Arresti
Arresti
Cronaca

Rifiuti e sanità, tre altamurani ai domiciliari

Appalti illeciti e gare truccate, cinque le persone finite in manette. Due imprenditori ed un dirigente Asl sono di Altamura

Turbativa d'asta, corruzione, rivelazione di segreti d'ufficio, falsità materiale in atti pubblici. Con queste accuse, cinque persone sono finite agli arresti domiciliari. Tra loro, anche i nomi di due imprenditori altamurani. Si tratta del legale rappresentante dell'azienda Vi.ri. (appartenente al gruppo Tradeco), Michele Columella, e del titolare della stessa societa', Francesco Petronella. Gli arresti rientrano nell'ambito di una delle inchieste della Repubblica di Bari sulla gestione della sanità pugliese. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari e del ROS (Reparti Operativi Speciali). Due delle persone finite in manette rivestono ruoli di dirigenza all'interno della Asl di Bari, la terza è ex capoarea gestione patrimonio della Asl di Bari. Uno dei dirigenti Asl arrestati, Filippo Tragni, è di Altamura. Gli altri due sono Antonio Colella e Nicola Del Re.

La vicenda riguarda appalti di rifiuti speciali prodotti dalle strutture sanitarie e amministrative aggiudicati illecitamente e appalti relativi alla fornitura di attrezzature necessarie per il completamento della nuova sede dell'Istituto ricovero e cura "Giovanni Paolo II" di Bari (Istituto Oncologico).

L'ordinanza, emessa dal giudice per le indagini preliminari Vito Fanizzi, è stata eseguita in mattinata su richiesta avanzata dai PP.MM. Desirè Digeronimo, Marcello Quercia e Francesco Bretone.

Nell'inchiesta è coinvolto anche l'ex assessore regionale alle politiche della Salute Alberto Tedesco, nei cui confronti sono al vaglio degli inquirenti ulteriori vicende sospette.
  • Arresti domiciliari
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
Lotta sempre più dura agli inquinatori, c'è ancora molto da fare Lotta sempre più dura agli inquinatori, c'è ancora molto da fare Aumentano le sanzioni e le denunce ma il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti non si ferma
Guerra all'abbandono dei rifiuti Guerra all'abbandono dei rifiuti Palazzo di città apre il registro delle segnalazioni
2 Incendio di rifiuti, scoperto e denunciato il responsabile Incendio di rifiuti, scoperto e denunciato il responsabile L'uomo ha appiccato le fiamme in via Cassano. Indagine della Polizia locale
5 Raccolta differenziata, Altamura si conferma al 70% Raccolta differenziata, Altamura si conferma al 70% Aumenta l'afflusso al centro di raccolta Teknoservice. In previsione nuove campagne di sensibilizzazione
Incendi in periferia, le discariche abusive sono un serio pericolo Incendi in periferia, le discariche abusive sono un serio pericolo Aumentano i casi: gli immondezzai vengono dati alle fiamme
1 Abbandono di rifiuti, aumentano i controlli e le fototrappole e anche le sanzioni Abbandono di rifiuti, aumentano i controlli e le fototrappole e anche le sanzioni Parte anche la campagna social "antisporcaccioni"
2 Ccr: via libera dall'amministrazione alle isole ecologiche Ccr: via libera dall'amministrazione alle isole ecologiche Confermate le due località definite dalla giunta Forte. E l'opposizione fa ironia
1 Linea dura contro l'abbandono di rifiuti, altre sessanta multe Linea dura contro l'abbandono di rifiuti, altre sessanta multe Si aprono i sacchetti dell'immondizia per poter scoprire i responsabili
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.