Corteo Foibe 2015
Corteo Foibe 2015
La città

Giornata del Ricordo, giovani in corteo per non dimenticare

Cerimonia finale nella via che ricorda le vittime delle foibe

"Foibe nella roccia… e di roccia era anche il cuore".

La metafora riportata da uno degli striscioni portati in corteo racchiude il senso della tragedia delle foibe, commemorata ieri con il corteo-fiaccolata che ha concluso le celebrazioni della Giornata del Ricordo, organizzate dal Comitato "10 febbraio", giuidato dal portavoce Carlo Moramarco.

Il freddo intenso non ha impedito a un centinaio di persone di percorrere il tragitto da Piazza Zanardelli fino a via Caduti delle Foibe, la strada del quartiere Trentacapilli intitolata nel 2009 alle vittime della pulizia etnica operata dai partigiani del Maresciallo Tito contro le popolazioni italiane di Venezia Giulia, Istria e Dalmazia.

Presenti alcuni esponenti politici di schieramenti diversi, a simboleggiare l'unità nel ricordo del dramma al di là delle contrapposizioni di parte, come voluto dalla legge che dal 2004 sancisce il ricordo dei tragici fatti avvenuti dal '43 al '47, ma soprattutto i giovani, che durante il tragitto hanno cantato l'inno di Mameli, sventolando bandiere tricolori.

Nel corteo anche meno giovani testimoni oculari di quegli anni difficili che videro Altamura ospitare diversi esuli delle terre nord-orientali, come il signor Nino Divella, allora ragazzo, che per conto dell'azienda paterna recava quotidianamente viveri ai profughi raccolti nel campo di raccolta di via Gravina.

La cerimonia si è conclusa con la deposizione di fiori, la lettura di alcune poesie e una preghiera per le vittime delle foibe.
14 fotocorteo foibe
corteo foibe 2015corteo foibe 2015corteo foibe 2015corteo foibe 2015corteo foibe 2015corteo foibe 2015corteo foibe 2015img 7532 1img 7539 1img 7560img 7564img 7544img 7549img 7586
  • Caduti delle foibe
  • Giorno del ricordo
Altri contenuti a tema
Celebrato il Giorno del ricordo, omaggio alla lapide agli esuli Celebrato il Giorno del ricordo, omaggio alla lapide agli esuli Iniziativa dell’associazione CulturaIdentità
Storie di profughi, in una baracca ad Altamura nacque Romeo Sacchetti Storie di profughi, in una baracca ad Altamura nacque Romeo Sacchetti Un messaggio dell'Amministrazione comunale per il Giorno del ricordo
Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Ad Altamura centinaia di famiglie ospitate in baracche del campo 65
Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Negli anni '50 e '60 tantissime famiglie italiane accolte ad Altamura
Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe CulturaIdentità ricorda 80esimo anniversario della morte
Una lapide per gli esuli del centro profughi Una lapide per gli esuli del centro profughi L'area prima fu campo di prigionia (Campo 65) e poi centro di accoglienza
Dalle foibe all'esodo, intreccio della storia ad Altamura Dalle foibe all'esodo, intreccio della storia ad Altamura Il senatore Menia ha presentato un libro e ha parlato del campo 65
Fa discutere la presentazione di un libro sulle foibe Fa discutere la presentazione di un libro sulle foibe L'opposizione di centrodestra contesta le tesi dell'autore Eric Gobetti
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.