Vetrata rotta della Cattedrale
Vetrata rotta della Cattedrale
Cronaca

Una pallonata e un'altra vetrata della Cattedrale si rompe

Nuovo danneggiamento al monumento simbolo. La delusione di don Nunzio Falcicchio

Nuovo danneggiamento alla Cattedrale, monumento simbolo di Altamura. Una pallonata, mentre si giocava sul marciapiede della chiesa federiciana, ha colpito e infranto una vetrata posta sulla porta Angioina.

Accade per la terza volta. L'episodio più clamoroso era avvenuto a Capodanno, con una bomba carta posizionata proprio nella porta Angioina, in modo da creare un effetto ancora più forte e un'onda d'urto più violenta. Ancora una volta sarà necessario riparare il danno, certamente fatto senza volontà. Ma il problema è sempre lo stesso: la tutela del bene culturale è più a parole che nei fatti. Per non parlare dei frequenti atti vandalici e teppistici e dell'abbandono di bottiglie, sigarette all'arco Duomo e lungo il perimetro del monumento.

E' deluso, ma non ancora rassegnato, don Nunzio Falcicchio, responsabile per la diocesi per i beni culturali ed ecclesiastici. "Si gioca a pallone sul marciapiede della Cattedrale e si rompono i vetri - commenta l'episodio con Altamuralife -. Così amiamo i nostri beni di cui tanto ci vantiamo? Possibile che in una piazza così importante non ci possa essere un divieto in tal senso e un controllo maggiore? A quando la rottura di un altro vetro? Ricordo che da circa un anno sono terminati i lavori di restauro ed è già la terza volta che si rompono le vetrate".

E' un film già visto. Il problema è sempre nell'equilibrio tra la tutela dei beni comuni e la libertà. Giocare sul marciapiede in piazza Duomo non è vietato ma è pur sempre un luogo molto sensibile per storia e cultura, soprattutto dopo l'ultimo recente restauro. Se non c'è un rispetto sostanziale, con una capacità collettiva (non parliamo di singoli) di lasciare intatto e integro un bene culturale e turistico di tale rilevanza, si pone allora il problema di dare delle regole, seppure impopolari. Se vogliamo dirla in altri termini, serve anche un "governo delle piccole cose" se non si è in grado di essere rispettosi del monumento sacro, l'unica chiesa fatta costruire da Federico II di Svevia che invece ha disseminato l'Italia di castelli e manieri.
  • Cattedrale
  • Don Nunzio Falcicchio
Altri contenuti a tema
1 Sarà restaurato l'organo monumentale della Cattedrale Sarà restaurato l'organo monumentale della Cattedrale Finanziato pure il museo della memoria dell'Unione cristiana evangelica battista
Una visita inedita alla Cattedrale di Altamura Una visita inedita alla Cattedrale di Altamura Un tour in realtà aumentata
Diventare turisti nella propria città Diventare turisti nella propria città Il primo luogo della cultura a riaprire è il Mudima
6 Una Cattedrale inedita: tutta in mattoncini Una Cattedrale inedita: tutta in mattoncini Opera realizzata da Massimo Loglisci, marmista di Gravina
Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse La diocesi si adegua alle disposizioni del governo e della Cei
Volontariato con gli "angeli custodi" della Cattedrale Volontariato con gli "angeli custodi" della Cattedrale Invito dell'ufficio diocesano per i beni culturali
3 Riparati i danni alla Cattedrale ma il problema rimane Riparati i danni alla Cattedrale ma il problema rimane Non c'è rispetto per il luogo simbolo della città
Vetrata della Cattedrale danneggiata da scoppio di botti Vetrata della Cattedrale danneggiata da scoppio di botti Messa in sicurezza dai Vigili del fuoco
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.