Conferenza stampa Fortis Murgia
Conferenza stampa Fortis Murgia
Territorio

La Fortis Murgia è costretta ad emigrare

Tre squadre nello stesso stadio. La partita tra la formazione murgiana e la Battipagliese si giocherà a Picerno (PZ)

È accaduto quello che non doveva succedere: a causa della concomitanza tra le partite Fortis Murgia – Battipagliese (serie D) e US Altamura – Fulgor Molfetta (3^ Categoria), la squadra del falco grillaio sarà costretta a giocare a Picerno, in provincia di Potenza, lasciando lo stadio altamurano "D'Angelo" alle disponibilità della squadra guidata dalla famiglia Tafuni.

La responsabilità dell'accaduto è sicuramente da addebitarsi all'Amministrazione comunale, rea di aver elargito permessi per l'utilizzo dello stadio "D'Angelo" con troppo leggerezza e colpevole di non aver stabilito in tempo un ordine di priorità per l'utilizzo dell'impianto. L'Amministrazione, tramite un comunicato (pubblicato integralmente a lato, nel box di approfondimento), ha fatto intendere di non avere nessuna responsabilità in quanto non è suo compito stilare i calendari dei campionati sportivi, confidando nella collaborazione tra le società interessate, collaborazione che è da sempre difficile, figuriamoci adesso con l'avvento di una società, la Fortis Murgia, che, anche se composta in gran parte da dirigenti e tecnici altamurani, sulla carta rimane una società lucana, avendo la propria sede sociale ad Irsina, in provincia di Matera.

Purtroppo l'Amministrazione comunale di Altamura non è nuova a figuracce del genere: è nella memoria di tutti un episodio accaduto qualche anno fa con una partita che si sarebbe dovuta disputare sempre al "D'Angelo", rinviata perché l'impianto sportivo era occupato, chiaramente con l'autorizzazione del Comune, dal luna park arrivato in città per una festa patronale. La Fortis Murgia, dal canto suo, per mettere in chiaro la propria posizione in questa vicenda, ha immediatamente convocato una conferenza stampa tenutasi nel tardo pomeriggio presso la sala "Tommaso Fiore" del Gal "Terre di Murgia".

La conferenza stampa è stata aperta dall'avvocato Gianni Moramarco che, oltre a ribadire con forza il progetto di valorizzazione del territorio che accompagna quello sportivo, ha puntato in primis il dito verso l'Amministrazione comunale, e poi, in particolare, verso un Consigliere vicino ad una delle società altamurane, il quale, a suo dire, ostacola da sempre il loro operato e verso l'Assessore allo sport, chiamatosi subito fuori dalla questione. Ha poi preso la parola l'addetto stampa della società murgiana, Felice Griesi, che ha comunicato ai presenti di aver già provveduto ad informare tutti gli organi di stampa, anche nazionali, dell'incresciosa situazione venutasi a creare ad Altamura dove, cito testualmente, "si è preferito dar spazio ad una partita tra scapoli ammogliati (ndr, quella dell'US Altamura) piuttosto che a una di un campionato importante come quello di serie D". Sono intervenuti, inoltre, l'ex consigliere comunale Nicola Clemente e il consigliere di minoranza Lillino Colonna, che hanno dato il loro sostegno alla causa della Fortis Murgia.

Morale della favola: ancora una volta l'Amministrazione comunale si è dimostrata insensibile verso il movimento sportivo cittadino governato da interessi che di sportivo non hanno niente. A rimetterci sono, come sempre, i cittadini, soprattutto quelli appassionati di sport, già delusi per quanto successo in passato e non solo nel calcio.


Circa la concomitanza di alcune gare di calcio previste allo stadio "D'Angelo" di Altamura, l'Amministrazione comunale con fermezza afferma di non avere alcuna responsabilità in tali disguidi e riepiloga quanto di sua competenza.

Innanzitutto esiste un sovraffollamento al campo sportivo "Cagnazzi" che è attualmente utilizzato da 11 tra associazioni e società di calcio per allenamenti e/o partite.

Visto tale sovraccarico è stata concessa la disponibilità dello stadio "D'Angelo" a tre società che militano in campionati di categoria diversa: Usd Fortis Murgia Irsina, Us Altamura, Real Altamura. Tale disponibilità è stata concessa non ora ma negli scorsi mesi, addirittura a giugno e luglio, ben prima della stesura dei calendari.

Qui finisce il compito dell'Amministrazione comunale che permette a tutti di utilizzare gli impianti sportivi e che certamente non regolamenta né calendarizza i campionati.

Pertanto si invitano i Comitati di calcio a definire i calendari evitando le sovrapposizioni e si invitano altresì le società di calcio a collaborare al massimo grado per evitare disguidi nell'utilizzo degli impianti sportivi sia per le gare di calcio che per gli allenamenti.

Altamura, 19 novembre 2010
Dal Palazzo di Città
Ufficio Relazioni Esterne
  • Stadio D'Angelo
  • Fortis Altamura
Altri contenuti a tema
Nuove torri faro per lo stadio D'Angelo Nuove torri faro per lo stadio D'Angelo Completati i lavori avviati lo scorso giugno
Iniziano i lavori per le torri faro allo stadio Iniziano i lavori per le torri faro allo stadio Per consentire le gare anche in notturna
"Fare una squadra unica per il calcio altamurano" "Fare una squadra unica per il calcio altamurano" La Fortis propone alla Team un'unione per tentare la scalata al calcio professionistico
Opere pubbliche, passo avanti per l'illuminazione dello stadio Opere pubbliche, passo avanti per l'illuminazione dello stadio Per la palestra della scuola "Padre Pio" arrivate oltre 240 domande di partecipazione
Stadio D'Angelo omologato: potrà finalmente ospitare gli incontri calcistici di Serie D Stadio D'Angelo omologato: potrà finalmente ospitare gli incontri calcistici di Serie D Soddisfatta l’Amministrazione, augura a tutti un buon inizio campionato
Stadio D'Angelo: lavori quasi del tutto ultimati Stadio D'Angelo: lavori quasi del tutto ultimati Il Consigliere regionale Enzo Colonna: "Per domenica 10 settembre lo stadio dovrebbe essere a piena disposizione di squadra e sportivi altamurani"
Team Altamura: come volevasi dimostrare Team Altamura: come volevasi dimostrare Sabato per la prima di Coppa Italia niente D’angelo ma tutti al Vicino di Gravina
1 Tutto pronto per il prossimo campionato di serie D? Tutto pronto per il prossimo campionato di serie D? All’appello manca ancora il collaudo statico del “Tonino d'Angelo”
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.