Felice Basile
Felice Basile
Cronaca

In sciopero della fame per non perdere la casa

Felice Basile: "E' un'ingiustizia"

Domani mattina è previsto lo sgombero forzoso dell'abitazione di Felice Basile, venduta all'asta negli anni scorsi dopo un contenzioso con un istituto di credito. Una storia iniziata quasi dieci anni fa e finita male per Basile, piccolo imprenditore del settore elettrico e impiantistico, che prima chiuse la sua partita Iva e ora rischia di restare senza casa. E' stato organizzato un presidio di amici, associazioni e sostenitori per scongiurare nuovamente questa possibilità.

Basile ha presentato varie denunce in cui sostiene che l'asta sia stata viziata da illegittimità. Il Tribunale di Bari è di altro avviso e il giudice dell'esecuzione ha dato mandato per procedere allo sgombero dell'abitazione in piazza don Minzoni. Ci sono stati altri capitoli di questa dolorosa vicenda. L'accesso forzoso del 22 gennaio 2020 si concluse con un rinvio (come riportato nella nostra notizia). Sono seguiti altri rinvii in base alle norme dell'emergenza Covid-19.

Stavolta non ci sono ragioni legate all'emergenza Covid-19 ma Basile chiede di non procedere e di attendere l'esito dei procedimenti dal momento che la delegata all'esecuzione della vendita risulta indagata per questa vicenda, proprio a seguito di una delle denunce presentate da Basile.

"Mi dichiaro ancora un cittadino che ha fiducia nella giustizia", dice Basile che da due giorni è in sciopero della fame "per avere Giustizia".
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Filmarono e diffusero un video intimo, inizia il processo Filmarono e diffusero un video intimo, inizia il processo Quattro persone imputate per diffamazione
Primo passo per ottenere l'ufficio di prossimità della giustizia Primo passo per ottenere l'ufficio di prossimità della giustizia La domanda presentata dal Comune è stata ammessa
Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Presentata la domanda all'avviso della Regione
Agenzia delle Entrate riaprirà nell'ex tribunale Agenzia delle Entrate riaprirà nell'ex tribunale Dopo alcuni interventi della durata di due mesi
Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Per omicidio volontario. In appello ribaltata la sentenza in primo grado a 16 anni
Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Vicenda fece scalpore ad Altamura e nei Comuni tre anni fa
Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Secondo i giudici Difonzo non voleva uccidere ma solo "ledere"
1 Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Agenzia delle Entrate, Centro per l'impiego e Inps
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.