pasqua
pasqua
Editoriale

Pasqua e Pasquetta ad Altamura

Come si festeggiavano un tempo?. E oggi quanto pesa la secolarizzazione?

La tradizione, la rievocazione di un evento importante o il rituale di un comportamento sociale in memoria di un avvenimento storico, rimarcano una strada che ognuno di noi quasi inconsapevolmente percorre. È la strada di ricerca della nostra identità nelle radici di un passato che ci segna, ci plasma, ci caratterizza. Oggi la secolarizzazione - fenomeno per il quale la società si allontana dagli usi e costumi tradizionali respingendo un comportamento sacrale - mette sempre più in crisi l'uomo. Forse la globalizzazione, forse l'urbanizzazione, l'industrializzazione, forse la diffusione di stili di vita incentrati sul materialismo e sull'individualismo o semplicemente una realizzazione pragmatica del tempo e dello spazio vissuti, sono le cause del "congelamento" di quei punti fermi ai quali si sono aggrappate intere generazioni.

La tradizione della Pasqua e Pasquetta in Altamura è ricca di riti, di credenze, di celebrazioni. Un tempo la Quaresima iniziava con il lavaggio delle stoviglie con acqua e cenere per eliminare i residui di carne in osservanza del periodo di astinenza dalla carne imposto dalla Chiesa. L'ultimo venerdì santo, come si legge in un comunicato datato 16 aprile 1615, si celebrava la via Crucis lungo la "via della croce", zona Montecalvario, con lunghe soste per una riflessione a ogni mistero. La stessa zona, lontana (all'epoca) dal centro abitato, era frequentata a "pasquetta". Lì si organizzavano scampagnate e pranzi. Si preparavano " timbane" (pasta al forno), fritture di carciofi, zucchine, asparagi. Non mancavano macellai che arrostivano carne e involtini su fornelli piazzati sulla strada. Tutto questo accadeva in realtà il martedì successivo al giorno di Pasqua. La gita, secondo il credo religioso, dovrebbe ricordare l'apparizione di Gesù a due discepoli in cammino verso Emmaus, antica città della Palestina situata 11 chilometri a nord-ovest di Gerusalemme. In ricordo di quel viaggio si giustifica il nostro "Pusilliche", ossia Pasquetta, che oggi si festeggia il lunedì successivo alla Pasqua. Un'altra simpatica usanza altamurana era la preparazione della "scarcella" (un biscotto) fatta dalle mamme e conservata per una settimana, perché i bambini potessero consumarla solo e unicamente il giorno di Pasqua assieme alle uova lessate e colorate e ai taralli con la glassa.

Il tuffo negli antichi usi ci dona un sorriso. Oggi è sempre più insistente il problema irrisolto tra religione e modernità. Si percepisce come incommensurabile la scissione tra tradizione e valori tangibili, quali la carriera, il denaro, la vita individualista, dati che le circostanze storiche nelle quali siamo calati ci evidenziano quotidianamente. Qualunque sia la scelta, non si può prescindere da un percorso, quello della conoscenza della nostra storia, del nostro passato. La sola che permette una libertà di pensiero.
  • Tradizioni
  • Pasqua
  • Editoriale
Altri contenuti a tema
Messaggio augurale del vescovo Ricchiuti per la Pasqua Messaggio augurale del vescovo Ricchiuti per la Pasqua "Rivedremo la luce in questo tempo buio e drammatico"
1 Una Pasqua di solidarietà per le famiglie in difficoltà Una Pasqua di solidarietà per le famiglie in difficoltà Iniziativa delle associazioni di categoria, dei panificatori e dei pasticcieri
Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse La diocesi si adegua alle disposizioni del governo e della Cei
L’innovazione che salva la tradizione ovvero l’incontro tra la tecnologia blockchain e il Made in Italy L’innovazione che salva la tradizione ovvero l’incontro tra la tecnologia blockchain e il Made in Italy Il caso di Eatalico.it
Altamura, musei aperti a Pasqua e Pasquetta Altamura, musei aperti a Pasqua e Pasquetta Ecco gli orari per visitarli
Riti pasquali, da quattro secoli la processione del Venerdì Santo Riti pasquali, da quattro secoli la processione del Venerdì Santo Con le statue dei fratelli scultori Altieri
Le tradizioni pasquali iniziate con la Via Crucis vivente Le tradizioni pasquali iniziate con la Via Crucis vivente Il maltempo non ha fermato l'iniziativa della parrocchia di San Sepolcro
S. E. Monsignor Giovanni Ricchiuti augura una buona Pasqua 2017 S. E. Monsignor Giovanni Ricchiuti augura una buona Pasqua 2017 "Lui è venuto per amore, ha amato fino alla morte, è morto per rinascere a nuova vita".
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.