Michele Rifino
Michele Rifino
Cronaca

"Qualcuno tagliò la strada a Michele. Chi sa, dica la verità"

Da tre anni la famiglia Rifino chiede la verità sulla morte del ragazzo in un incidente

Tre anni sono passati dalla morte di Michele Rifino, morto il 16 settembre del 2018 in un incidente in moto ad Armento, in provincia di Potenza. Dal primo giorno i genitori Filippo e Anna conducono una battaglia per conoscere la vera dinamica dei fatti. Non credono alla prima ricostruzione in base alla quale il ragazzo sarebbe uscito di strada da solo, finendo contro un albero. Ma ipotizzano uno scenario diverso: qualcuno ha provocato l'incidente, quindi è stato un omicidio colposo.

Michele Rifino era giovane, troppo giovane, per andare via così presto. Un ragazzo benvoluto. Innamoratissimo della moto del padre, una "Triumph", che sfoggiava proprio come un trofeo. Quella domenica mattina incontrò un gruppo di motociclisti altamurani al quale da poco tempo si era avvicinato, era il più giovane. Insieme, circa una decina, partirono alla volta della Basilicata. Alle 12 il tragico schianto, sulla strada statale 598 della Val d'Agri. Secondo la prima ricostruzione, anche in base a qualche testimonianza, non ci sono responsabilità di terzi.

Eppure da anni Filippo e Anna tengono alta l'attenzione su tanti elementi che non tornano. E' stata aperta un'inchiesta della Procura di Potenza.

Dal casco del ragazzo mancava una telecamerina che portava sempre con sé. Non si trovò in tutte le perlustrazioni nella zona dell'incidente. Ma, dettaglio ancora più significativo, l'oggetto risultò come sfilato, non strappato dai cavi e dall'alloggiamento come conseguenza di un violento impatto.

Con l'assistenza del legale Diego Milano, la famiglia Rifino ha continuato a tenere alta la guardia sulle indagini che sono ancora in corso. Si sono tenuti accertamenti tecnici e perizie da cui sono emersi altri particolari. Come la presenza di vernice di altro veicolo sulla marmitta della "Triumph" e residui gommosi sull'asfalto nel punto in cui l'incidente ha origine. Tracce di gomma, presumibilmente di pneumatici, che corrono parallele in modo ravvicinato o s'intersecano.

La famiglia Rifino è certa che la verità sia un'altra: un altro motociclista del gruppo ha tagliato la strada, lo ha urtato facendogli perdere il controllo sino al tragico epilogo. "Una lettera anonima arrivata in Procura dopo 2 mesi dall'incidente - dice Filippo Rifino - descrive per filo e per segno quello che era successo quel giorno e cioé che l'incidente dove ha perso la vita nostro figlio era stato provocato da un'altra moto, pertanto la conferma che quelle frenate appartengono a più moto e non a quella di Miky".

Sempre secondo quanto riferito dalla famiglia, una persona è indagata in questo procedimento. Gli è stata sequestrata la moto per una perizia. "Ma dopo 2 anni e mezzo la moto è stata completamente rimessa a nuovo senza nessuna traccia di collisione", commenta amaramente il padre di Michele.

I genitori si rivolgono allora all'autore dell'esposto anonimo: "Facciamo appello a colui che ha scritto quella lettera anonima e che quel maledetto giorno era con nostro figlio a fare un ulteriore passo avanti. Te lo chiediamo con il cuore in mano, da genitori affranti da un dolore indescrivibile. Fatevi avanti e aiutateci a trovare un po' di pace, perché sappiate che noi non vi daremo pace finché voi non la darete a noi".

Un appello per smuovere le coscienze. Chi sa, parli.
  • Incidente
Altri contenuti a tema
Incidente mortale, celebrati i funerali Incidente mortale, celebrati i funerali Grande commozione per l'ultimo saluto alla mamma e alla figlia
Morte mamma e figlia piccola, grande tristezza ad Altamura Morte mamma e figlia piccola, grande tristezza ad Altamura Incredulità e dolore per la tragedia di ieri a Laterza
Camion di traverso sulla circonvallazione Camion di traverso sulla circonvallazione Illeso il conducente. Mezzo si è ribaltato e ha perso il carico
Auto ribaltata sulla “Tarantina”, traffico in tilt Auto ribaltata sulla “Tarantina”, traffico in tilt Strada bloccata. Sul posto i vigili del fuoco
1 Uomo cade e si ferisce, qualcuno fa video: il volto insanguinato diventa virale Uomo cade e si ferisce, qualcuno fa video: il volto insanguinato diventa virale Senza rispetto per la riservatezza delle persone
54 Un anno fa l'incidente stradale con quattro vittime Un anno fa l'incidente stradale con quattro vittime Una messa in ricordo per Artellis e le sorelle Cammisa
Automezzo incastrato sotto il ponte della ferrovia Automezzo incastrato sotto il ponte della ferrovia Nei pressi della stazione
1 Auto ribaltata sulla provinciale Altamura - Foresta Mercadante Auto ribaltata sulla provinciale Altamura - Foresta Mercadante Una persona è rimasta ferita
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.