Romeo Sacchetti (immagine Rai)
Romeo Sacchetti (immagine Rai)
La città

Storie di profughi, in una baracca ad Altamura nacque Romeo Sacchetti

Un messaggio dell'Amministrazione comunale per il Giorno del ricordo

Ad Altamura il Giorno del ricordo, che si celebra oggi, è legato alle vicende del Centro di raccolta profughi degli anni '50-'60. Famiglie che lasciarono le case in Dalmazia, Istria, ecc. e furono ospitati in baracche fatiscenti (le stesse del Campo 65 dove furono imprigionati soldati catturati al fronte, soprattutto in Africa, durante la seconda guerra mondiale).

Tra quelle persone ci fu anche la famiglia Sacchetti che in precedenza era emigrata per lavoro in Romania e poi, per vicende politiche rumene, fu costretta a tornare in patria e si ritrovò nel flusso di esuli dal confine est dell'Italia. Arrivò ad Altamura. E qui nel Centro di raccolta profughi, in uno dei padiglioni, nacque nel 1953 Romeo Sacchetti, campione europeo di pallacanestro e allenatore della Nazionale italiana alle Olimpiadi di Tokyo. La sua vicenda, e quella di altri profughi, è stata raccontata nel bel documentario "Uomini di Altamura, memoria da un campo di prigionia" di Rai Storia che è ancora visibile su Rai Play.

Per la giornata di oggi il sindaco Vitantonio Petronella e l'Amministrazione comunale hanno diffuso un messaggio. "Oggi si celebra il Giorno del Ricordo, istituito 20 anni fa dal Parlamento al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale - si legge nel messaggio -. In questo giorno ci inchiniamo alla memoria delle vittime, infoibate; sono trascorsi dolorosissimi della storia del nostro Paese. Inoltre ricordiamo le centinaia di famiglie che trovarono accoglienza ad Altamura, negli anni '50 e '60, nel Centro di Raccolta profughi (Crp) ministeriale che venne istituito nella vasta area, tra Altamura e Gravina, in cui durante la seconda guerra mondiale fu costruito il campo di prigionia 65. La presenza degli esuli nella nostra città ha dato vita a delle belle pagine di generosità e di accoglienza, in sostegno di famiglie e persone che avevano perso tutto, sradicate dalle loro terre e dalle loro case. Alcune di loro qui misero nuove radici, dando vita a preziose storie di comunità".
  • Caduti delle foibe
  • Giorno del ricordo
Altri contenuti a tema
Celebrato il Giorno del ricordo, omaggio alla lapide agli esuli Celebrato il Giorno del ricordo, omaggio alla lapide agli esuli Iniziativa dell’associazione CulturaIdentità
Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Una targa in ricordo dei profughi del grande esodo Ad Altamura centinaia di famiglie ospitate in baracche del campo 65
Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Una targa e una giornata di ricordo al campo degli esuli Negli anni '50 e '60 tantissime famiglie italiane accolte ad Altamura
Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe Un ricordo per Norma Cossetto, martire delle foibe CulturaIdentità ricorda 80esimo anniversario della morte
Una lapide per gli esuli del centro profughi Una lapide per gli esuli del centro profughi L'area prima fu campo di prigionia (Campo 65) e poi centro di accoglienza
Dalle foibe all'esodo, intreccio della storia ad Altamura Dalle foibe all'esodo, intreccio della storia ad Altamura Il senatore Menia ha presentato un libro e ha parlato del campo 65
Fa discutere la presentazione di un libro sulle foibe Fa discutere la presentazione di un libro sulle foibe L'opposizione di centrodestra contesta le tesi dell'autore Eric Gobetti
"Apporre una targa per ricordare l'esodo dei profughi ad Altamura" "Apporre una targa per ricordare l'esodo dei profughi ad Altamura" Richiesta di quattro consiglieri comunali in occasione del Giorno del ricordo
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.