Uva Pizzutello
Uva Pizzutello
Territorio

ROYALTY UVA: “No a contratti capestro in Puglia”

La denuncia di Gianni Stea

"La Puglia dell'uva da tavola sta diventando una colonia israeliana, californiana o cilena. Per produrre determinate varietà versiamo vere e proprie royalty ai Paesi d'origine. Ma ci viene anche imposto di vendere il prodotto solo a determinati soggetti. E, nel caso in cui quest'ultimo impegno viene violato le viti possono anche essere tagliate». E' la denuncia del consigliere regionale pugliese, Gianni Stea.

"L'utilizzo delle nuove e pregiate varietà si scontra con la tutela dei diritti d'autore. Per poter coltivare alcune delle nuove varietà californiane o israeliane, per esempio, è infatti necessario sottoscrivere un contratto con grandi vincoli, pagare royalty, vendere e commercializzare l'uva solo attraverso gli uffici centralizzati della società detentrice del brevetto vegetale. Queste condizioni - per il consigliere regionale pugliese - non sono accettabili dai produttori italiani, e pugliesi in particolare, abituati a coltivare e commercializzare liberamente. Le condizioni imposte dai possessori di brevetto vegetale sono quindi ritenute limitative della libertà dell'imprenditore e riduttive per il reddito. In pratica, si riconosce il diritto delle società ad esigere quanto gli spetta per la costituzione e proprietà delle varietà, ma tutto questo deve avvenire una sola volta e senza interferire poi nel proseguo dell'attività imprenditoriale".

Stea si rivolge al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, "affinché con l'assessore all'Agricoltura Di Gioia e il dottor Nardone si valutino nuove strategie per liberare la Puglia da tale giogo. Siamo pronti a studiare un'apposita proposta di legge regionale che possa fare da apripista ad una più ampia normativa nazionale. Considerando il nostro territorio e come questo è strutturato, crediamo che la cosa migliore da fare sia lasciare libero il produttore di vendere a chi, di volta in volta, ritiene più opportuno evitando che si possano esplorare un limitato numero di canali commerciali".
  • Gianni Stea
Altri contenuti a tema
Parrucche per malate oncologiche: l'iniziativa non resti una tantum Parrucche per malate oncologiche: l'iniziativa non resti una tantum Nota del consigliere Gianni Stea
Stea pronto per il Parlamento? Stea pronto per il Parlamento? Il consigliere regionale racconta il nuovo progetto di Forza Italia anche ad Altamura
Stea passa in Forza Italia Stea passa in Forza Italia Si rinsalda l'alleanza con Massimo Cassano
Emergenza cinghiali: il consigliere regionale Gianni Stea presenta un'interrogazione Emergenza cinghiali: il consigliere regionale Gianni Stea presenta un'interrogazione Necessario conoscere lo stato dei fatti per trovare una soluzione al problema
Allarme furti di olive, Stea chiede la polizia rurale Allarme furti di olive, Stea chiede la polizia rurale Presentata un'interrogazione regionale
1 Diga Saglioccia, una storia di sprechi e lungaggini burocratiche Diga Saglioccia, una storia di sprechi e lungaggini burocratiche Gianni Stea interroga la Regione
Consorzi, no alla gestione affidata all'Aqp Consorzi, no alla gestione affidata all'Aqp Dura presa di posizione del consigliere Stea
Legge anticaporalato, norme di dignità e giustizia. Legge anticaporalato, norme di dignità e giustizia. Per Stea si rischia la paralisi
© 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.