Sanità
Sanità
Ospedale e sanità

Finanziato uno studio del Policlinico sul rene policistico

Due milioni di euro dall'Aifa

Ieri si è celebrata la Giornata mondiale del rene, per porre l'attenzione sulle patologie renali e fare il punto sui progressi della medicina nella cura. E proprio delle scorse ore è una notizia molto promettente: al Policlinico di Bari sono stati assegnati 2 milioni di euro alla Nefrologia universitaria per la ricerca sulla cura del rene policistico.

La nefrologia universitaria del Policlinico di Bari si conferma quale centro di eccellenza e importante punto di riferimento per la ricerca e la sperimentazione. L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha infatti selezionato la struttura barese quale destinataria di un finanziamento di 2 milioni di euro nell'ambito del bando "Ricerca indipendente".
Il progetto vincitore, grazie al quale sono stati assegnati i fondi per la ricerca, riguarda una sperimentazione di farmaci per la cura del rene policistico (ADPKD). Il progetto è stato ideato e condotto dal prof. Loreto Gesualdo, ordinario di nefrologia e Presidente della scuola di medicina dell'Università degli studi di Bari, e dal dott. Giovanni Piscopo, medico nefrologo del Policlinico barese.

Lo studio metterà a confronto l'efficacia di due farmaci, tolvaptan e metformina, in 150 pazienti italiani con rene policistico, e sarà sviluppato attraverso il coinvolgimento di dodici Nefrologie da tutta Italia, il cui operato sarà coordinato dalla Nefrologia di Bari. Il lavoro è stato già avviato negli scorsi giorni; infatti la settimana scorsa sono stati arruolati i primi pazienti.

"Si tratta di un progetto di grande importanza perché apre prospettive interessanti per un nuovo approccio farmacologico alla malattia del rene policistico", spiegano Gesualdo e Piscopo. "Inoltre – chiariscono - si tratta di uno studio totalmente indipendente da finanziamenti da parte delle case farmaceutiche ed è il primo di questo tipo condotto nell'Università di Bari. Permetterà di capire se, oltre all'unico farmaco attualmente disponibile per il trattamento del rene policistico, in futuro sarà possibile avvalersi anche di un altro supporto farmacologico. Si tratta della metformina, già da tempo impiegata nella cura del diabete e che secondo studi preliminari, anche della Nefrologia Universitaria del Policlinico, parrebbe efficace nel rallentare la progressione dell'ADPKD".

Una ulteriore prospettiva di cura per i pazienti affetti da rene policistico, che, accrescendo il numero delle terapie disponibili, può incrementare anche le possibilità di rallentare la progressione della malattia e migliorare la qualità della vita.
  • Salute
Altri contenuti a tema
Ad Altamura previsto un nuovo centro per disturbi alimentari Ad Altamura previsto un nuovo centro per disturbi alimentari Lo comunica il presidente dell'Ordine degli psicologi
Due bollini rosa all'Ospedale della Murgia Due bollini rosa all'Ospedale della Murgia Per l'attenzione alla salute delle donne in varie unità operative
Esami diagnostici negli studi dei medici di base Esami diagnostici negli studi dei medici di base La Puglia si adegua alle indicazioni del ministro Speranza
La Regione Puglia lancia il sistema informativo delle malattie rare La Regione Puglia lancia il sistema informativo delle malattie rare Gli obiettivi sono il monitoraggio dei percorsi assistenziali e la riduzione dei viaggi della speranza
Lotta ai tumori, test Hpv presto anche in Puglia Lotta ai tumori, test Hpv presto anche in Puglia Enzo Colonna interroga il presidente Michele Emiliano
“M.I.Cro. Italia – ODV: Perché Camminare è Salute” “M.I.Cro. Italia – ODV: Perché Camminare è Salute” Giornata dedicata al Benessere nell’Habitat Rupestre
5 Il Ministero della Salute ritira 8 lotti di acqua "Cutolo Rionero": a rischio contaminazione da Pseudomonas Aeruginosa Il Ministero della Salute ritira 8 lotti di acqua "Cutolo Rionero": a rischio contaminazione da Pseudomonas Aeruginosa Le più importanti infezioni causate dal batterio in questione
Pugliesi pigroni e in sovrapeso Pugliesi pigroni e in sovrapeso Presentati i dati sullo stato di salute della popolazione in Puglia
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.