Francesca Portoghese nell'Antica Tipografia di famiglia
Francesca Portoghese nell'Antica Tipografia di famiglia
Eventi e cultura

L'antica Tipografia Portoghese è nella "top 20" dei luoghi del cuore

All'iniziativa del FAI si classifica al terzo posto in Puglia, al 17° in Italia

L'Antica Tipografia "Portoghese" è uno dei "Luoghi del cuore" più amati (e votati) d'Italia. Si è chiuso infatti il concorso del FAI (Fondo Ambiente Italiano) e "Portoghese" si è classificato al 17° posto in Italia, con ben 18.186 preferenze.

E' il terzo bene più votato in Puglia, dopo il Castello Aragonese ed una chiesa di Taranto. Un risultato sicuramente straordinario, ottenuto grazie ad un notevole lavoro di coinvolgimento della città. Una candidatura che ha avuto attenzione anche oltre gli stretti confini locali.

"Ecco dove ci ha portati l'amore di tantissimi altamurani e di tanta gente che visitando la nostra tipografia o sentendone parlare se n'e innamorata e ha voluto sostenerci", ha commentato Francesca Portoghese che ha promosso questa iniziativa con entusiasmo e grande costanza. "Ecco il risultato - ha aggiunto - che solo nei miei pensieri speravo di raggiungere, senza osare mai dirlo ad alta voce". Un risultato che ha dedicato al padre Nicolino.

La Tipografia Portoghese, fondata da Gaetano e Francesco Portoghese nel 1891, viene impiantata nel 1893 in alcuni ambienti dell'ex convento di Sant'Antonio dei Frati Conventuali, a ridosso di Porta Matera (via Ronchetti 2). Nell'edificio era stata istituita nel 1872 la Scuola Speciale di Agricoltura con un annesso Convitto per la formazione di agricoltori e fattori e successivamente l'Orfanotrofio Simone-Viti Maino con una scuola elementare di arti e mestieri.

Manifesti, locandine, ordinanze, annunci commerciali, culturali, civili e religiosi, rendiconti economici in parte affissi alle pareti consentono di ricostruire il clima culturale, il dibattito politico, l'attività amministrativa e la storia cittadina lungo tutto il Novecento. Per decenni il Municipio di Altamura e la Banca Mutua Popolare Cooperativa, nota come Banca di Sant'Antonio e oggi Banca Popolare di Puglia e Basilicata, saranno i principali committenti della Tipografia Portoghese diretta prima dai due fondatori e poi da Filippo Portoghese, seguito da suo figlio Nicola fino al 2000, anno in cui la tipografia interrompe la sua attività commerciale.

Nel 2010 la famiglia Portoghese, tuttora proprietaria del bene, ha istituito l'Associazione Culturale Museo d'Arte Tipografica Portoghese e ha avviato un'attività museale in convenzione con il Comune, durata un paio d'anni. Nel 2018 il Museo ha riaperto i battenti per le giornate FAI di Primavera. Nel frattempo questo "luogo del cuore" è diventato il fulcro di varie iniziative culturali, stabilmente presente sulla scena culturale.

Tutte le macchine sono perfettamente funzionanti e la tipografia conserva gelosamente clichés e caratteri mobili, tutti utilizzabili per le composizioni a mano.

Onofrio Bruno

(foto di Francesca Zaccaria)
  • Cultura
  • Museo di Arte tipografica Portoghese
Altri contenuti a tema
La Masseria Jesce si conferma un crocevia di artisti La Masseria Jesce si conferma un crocevia di artisti In atto nuovi progetti di musica, teatro e sperimentazione culturale
Passeggiate nella storia, fra saperi e sapori di pane e di vino Passeggiate nella storia, fra saperi e sapori di pane e di vino Dopo la visita degli archeologi di Amsterdam, il programma della Rete museale dell'Uomo di Altamura
All'Antica Tipografia Portoghese fa tappa Vittorio Brumotti All'Antica Tipografia Portoghese fa tappa Vittorio Brumotti Volto di "Striscia la notizia" e campione di bike trial. In viaggio tra i "Luoghi del cuore" del FAI
"La cultura si fa strada", i nuovi bandi della Regione "La cultura si fa strada", i nuovi bandi della Regione Fondi per street art e per i Comuni murgiani attraversati dalla vecchia ferrovia statale
Museo Virtuale Altamura 1799, lancio del progetto Museo Virtuale Altamura 1799, lancio del progetto Comunicare la storia oltre gli spazi e le distanze
Cultura e turismo, quali progetti per il patrimonio di Altamura? Cultura e turismo, quali progetti per il patrimonio di Altamura? Seconda parte delle interviste a Perrone e Saponaro
Lucilla Giagnoni, la "sacerdotessa" del teatro Lucilla Giagnoni, la "sacerdotessa" del teatro In scena per la terza volta ad Altamura. Presentato lo spettacolo "Apocalisse"
3 Turismo e cultura, l’anno zero di Altamura Turismo e cultura, l’anno zero di Altamura Prima parte delle interviste a Perrone e Saponaro
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.