Social
Social
Cronaca

Filmarono e diffusero un video intimo, inizia il processo

Quattro persone imputate per diffamazione

La vendetta ora costa cara a chi la attuò. E' arrivata nelle aule della giustizia una vicenda che ad Altamura e nei Comuni vicini fece scalpore circa quattro anni fa. Un incontro amoroso venne filmato in un'azienda di Altamura e il video fu poi diffuso e fatto circolare sia sui social network sia su Youtube.

Con le accuse di diffamazione e interferenze illecite nella vita privata, per quattro persone è iniziato il processo davanti al Tribunale di Bari. Il video ritrae un uomo ed una donna in atteggiamenti intimi. I due (lui nudo) vengono sorpresi dalla moglie dell'uomo, colto sul fatto del tradimento che viene subito interrotto. Poi il video viene dato in pasto a chiunque tramite i rapidi passaggi da un cellulare all'altro. La "gogna" diventa pubblica.

I fatti risalgono alla fine del 2016. I due amanti hanno poi fatto denuncia. Dopo il clamore, è diventata una vicenda giudiziaria.

Le persone a processo sono la moglie tradita dell'uomo ed un suo familiare, autori materiali del video. Il filmato poi è stato passato all'ex compagno di lei (la loro relazione si era già interrotta) e quindi ad una quarta persona: gli ultimi due sono accusati di aver pubblicato il video, contribuendo alla massiccia diffusione dello stesso.

I due denuncianti si sono costituiti parti civili in quanto risultano "persone offese" nel procedimento.
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
In sciopero della fame per non perdere la casa In sciopero della fame per non perdere la casa Felice Basile: "E' un'ingiustizia"
Primo passo per ottenere l'ufficio di prossimità della giustizia Primo passo per ottenere l'ufficio di prossimità della giustizia La domanda presentata dal Comune è stata ammessa
Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Presentata la domanda all'avviso della Regione
Agenzia delle Entrate riaprirà nell'ex tribunale Agenzia delle Entrate riaprirà nell'ex tribunale Dopo alcuni interventi della durata di due mesi
Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Per omicidio volontario. In appello ribaltata la sentenza in primo grado a 16 anni
Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Vicenda fece scalpore ad Altamura e nei Comuni tre anni fa
Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Secondo i giudici Difonzo non voleva uccidere ma solo "ledere"
1 Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Agenzia delle Entrate, Centro per l'impiego e Inps
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.