giustizia
giustizia
Cronaca

Iniziato il processo antimafia per traffico di droga e delitti dell'ultimo decennio

A novembre c'è stata l'operazione Nemesi

Sono 46 le persone a giudizio, con rito abbreviato, nel processo antimafia iniziato due giorni fa nell'aula bunker di Bitonto. E' lo sviluppo giudiziario dell'operazione del 15 novembre scorso in cui sono state eseguite 58 misure cautelari per l'indagine della Direzione distrettuale antimafia di Bari, condotta dai Carabinieri del comando provinciale di Bari, al sodalizio denominato "D'Abramo-Sforza".

Le accuse al clan, a vario titolo, sono l'associazione di tipo mafioso armata, detenzione e porto di armi, anche da guerra, traffico di sostanze stupefacenti, omicidio, tentato omicidio, estorsione, turbativa d'asta. L'operazione è stata denominata "Nemesi".

Nel giudizio si sono costituiti parti civili il Comune di Altamura e la Regione Puglia.

Dopo l'esecuzione delle misure si specificò che le accuse sono di associazione di tipo mafioso, anche armata, detenzione e porto di armi anche da guerra, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, omicidio, tentato omicidio, estorsione, turbativa d'asta. Eseguito anche il sequestro di quattro immobili, un esercizio commerciale del valore complessivo di oltre due milioni di euro nonché due autovetture di grossa cilindrata. Nel corso dell'indagine, i Carabinieri avevano già recuperato un considerevole quantitativo di droga pari a circa kg 5 di cocaina, kg 9 di marijuana e kg 16 di hashish. L'indagine è stata avviata nel 2017 dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Bari, sviluppata quasi esclusivamente mediante servizi di osservazione e pedinamento effettuati sul territorio, accompagnati da attività tecniche d'intercettazione telefonica ed ambientale.

Dall'indagine è emersa l'esistenza di un'organizzazione criminale legata al clan Parisi di Bari e attiva nel territorio di Altamura. Stando alle indagini, si riforniva di droga dal clan Parisi-Palermiti di Bari e da Cerignola. Tra i capi d'imputazione vengono contestati l'omicidio e la soppressione del cadavere di Angelo Popolizio, scomparso ad Altamura il 7 agosto 2014, e due tentativi di omicidio.

L'inchiesta della Dda (pm Marco D'Agostino) ha avuto anche altri sviluppi e sono stati indagati tre carabinieri che prestavano servizio ad Altamura e che sono stati indicati da alcuni collaboratori di giustizia per presunte condotte di favoreggiamento.
  • Giustizia
  • Antimafia
Altri contenuti a tema
Ufficio del giudice di pace, urgente altro personale Ufficio del giudice di pace, urgente altro personale Al momento una sola unità del Comune (su tre) è in servizio
Fiori per Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Fiori per Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Ricordo nel triste anniversario. Proposta di intitolazione di "CulturaIdentità"
Omicidio di Fraccalvieri nel 2011, un'assoluzione in appello Omicidio di Fraccalvieri nel 2011, un'assoluzione in appello Assolto Francesco Mangiatordi
Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Uffici di prossimità della giustizia, il Comune si candida Presentata la domanda all'avviso della Regione
1 'Portare la toga di magistrato è un servizio, non un gioco di potere' 'Portare la toga di magistrato è un servizio, non un gioco di potere' Lettera aperta del giudice Pietro Errede a Luca Palamara
Criminalità murgiana, 11 condanne e 22 assoluzioni Criminalità murgiana, 11 condanne e 22 assoluzioni Dopo dieci anni si conclude il processo per un traffico di droga
Criminalità, in Puglia 2.489 di terreni agricoli nelle mani della mafia Criminalità, in Puglia 2.489 di terreni agricoli nelle mani della mafia Dati allarmanti da Coldiretti e Eurispes: In fumo 2,37 miliardi di euro
Operazione antimafia: 14 arresti Operazione antimafia: 14 arresti La banda operava anche in territorio altamurano
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.