Monastero del soccorso
Monastero del soccorso
La città

Tentativi di occupazione abusiva in via Garibaldi

Locali dell'ex monastero sono fatiscenti. C'è un progetto PNRR per risanare il complesso

Nei giorni scorsi c'è stato qualche tentativo di forzare gli accessi in via Garibaldi per occupare abusivamente i vecchi locali dell'ex Monastero del soccorso. Per evitarlo sono intervenute le forze dell'ordine.

Il problema abitativo esiste, ci sono varie situazioni di disagio e non ci sono alloggi popolari disponibili. Ma, pur riconoscendo l'esistenza del problema, di certo non è legittimo occupare immobili pubblici. Inoltre gli ambienti dell'antico complesso monastico sono del tutto fatiscenti, assolutamente non idonei per fare vivere famiglie. Per questa ragione nelle scorse ore il Comune ha deciso di fare murare alcuni accessi, così da impedire ulteriori tentativi.

Oltre a evitare le occupazioni, c'è un altro motivo per intervenire in modo drastico. A breve partirà la progettazione di un cospicuo intervento del Comune, finanziato dal Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). L'intervento, dell'importo di quasi 5 milioni di euro (per la precisione 4,8 milioni) è denominato "Completamento del recupero tecnico-funzionale dell'ex Monastero del Soccorso per housing sociale e botteghe artigiane".

Dell'intero complesso, sono interessati da questo intervento l'ala sud e l'ala ovest a piano terra prospicenti Via Garibaldi e Via Colombo, mentre al primo piano gli ambienti che occupano parte dell'ala Nord confinante con il chiostro interno cinquecentesco. "Il progetto - si legge nella scheda Pnrr - intende rispondere all'esigenza di nuove strategie anche per la divulgazione delle attività del GAL, facendo leva sul sapere artigianale, riconoscendo la centralità del mercato in un sistema basato sull'economia reale dove si affermano qualità, identità, valori dell'imprenditorialità artigiana in una moderna cultura del saper fare e del sapere. A livello macro sono individuate le seguenti funzioni quale "luogo dell'accoglienza e del lavoro collettivo" così da celebrare l'origine conventuale di questa architettura rivolta all'uomo: abitare inclusivo; laboratorio del gusto/botteghe culinarie; le stanze tematiche/botteghe artigiane; lavoratori di alta formazione professionale, artigianato e digitalizzazione".
  • Monastero del Soccorso
Altri contenuti a tema
1 Il cinema è sotto le stelle Il cinema è sotto le stelle Realizzata un'arena all'aperto per il programma estivo
Altamura Leonessa di Puglia, "Algramà" rievoca i fatti del 1799 con teatro e musica Altamura Leonessa di Puglia, "Algramà" rievoca i fatti del 1799 con teatro e musica Intervista al presidente Gianni Moramarco
Per la riqualificazione della viabilità il Comune si affida alla Città Metropolitana Per la riqualificazione della viabilità il Comune si affida alla Città Metropolitana Candidato a finanziamento il collegamento da Piazza Matteotti al Monastero del soccorso
Apre l’ufficio Iat di Altamura Apre l’ufficio Iat di Altamura Entro gennaio pronta la sede al Monastero del soccorso. Da definire costi e gestione
Terminati i lavori all'ex Monastero del Soccorso Terminati i lavori all'ex Monastero del Soccorso Venerdì il taglio del nastro
Il Monastero del Soccorso diventa un centro di promozione turistica Il Monastero del Soccorso diventa un centro di promozione turistica Approvata la progettazione definitiva dell'opera
Un centro di promozione turistica al Monstero del Soccorso Un centro di promozione turistica al Monstero del Soccorso Il progetto ideato dal Gal "Terre di Murgia"
Rigenerazione urbana: 7 milioni per il centro storico Rigenerazione urbana: 7 milioni per il centro storico Nel progetto la riqualificazione di piazza Castello e Monastero del Soccorso
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.