Muretti a secco
Muretti a secco
Territorio

I muretti a secco dichiarati patrimonio dell'umanità

Decisione dell'Unesco che premia l'Italia ed altri sette Paesi europei

I muretti a secco, elemento identitario nella Murgia barese così come in tanti altri paesaggi italiani, sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità.

Lo ha deciso il comitato internazionale dell'Unesco, l'agenzia dell'Onu per la protezione della scienza, dell'arte e della cultura. L'organismo dell'Onu ha deciso che è "patrimonio intangibile dell'umanità" l'arte di costruire i muretti a secco.

La candidatura è stata presentata dall'Italia insieme a Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Italia, Slovenia, Spagna e Svizzera.

Nella motivazione l'Unesco riconosce la particolare conoscenza di questa arte nel realizzare costruzioni di pietra, mettendole una sull'altra, senza usare altri materiali fatta eccezione in alcuni casi per la terra asciutta. Caratteristici di zone rurale, i muretti a secco svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle frane, delle inondazioni e delle valanghe e nella lotta all'erosione e alla desertificazione della terra, aumentando la biodiversità e creando condizioni microclimatiche adeguate per l'agricoltura.

L'Unesco, in particolare, ha tenuto in grande considerazione soprattutto il rapporto di armonia tra l'uomo e la natura.
  • Unesco
Altri contenuti a tema
La Murgia lancia la sfida per l’Unesco La Murgia lancia la sfida per l’Unesco Incontro al Parco dell’Alta Murgia per creare una rete tra gli enti interessati
Coordinamento Europeo “Salviamo l’Uomo di Altamura” in visita a Lamalunga Coordinamento Europeo “Salviamo l’Uomo di Altamura” in visita a Lamalunga Ad Altamura per l'occasione anche il Commissario UNESCO, Dr. Enrico Vicenti
Claustri, che fine ha fatto la candidatura Unesco? Claustri, che fine ha fatto la candidatura Unesco? L'antropologo Mirizzi: "Necessario un dossier complesso"
Premio UNESCO ad un sacerdote consacrato ad Altamura Premio UNESCO ad un sacerdote consacrato ad Altamura Si chiama Padre Giuseppe Piemontese ed è custode del Sacro Convento di Assisi
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.