Campo esuli
Campo esuli
Associazioni

Celebrato il Giorno del ricordo, omaggio alla lapide agli esuli

Iniziativa dell’associazione CulturaIdentità

Comunicato di CulturaIdentità


Sabato 10 febbraio 2024, soci dell'Associazione nazionale CulturaIdentità e della Società Studi Fiumani di Altamura, hanno deposto fiori all'esterno del Campo Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati (cosiddetto Campo 65) sito nel territorio di Altamura, in memoria dei Martiri delle foibe e per ricordare l'esodo forzato di fratelli e sorelle italiani.

E' stata celebrata la Santa Messa nella Cattedrale di Altamura a suffragio degli infoibati e degli esuli.
Con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004 il Parlamento italiano ha istituito il 10 Febbraio quale "Giorno del Ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra (dall'armistizio dell'08.09.1943 al 10.02.1947 e dopo) e della più complessa vicenda del confine orientale.

Sono previste, per legge, iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado ed è altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende.
L'occupazione jugoslava di Trieste, Gorizia, Istria (primavera del 1945), fu causa non solo del fenomeno delle foibe (cavità carsiche profonde dai 15 mt ad oltre 100 mt), ove furono gettati vivi dai partigiani comunisti slavi del Maresciallo Tito, dopo torture, decine di migliaia di uomini, donne, giovani e bambini innocenti, la cui unica colpa era quella di essere nati italiani, ma anche delle deportazioni nei campi di concentramento jugoslavi di popolazioni inerme; in Istria, a Fiume e in Dalmazia, la repressione comunista jugoslava costrinse 300.000 persone ad abbandonare le loro case per fuggire dai massacri e poter mantenere la propria identità italiana.

Nel febbraio 2006 a Roma presso il Quirinale, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi consegnò una medaglia d'oro al valor civile alla memoria di Norma Cossetto, studentessa di 23 anni, sequestrata, seviziata, violentata e gettata viva in una foiba dai partigiani comunisti titini nell'ottobre del 1943 (Ciampi, nella motivazione, esaltò "il coraggio e l'amor patrio"); in quell'occasione il Presidente Ciampi consegnò anche una ventina di riconoscimenti ad altri parenti di vittime delle foibe.
Diamo atto che da alcuni anni, su nostro invito l'Amministrazione comunale di Altamura fa affiggere un manifesto in occasione del "Giorno del Ricordo", ma chiediamo, altresì, alla stessa Amministrazione comunale, quali iniziative intende predisporre per ricordare degnamente i Martiri delle foibe e il dramma dell'esodo.

Riteniamo essenziale che il Comune di Altamura, proprietario di uno dei 109 Campi Esuli esistenti in Italia, in cui arrivarono parte dei 300.000 esuli italiani d'Istria, Fiume e Dalmazia, costretti a lasciare le terre natie dopo la seconda guerra mondiale, manifesti la sua attiva partecipazione a tale ricorrenza al fine di contrastare qualsiasi forma di negazionismo e revisionismo.
Pertanto, abbiamo proposto, tra le varie iniziative, di illuminare Palazzo di Città con i colori della Bandiera Nazionale e di intitolare una panchina esistente in Piazza Zanardelli o su Corso Federico II di Svevia (vicino alla Chiesa di San Biagio) a memoria di Norma Cossetto.
Il Referente territoriale dell'Associazione CulturaIdentità Carlo Moramarco, nel ringraziare il Sindaco di Altamura Prof. Vitantonio Petronella, per il messaggio diffuso oggi, lo invita:
- a far cambiare l'intitolazione della "Via Caduti delle Foibe" in "Via Martiri delle Foibe";
- a far apporre apposita segnaletica sulla S.S. 96 in direzione Gravina in Puglia e viceversa, in prossimità del Campo Esui;
- ad organizzare un viaggio a Taranto con studenti e cittadini in occasione della tappa del "Treno del Ricordo" (treno partito oggi dalla Stazione di Trieste, i cui vagoni, attrezzati con finalità divulgative e didattiche, porteranno la conoscenza delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata in tutta Italia) prevista per il giorno 27 febbraio 2024, iniziativa promossa dal Ministero della Cultura, per cui ringraziamo il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano.
Nei prossimi giorni CulturaIdentita' e Società Studi Fiumani organizzeranno ad Altamura:
- la presentazione del libro "Costretti all'esilio – Memorie di una bambina istriana" di Nevia Mitton (profuga istriana che è stata nel Campo Esuli di Altamura), intervistata ieri in diretta nella trasmissione Radio anch'io di Rai Radio 1;
- la conferenza stampa con Parlamentari, della presentazione della Proposta di Legge "Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della memoria storica delle vittime delle foibe e delle vicende dell'esodo giuliano-dalmata", approvata dalla Camera dei Deputati e trasmessa al Senato per l'approvazione definitiva.
Omaggio campo esuliOmaggio campo esuli
  • Carlo Moramarco
  • Giorno del ricordo
  • Comitato 10 febbraio
Altri contenuti a tema
Storie di profughi, in una baracca ad Altamura nacque Romeo Sacchetti Storie di profughi, in una baracca ad Altamura nacque Romeo Sacchetti Un messaggio dell'Amministrazione comunale per il Giorno del ricordo
Proposta per un francobollo dedicato al musicista Giacomo Tritto Proposta per un francobollo dedicato al musicista Giacomo Tritto CulturaIdentità ha inviato richiesta per i 200 anni della morte
Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Ad Altamura centinaia di famiglie ospitate in baracche del campo 65
Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Negli anni '50 e '60 tantissime famiglie italiane accolte ad Altamura
Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe CulturaIdentità ricorda 80esimo anniversario della morte
Memoria storica e sviluppo del territorio: le proposte di "CulturaIdentità" Memoria storica e sviluppo del territorio: le proposte di "CulturaIdentità" Sono state presentate al Comune di Altamura
Una lapide per gli esuli del centro profughi Una lapide per gli esuli del centro profughi L'area prima fu campo di prigionia (Campo 65) e poi centro di accoglienza
CulturaIdentità: "Ad Altamura intitolare il giardino della legalità" CulturaIdentità: "Ad Altamura intitolare il giardino della legalità" Trenta anni fa la strage in cui furono uccisi Borsellino e gli agenti della scorta
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.