Albero tagliato
Albero tagliato
La città

Alberi pericolanti, il Comune sceglie gli estremi rimedi

Numerosi tagli di alberi secolari dopo il pino caduto in piazza Stazione

Via gli alberi pericolanti, soprattutto quelli inclinati verso la sede stradale. Il Comune ha scelto di agire con gli estremi rimedi per mettere in sicurezza le alberature che possono presentare problemi di pubblica sicurezza.

Questa la spiegazione fornita dalla sindaca Rosa Melodia in consiglio comunale ad una richiesta di chiarimenti presentata dai banchi dell'opposizione, nello specifico da Giandomenico Marroccoli.

C'era stato il taglio del cedro in piazza Zanardelli, ormai secco. Poi sabato è caduto rovinosamente un pino secolare in piazza Stazione, fortunatamente senza conseguenze per le persone. Da quel momento sono state effettuate potature nella stessa piazza e poi è stata avviata una serie di abbattimenti, sia in piazza Stazione che in piazza Unità d'Italia. Tre quelli rimossi in men che non si dica a ridosso della colonna della Madonnina.

Una "linea dura" che potrebbe proseguire in via Manzoni dove sono in corso dei monitoraggi che riguardano anche altre zone della città dove sono a dimora alberi molto longevi.

Sta di fatto che l'opinione pubblica è divisa. Tenere in equilibrio le esigenze di sicurezza con la tutela del verde pubblico è alquanto difficile e così, se da una parte si è chiesto a gran voce di intervenire subito dopo la caduta del pino in piazza Stazione, dall'altra ci sono anche ragioni affettive o di decoro della città che fanno storcere il naso rispetto a questa serie di abbattimenti.

Aggiornamento
Sono stati dieci in tutto gli alberi abbattuti: sette in piazza Stazione e tre in piazza Unità d'Italia. Il Comune assicura che "ad ogni abbattimento seguirà la piantumazione di alberi di specie più idonee".​

La ricognizione sul verde pubblico è in atto da febbraio, a cura di esperti agronomi e forestali e dell'ufficio tecnico (lavori pubblici) del Comune. Le situazioni più urgenti finora sono state riscontrate in via Matera, Villa Comunale ed in piazza Unità d'Italia. Sono state riscontrate, infatti, patologie che pregiudicano la stabilità degli alberi e dunque la sicurezza dei cittadini.

Inoltre sei alberi nella Villa Comunale risultano pericolosi per l'incolumità di persone e cose.


Nella foto un'aiuola ormai "orfana" in piazza Unità d'Italia
  • Comune di Altamura
  • Alberi
  • Verde pubblico
Altri contenuti a tema
A breve la gara per i lavori alla scuola "Don Milani" A breve la gara per i lavori alla scuola "Don Milani" Enzo Colonna: "Serviranno alla messa in sicurezza della palestra e di altri locali"
Il Comune ha revocato autorizzazione a un laboratorio di analisi Il Comune ha revocato autorizzazione a un laboratorio di analisi Dottor Panaro ad AltamuraLife: "Sono estraneo a questa vicenda"
2 Opere pubbliche, due milioni di euro per piazza Matteotti Opere pubbliche, due milioni di euro per piazza Matteotti Intervento previsto nel piano triennale
Nominato il nuovo collegio dei revisori dei conti Nominato il nuovo collegio dei revisori dei conti Estratto a sorteggio dalla Prefettura, ratificato in consiglio comunale
1 Rifiuti: ogni mese se ne producono 31,5 kg a testa Rifiuti: ogni mese se ne producono 31,5 kg a testa I dati dei primi sei mesi dell'anno. Stabile la raccolta differenziata
Presentato il progetto per realizzare una ciclovia Presentato il progetto per realizzare una ciclovia Sulle vie di Murgia Catena: dal centro storico alla Masseria Jesce
3 "Amministrazione Melodia: un anno in discontinuità con il passato" "Amministrazione Melodia: un anno in discontinuità con il passato" Da Sinistra in Movimento un lungo elenco di traguardi
1 Presentata al Comune la rassegna estiva "AltaMoon" Presentata al Comune la rassegna estiva "AltaMoon" Sei spettacoli e iniziative speciali dedicate alla Luna
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.