Grande pallone da calcio in marmo per ricordare Domi
Grande pallone da calcio in marmo per ricordare Domi
La città

Un grande pallone da calcio in marmo per ricordare Domi

L'opera accoglie le spoglie del giovane vittima innocente di mafia

Sono passati tre anni da quella maledetta sera in cui presso Largo Nitti Domenico Martimucci, il calciatore dell'Acd Castellaneta, rimase gravemente ferito in un attentato dinamitardo alla sala giochi Green Table di Altamura. Domi, che dal giorno della tragedia non aveva mai ripreso conoscenza, è il giovane che ha pagato il prezzo più alto dell'esplosione nel quale rimasero feriti altri due ragazzi.

Domenica 4 marzo, S.Ecc.za Mons. Giovanni Ricchiuti ha celebrato la Santa Messa presso la chiesa del Cimitero Monumentale di Altamura, a cui è seguita la benedizione del monumento dedicato al ventiseienne vittima innocente di mafia.

La famiglia e l'Associazione NOI SIAMO DOMI Onlus hanno avuto la concessione dell'area in cui è stato posizionato il monumento sepolcrale nel febbraio 2016, grazie ad una legge che permette di ottenere un lotto cimiteriale per la sepoltura.

"Sin da subito non abbiamo avuto dubbi sul cosa andava fatto e così abbiamo pensato a un monumento che in qualche maniera potesse rappresentare Domi. Prima dei vari significati che la religione o la filosofia attribuiscono alla sfera, al cerchio, all'infinito, il pensiero di mamma Graziella è andato al pallone da calcio, che più di ogni altra cosa rappresenta la vita di Domenico", spiega Lea Martimucci, sorella di Domi.

La famiglia e tutti gli amici del calciatore hanno fortemente voluto che il mausoleo potesse essere di facile accesso a tutte le persone che nel tempo vorranno rendere omaggio a Domi, per questo motivo la zona non è delimitata da cancelli o porte.

"Domi è il figlio e il fratello di tutti, perciò a tutti noi è sembrato opportuno lasciare il sepolcro "open space", perchè possa servire non solo a ricordarlo, ma soprattutto a tenere bene a mente che quello che è successo a lui poteva accadere a chiunque, ovunque. L'obiettivo è quello di provocare una reazione positiva nel visitatore e, allo stesso tempo, lanciare un messaggio di speranza, di legalità, di rispetto delle regole, di onestà e non di omertà, di vita e non di morte", continua Lea che inoltre è l'architetto che ha progettato il gigantesco sarcofago circolare che accoglie le spoglie del giovane Domi.

La famiglia e l'Associazione tengono a ringraziare le maestranze e le aziende che hanno contribuito alla realizzazione dell'opera, oltre agli uffici tecnici comunali e ai dirigenti che hanno accelerato gli iter burocratici, e tutti coloro che hanno dedicato del tempo per far sì che il manufatto potesse essere consegnato in tempo nella terza giornata del ricordo.
  • Vittime
  • Noi siamo domi
Altri contenuti a tema
Piantato il primo albero del parco verde e centro sportivo dedicato a Domi Piantato il primo albero del parco verde e centro sportivo dedicato a Domi Presso la parrocchia del Santissimo Redentore
In ricordo di Domi a quattro anni dalla scomparsa In ricordo di Domi a quattro anni dalla scomparsa Giovedì 1° agosto una messa per Domenico Martimucci
Nel nome di Domi, istituita giornata della legalità Nel nome di Domi, istituita giornata della legalità Stasera le iniziative per Domenico Martimucci
Alla scuola "Padre Pio" un progetto di educazione alla legalità Alla scuola "Padre Pio" un progetto di educazione alla legalità Protagonista la onlus "Noi siamo Domi". Enzo Colonna: "Iniziativa importante"
1 Un albero in ricordo di "Domi" Un albero in ricordo di "Domi" Il 4 marzo giornata della memoria per il quarto anniversario
XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno, c’è anche Domi nel ricordo di Libera XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno, c’è anche Domi nel ricordo di Libera 5000 persone in corteo contro le mafie
2 Altamura ricorda Domi Altamura ricorda Domi Sabato secondo appuntamento della giornata "Io non dimentico"
Uno strumento salvavita per ricordare Domi Martimucci Uno strumento salvavita per ricordare Domi Martimucci Consegnato all'ospedale della Murgia dopo l'impegno dell'associazione Noi Siamo Domi
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.