museo archeologico nazionale
museo archeologico nazionale
Eventi e cultura

Dantedì: nel progetto del Museo il Pulo diventa l'Inferno

La dolina carsica "racconta" l'archeologica

Ieri in tutta Italia si è tenuto il "Dantedì", dedicato a Dante Alighieri. Per lo stop a tutte le attività delle scuole e dei musei, a causa dell'emergenza sanitaria, non si sono tenute iniziative. Il Museo Archeologico di Altamura aveva organizzato un progetto, insieme al sesto circolo didattico "Don Lorenzo Milani" e all'ITT "Nervi Galilei", ed ha voluto ugualmente presentarlo. In modalità ovviamente a distanza, tramite i social.

Il progetto, coordinato dalla direttrice del Museo Elena Saponaro, si basa sull'accostamento immaginifico tra l'Inferno della Divina Commedia e il Pulo di Altamura, la più grande dolina carsica dell'Alta Murgia. La morfologia, infatti, è sovrapponibile:
  • una profonda depressione originata dall'azione erosiva dell'acqua piovana esercitata sulle rocce calcaree nel caso del Pulo, una voragine infernale formatasi per l'orrore provato dalle terre emerse a contatto con la caduta di Lucifero, respinto dal Paradiso.
  • il Lucifero dantesco giace conficcato nel centro della Terra, nel punto più lontano da Dio, immerso fino al busto nel lago sotterraneo di Cocito, il quale è perennemente congelato a causa del vento gelido prodotto dal continuo movimento delle sue sei ali. Dal suo canto, il Pulo, è il punto più basso di una vasta area di scolo delle acque piovane, la quale sopraggiunge attraverso le due lame, una a nord-est ed una a nord-ovest. Tale bacino idrografico costituisce, secondo il noto studioso Colamonico, "una delle più ampie zone d'assorbimento che si trovino in tutta la Puglia".
  • L'Inferno descritto da Dante Alighieri è una profonda cavità a forma di imbuto "un'immensa voragine a forma di cono rovesciato, che si spalanca nelle viscere della terra sotto la città di Gerusalemme, nell'emisfero settentrionale della Terra" ; similmente il solco erosivo del Pulo, situato a nord-est, più di due milioni di anni fa si ritiene fosse sotterraneo e che avesse il suo recapito finale in un inghiottitoio allargatosi via via in tal misura fino a collassare.

Ogni "girone" dantesco corrisponde a uno "strato" del Pulo di Altamura e in ciascuno è stato collocato un reperto archeologico di cui è stata data descrizione.

Un progetto molto interessante che merita, non appena sarà possibile, una presentazione pubblica e un ulteriore seguito.
  • Museo nazionale archeologico
Altri contenuti a tema
Restiamo a casa e scopriamo il museo... a distanza Restiamo a casa e scopriamo il museo... a distanza Il Museo archeologico fruibile sui "social"
Altamura, musei aperti a Pasqua e Pasquetta Altamura, musei aperti a Pasqua e Pasquetta Ecco gli orari per visitarli
Al Museo Archeologico si celebra giornata della memoria Al Museo Archeologico si celebra giornata della memoria Con riflessioni e letture su Auschwitz
Giornate europee del patrimonio, visite ed iniziative speciali nei musei Giornate europee del patrimonio, visite ed iniziative speciali nei musei Al Museo Archeologico di Altamura il racconto di come nasce una mostra o un prestito d'arte
1 Estate turistica, bilancio finora positivo Estate turistica, bilancio finora positivo Sono aumentati i visitatori. Pro Loco: "C'è stata tantissima gente"
3 Presenze record nel 2017 per i musei in Puglia, 20% in più di visitatori Presenze record nel 2017 per i musei in Puglia, 20% in più di visitatori Ottava posizione per il Museo Archeologico di Altamura
GEP 2017: il Museo Nazionale Archeologico intasca numerose presenze GEP 2017: il Museo Nazionale Archeologico intasca numerose presenze Secondo i dati ufficiali, Altamura in quinta posizione nella generale del Polo Museale della Puglia
Ad Altamura la Festa dei Musei Ad Altamura la Festa dei Musei Due giorni di incontri e visite guidate
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.