Papa Francesco - Giovanni Ricchiuti (foto Pax Christi)
Papa Francesco - Giovanni Ricchiuti (foto Pax Christi)
Religioni

Ucraina: il vescovo Ricchiuti andrà a Odessa

Fra tre settimane con la carovana della pace per portare avanti azione pacifista

Il vescovo della diocesi di Altamura, Gravina e Acquaviva e presidente di Pax Christi partirà a metà luglio per Odessa, in Ucraina, con una carovana della pace. Odessa è la città sul mar Nero, strategica e fondamentale per le esportazioni di grano di cui l'Ucraina è uno dei maggiori produttori al mondo (soprattutto per il tenero). Lo sblocco del porto è al centro di negoziati internazionali ai massimi livelli perché lo stop ad oltranza rischia di provocare un'emergenza cibo mondiale.

"Ho dato la mia disponibilità a partecipare alla prossima carovana, sempre verso Odessa, in programma dal 14 al 18 luglio", ha annunciato Ricchiuti.

Partirà con la carovana della pace che è organizzata dalla rete nazionale "Stop the war now" di cui fanno parte 175 enti, movimenti, associazioni tra cui "Pax Christi". Prevista la partecipazione di 25 mezzi e un centinaio di persone con l'intenzione di "chiedere che venga riaperto il porto di Odessa, consentendo l'esportazione di grano, perché nessuno ha il diritto di far morire nessun altro di fame>> e si vuole anche <<portare aiuti umanitari indispensabili per la popolazione civile". Viene ribadito, in rappresentanza della società civile non violenta e pacifista, l'appello a proclamare immediatamente il cessate il fuoco, per dare spazio alla diplomazia internazionale e alle Nazioni Unite e per consentire alle organizzazioni umanitarie internazionali di intervenire.

"E' una scelta importante - afferma Ricchiuti - che ci aiuta a non dimenticare e a non abituarci alla guerra e a fare sentire la nostra vicinanza alle vittime, chiedendo ai responsabili impegni concreti per la pace, non per una escalation della guerra. A proposito di guerra nei giorni scorsi è stata data la notizia del primo aereo caccia F35 consegnato alla base militare di Ghedi, dove ci sono bombe nucleari. La notizia è stata data con toni trionfalistici, quando invece è una notizia tragica, di aumento delle scelte di guerra. Con spese economiche folli! No, io non esulto davanti a questa notizia - ha aggiunto ribadendo la sua netta contrarietà all'invio di armi e alla corsa agli armamenti - e mi rattrista il sapere che gli F35 sono qui nell'aeroporto di Amendola, nella mia, nostra Puglia, che don Tonino Bello definiva arca di pace, non arco di guerra''.
  • Monsignor Giovanni Ricchiuti
  • Ucraina
Altri contenuti a tema
Donato a Kiev un bassorilievo di San Michele Arcangelo Donato a Kiev un bassorilievo di San Michele Arcangelo Iniziativa partita dalla Puglia. Partecipa anche prof. Gesualdo
Pasqua: il messaggio del vescovo Ricchiuti Pasqua: il messaggio del vescovo Ricchiuti Un richiamo ai "macigni" dei nostri giorni
Marcia per la pace, delegazioni da diocesi di tutta Italia Marcia per la pace, delegazioni da diocesi di tutta Italia Corteo lungo le strade e tappe nelle parrocchie
Auguri natalizi di Mons. Ricchiuti in un videomessaggio Auguri natalizi di Mons. Ricchiuti in un videomessaggio In occasione del natale il vescovo invita alla condivisione con i bisognosi
Ad Altamura la marcia nazionale della pace Ad Altamura la marcia nazionale della pace In programma sabato 31 dicembre. Organizzano la Diocesi e la CEI
Agricoltura: nuovi avvisi della Regione per contributi Agricoltura: nuovi avvisi della Regione per contributi Per sostegno dopo la crisi Ucraina e per investimenti strutturali
Il vescovo Ricchiuti celebra 50 anni di sacerdozio Il vescovo Ricchiuti celebra 50 anni di sacerdozio Cerimonia nella Cattedrale di Altamura
Il vescovo in Ucraina per aiuti umanitari e appello per la pace Il vescovo in Ucraina per aiuti umanitari e appello per la pace Ricchiuti sarà a Mikolaiv e Odessa
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.