Vetrata della Cattedrale
Vetrata della Cattedrale
La città

Riparati i danni alla Cattedrale ma il problema rimane

Non c'è rispetto per il luogo simbolo della città

Già è stata sostituita la finestra mandata in frantumi dall'esplosione dei botti nella notte di Capodanno. Le "ferite" fisiche vengono così rimarginate ma rimangono quelle più profonde dell'inciviltà e del disprezzo per il luogo simbolo di Altamura e, in generale, per i beni pubblici. Per individuare i responsabili si stanno vagliando le telecamere della Diocesi.

Sono stati ripresi i momenti dello scoppio. Gli artefici dello "sfregio" erano in un piccolo gruppetto. In piazza Duomo, in quel momento, stavano passeggiando poche altre persone. I petardi o altri oggetti esplodenti sono stati posizionati dietro il cancello della Porta Angioina. Il luogo semichiuso ha amplificato l'effetto della deflagrazione. Il botto è stato fortissimo ed era proprio questo, probabilmente, che si voleva ottenere. E si è levato tanto fumo.

La conseguenza è stata immediata. La finestra sovrastante la Porta Angioina si è rotta (i frammenti di vetro sono caduti sia all'esterno che nella Cattedrale). Inizialmente è stata messa in sicurezza dai Vigili del fuoco con un pannello provvisorio. Poi è stata sostituita nel giro di due giorni.

Il gesto è stato condannato in modo unanime. Le "offese", però, non si fermano solo alla notte di Capodanno. Sono quotidiane. Ogni giorno i parroci (per molti anni don Vito Colonna, da poco don Angelo Cianciotta) sono costretti a far togliere lattine e bottiglie dall'arco Duomo e dai gradini della Porta Angioina. L'arco Duomo e via Falconi, più riparati, tante volte vengono ridotti a latrina. Ogni tanto, poi, compare sui muri una scritta in vernice scura di cui puntualmente occorre la cancellazione.

L'appello di don Nunzio Falcicchio ad un'attenzione maggiore verso la Cattedrale non è caduto nel vuoto ma soluzioni per ora non se ne vedono.

Il deputato leghista Rossano Sasso lancia un "anatema" ai responsabili del danneggiamento. "Altamurani - dice - facciamo rete e scoviamo questi teppistelli da quattro soldi. Ma difendiamo la nostra Cattedrale sempre, anche da chi la usa come un bagno pubblico o discarica, ogni benedetta sera". Non senza una stoccata al Comune: "Controllo del territorio di scarso interesse per l'amministrazione comunale".

La sindaca Rosa Melodia chiederà più controllo.
  • Cattedrale
  • Vandalismo
Altri contenuti a tema
Morto il cane Rex, il beniamino della città Morto il cane Rex, il beniamino della città Cane libero, presenza fissa e amichevole in Cattedrale e in piazza
Oggi "compleanno" della Cattedrale, un evento a tema Oggi "compleanno" della Cattedrale, un evento a tema In piazza Duomo realizzato un allestimento medievale
Una Cattedrale tutta in mattoncini Una Cattedrale tutta in mattoncini Opera realizzata da Massimo Loglisci, marmista di Gravina
Pronti i volontari per la Cattedrale Pronti i volontari per la Cattedrale Accolgono i cittadini e i turisti. Consegnate le pettorine
Una mappa tattile della Cattedrale per ciechi e ipovedenti Una mappa tattile della Cattedrale per ciechi e ipovedenti Per una chiesa senza barriere. Oggi la presentazione
2 La Cattedrale di nuovo "sfregiata" La Cattedrale di nuovo "sfregiata" Iniziata la riparazione della vetrata infranta dallo scoppio di petardi
Una pallonata e un'altra vetrata della Cattedrale si rompe Una pallonata e un'altra vetrata della Cattedrale si rompe Nuovo danneggiamento al monumento simbolo. La delusione di don Nunzio Falcicchio
1 Sarà restaurato l'organo monumentale della Cattedrale Sarà restaurato l'organo monumentale della Cattedrale Finanziato pure il museo della memoria dell'Unione cristiana evangelica battista
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.