere alti i riflettori sul progetto Karst dedicato allo studio dell'Uomo.
Un progetto che tante preoccupazioni ha sollevato nei mesi scorsi per una presunta ipotesi di spostamento del reperto dalla Grotta di Lamalunga ai laboratori dell'Università la Sapienza di Roma e che è stato al centro di un confronto svolto negli uffici della Regione Puglia durante l'audizione in Commissione cultura che ha visto intorno al tavolo i dirigenti di Regione e Soprintendenza e rappresentanti del Coordinamento Europeo "Salviamo l'Uomo di Altamura".
Durante i lavori in commissione proprio dai dirigenti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali sono arrivate, sebbene solo verbalmente, le rassicurazioni su un possibile rimozione del reperto dal suo luogo naturale.

"I rappresentanti del Ministero, La Rocca e Vantaggiato, hanno dichiarato che la rimozione rappresenterebbe la fase conclusiva del progetto e sarebbe effettuata solo dopo le opportune valutazioni inerenti alla conservazione del reperto" riportano in una nota i responsabili del Coordinamento Salviamo L'uomo di Altamura.
Parole che rassicurano ma che non bastano a dissipare i dubbi sul progetto guidato dal professor Manzi "che da una parte si presenta come progetto di ricerca scientifica, dall'altra si trasforma in un progetto di valorizzazione e musealizzazione".

Di qui l'ennesima richiesta di fare trasparenza sul progetto.
"Un progetto che deve essere decisamente rimodulato come sostengono anche autorevoli studiosi e ricercatori e che nella parte finale deve assolutamente essere cambiato, perché non è per nulla accettabile a causa della sua pericolosità, data l'irreversibilità della prevista attività di rimozione dello scheletro fossile".
E per tenere alta la guardia sulla vicenda il Coordinamento ha programmato per la giornata del 1 novembre un manifestazione pubblica ovvero un passeggiata da Piazza Duomo a Lamalunga per chiedere chiarezza e condivisione del progetto.
  • Uomo di Lamalunga
Altri contenuti a tema
"L'Uomo di Altamura deve restare nella grotta di Lamalunga" "L'Uomo di Altamura deve restare nella grotta di Lamalunga" Posizione condivisa di Università, Parco dell'Alta Murgia e geologi
Riapre il centro visite di Lamalunga Riapre il centro visite di Lamalunga Uno dei siti della rete museale dell'Uomo di Altamura
2 Settanta anni di speleologia ad Altamura e nella Murgia Settanta anni di speleologia ad Altamura e nella Murgia Traguardo di longevità per il Cars, artefice della scoperta di Lamalunga
Beni culturali, "Artlab" accende i riflettori sull’Uomo di Altamura Beni culturali, "Artlab" accende i riflettori sull’Uomo di Altamura A confronto con l'esperienza del Museo dell'evoluzione umana di Burgos
3 Uomo di Altamura: ignorata la delibera del Consiglio comunale Uomo di Altamura: ignorata la delibera del Consiglio comunale Il Movimento Ora lancia l'allarme: giù le mani dall'Uomo di Altamura
"dal Passato, il Futuro": Ciccillo e le orme dei dinosauri oggetto dell'incontro a Gravina "dal Passato, il Futuro": Ciccillo e le orme dei dinosauri oggetto dell'incontro a Gravina Ecco quanto emerso dai vari interventi degli illustri relatori
Ciccillo non si tocca Ciccillo non si tocca I cittadini in marcia per fare chiarezza sul progetto Karst
Uomo di Lamalunga: il 1° novembre, l'iniziativa per far luce sul progetto "Rediscovering Altamura" Uomo di Lamalunga: il 1° novembre, l'iniziativa per far luce sul progetto "Rediscovering Altamura" La nota del Consigliere regionale Enzo Colonna
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.