tavolini
tavolini
Palazzo di città

Tavolini e sedie all'aperto, si attende ancora il regolamento

Documento pronto ma non arriva in consiglio comunale

Si fa attendere il regolamento per disciplinare gli allestimenti esterni dei locali e degli esercizi pubblici. Tavolini, sedie e spazi all'aperto (i "dehors", dal francese "fuori"). Il documento conclusivo, frutto della concertazione con le categorie e con i cittadini, non è ancora arrivato in consiglio comunale.

L'obiettivo è snellire l'iter autorizzativo. Il regolamento entra nel merito della tipologia e caratteristica dei "dehors". Materiali, colori, tipi di strutture. Nel caso del centro storico, più soggetto a tutela, le autorizzazioni possono essere rilasciate per un massimo di 270 giorni e non sono ammesse strutture delimitate e chiuse; inoltre c'è un doppio passaggio. L'operatore che vuole posizionare dei "dehors" deve chiedere al Comune l'occupazione di suolo pubblico e fare istanza di autorizzazione alla Soprintendenza. La disciplina che dovrà ottenere l'approvazione dell'assise consiliare intende ridurre la doppia fase ad una, con la sola presentazione dell'istanza al Comune.

La questione è fortemente sentita dagli esercenti di locali pubblici. Altamura, soprattutto nello scorso anno, ha conosciuto un buon movimento turistico. E, come ogni città che ambisce ad essere una meta privilegiata, la possibilità di bere un caffè o mangiare uno spuntino all'aperto, soprattutto quando il tempo lo permette, è una condizione imprescindibile sia per i visitatori che per gli stessi residenti.

Nel centro storico si soffre questa imposizione di smontare gli allestimenti dopo nove mesi, quindi l'impossibilità di avere una continuità. Ma su questo punto non è la parola di disponibilità del Comune a contare, bensì il parere dell'ente competente sui beni culturali.

Il regolamento è pronto. Ci sono stati già sia le assemblee di partecipazione sia i tavoli tecnici tra Comune, Comando di Polizia locale, Asl e Soprintendenza. L'obiettivo della maggioranza è portare il provvedimento nel prossimo consiglio comunale ma, per una questione di tempi, rischia di accavallarsi alle sessioni di bilancio.
  • Centro Storico
  • Consiglio comunale
Altri contenuti a tema
Deposito nucleare, nasce comitato appulo-lucano contro le scorie Deposito nucleare, nasce comitato appulo-lucano contro le scorie E viene convocato il consiglio comunale
Nucleare: la Murgia dice no Nucleare: la Murgia dice no Sindaca Melodia: "Nel 2016 votato un ordine del giorno di sette Comuni"
"Partecipate al consiglio, non strumentalizzate l'emergenza Covid" "Partecipate al consiglio, non strumentalizzate l'emergenza Covid" Dalla presidenza dell'assise l'invito alla minoranza
Consiglio comunale in videoconferenza, opposizione non ci sarà Consiglio comunale in videoconferenza, opposizione non ci sarà Per polemica in otto non parteciperanno
Al via i lavori nel centro storico Al via i lavori nel centro storico Primo cantiere sui tre previsti per riqualificazione di vie e piazze
Un consiglio comunale sull'emergenza Covid Un consiglio comunale sull'emergenza Covid Un'altra seduta già convocata per il bilancio consolidato. Tutto in videoconferenza
Altamura al centro, staffetta fra Lorusso e Tafuni Altamura al centro, staffetta fra Lorusso e Tafuni Un cambio in consiglio comunale
Saltano i consigli comunali in presenza, si faranno in videoconferenza Saltano i consigli comunali in presenza, si faranno in videoconferenza Prima attuazione del nuovo decreto Conte
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.