Francesca Portoghese nell'Antica Tipografia di famiglia
Francesca Portoghese nell'Antica Tipografia di famiglia
Palazzo di città

Antica Tipografia Portoghese, proseguirà la valorizzazione

Il Museo di arte tipografica è un bene culturale unico. Il Comune approva una convenzione

Il Museo dell'arte tipografica "Portoghese" in via Scipione Ronchetti 2, costituito da un patrimonio unico di archeologia industriale con una storia di 120 anni, continuerà a vivere e sarà ulteriormente valorizzato per la fruizione.

Con una delibera della giunta comunale viene approvata una convenzione della durata di sette anni, eventualmente rinnovabili, tra l'ente locale e l'associazione culturale "Museo d'arte tipografica Portoghese" voluta dalla famiglia. I locali vengono concessi a titolo gratuito, una formula più che legittima perché il Museo deve continuare a vivere e solo la famiglia (tramite l'associazione) può continuare a tenerla aperta e fruibile.

L'Antica Tipografia "Portoghese" è uno dei "Luoghi del cuore" più amati (e votati) d'Italia: al 17° posto in assoluto (terzo bene più votato in Puglia, dopo il Castello Aragonese ed una chiesa di Taranto). Il suo valore è stato riconosciuto ulteriormente con l'inserimento di questo luogo nel circuito dell'Aimsc (Associazione italiana musei della carta e della stampa).

La storia è scritta sui muri ed è cristallizzata nelle antiche macchine. La Tipografia Portoghese, fondata da Gaetano e Francesco Portoghese nel 1891, viene impiantata nel 1893 in alcuni ambienti dell'ex convento di Sant'Antonio dei Frati Conventuali, a ridosso di Porta Matera (via Ronchetti 2). Nell'edificio era stata istituita nel 1872 la Scuola Speciale di Agricoltura con un annesso Convitto per la formazione di agricoltori e fattori e successivamente l'Orfanotrofio Simone-Viti Maino con una scuola elementare di arti e mestieri. Viene diretta prima dai due fondatori e poi da Filippo Portoghese, seguito da suo figlio Nicola (detto Nicolino). Nel 2000 l'attività commerciale si interrompe. Non è più possibile fare fronte alle nuove e più veloci macchine di stampa.

Manifesti, locandine, ordinanze, annunci commerciali, culturali, civili e religiosi, rendiconti economici in parte affissi alle pareti consentono di ricostruire il clima culturale, il dibattito politico, l'attività amministrativa e la storia cittadina lungo tutto il Novecento.

Nel 2010 la famiglia Portoghese, tuttora proprietaria del bene, ha istituito l'Associazione Culturale Museo d'Arte Tipografica Portoghese e ha avviato un'attività museale in convenzione con il Comune. Nel 2018 il Museo ha riaperto i battenti per le giornate FAI di Primavera. Nel frattempo questo "luogo del cuore" è diventato il fulcro di varie iniziative culturali, stabilmente presente sulla scena culturale.

Tutte le macchine sono perfettamente funzionanti e la tipografia conserva gelosamente clichés e caratteri mobili, tutti utilizzabili per le composizioni a mano.

Onofrio Bruno

(Francesca Portoghese nella foto di Francesca Zaccaria)
  • Comune di Altamura
  • Museo di Arte tipografica Portoghese
  • Beni culturali
Altri contenuti a tema
1 Un buon governo pensa al futuro Un buon governo pensa al futuro Giovanni Saponaro a la sua visione di politica, intervista ad AltamuraLife
Il Centro per l’impiego apre i battenti nell’ex tribunale Il Centro per l’impiego apre i battenti nell’ex tribunale Da oggi nuova sede. Code e attese nella prima giornata
Sito storico di San Michele, un "puzzle" di lavori per farlo risplendere Sito storico di San Michele, un "puzzle" di lavori per farlo risplendere Interventi dell'Abmc e del Comune. Per la prima volta attivato lo strumento "art bonus"
Guerra all'abbandono dei rifiuti Guerra all'abbandono dei rifiuti Palazzo di città apre il registro delle segnalazioni
1 Aria di crisi al Comune di Altamura Aria di crisi al Comune di Altamura Si è dimesso il segretario del Pd. Ripetute riunioni di maggioranza per i chiarimenti interni
Migliorare i collegamenti con le periferie, partono i progetti del cambiamento Migliorare i collegamenti con le periferie, partono i progetti del cambiamento Via libera ai programmi della strategia di sviluppo urbano sostenibile
Iniziato l'anno scolastico, prima campanella in tre scuole Iniziato l'anno scolastico, prima campanella in tre scuole Domani tutte le scuole di infanzia e primaria. Il messaggio di auguri della sindaca Melodia
3 Rifino (PD): "Dopo il rodaggio, ora l'amministrazione deve cambiare passo" Rifino (PD): "Dopo il rodaggio, ora l'amministrazione deve cambiare passo" Lunga e amara nota politica del consigliere comunale di maggioranza
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.