emergenza cinghiali parco alta murgia
emergenza cinghiali parco alta murgia
Territorio

Danni da cinghiali, nuovi criteri per gli indennizzi

Dopo il confronto tra associazioni agricole e Parco dell’Alta Murgia

Il Parco Nazionale dell'Alta Murgia ha approvato, con l'avvallo del MiTE (Ministero della transizione ecologica), sostanziali modifiche al regolamento per l'indennizzo danni da fauna, con nuovi criteri e requisiti elaborati in sinergia attiva con le associazioni agricole tra cui Coldiretti, Confagricoltura, CIA e Copagri. È il primo importante aggiornamento dall'adozione del regolamento a oggi, datata 2008. Nell'ambito della strategia di gestione cinghiali è un ulteriore tassello che va incontro alle esigenze degli agricoltori, i più colpiti da un'emergenza che colpisce l'Italia da nord a sud.

I nuovi criteri prevedono una significativa riduzione dei tempi per l'accertamento dei danni da parte del Reparto Carabinieri Parco, oltre a un premio pari al 10% dell'indennizzo stimato qualora l'agricoltore collabori con l'Ente in attività di prevenzione, realizzando opere come recinzioni elettrificate. È previsto un indennizzo per le spese di smaltimento delle carcasse se la morte dell'animale è da ricondursi ad attacchi da lupo. Infine, non verrà più applicata la decurtazione del 20% dell'indennizzo stimato.

«Durante la pandemia – dichiara Francesco Tarantini, presidente del Parco nazionale dell'Alta Murgia – il numero di cinghiali è cresciuto incontrollato, distruggendo colture e causando squilibri ambientali e incidenti stradali. Per questo abbiamo ritenuto necessario aggiornare il regolamento per l'indennizzo danni da fauna, i cui criteri nascono da un confronto con le associazioni agricole. Ogni anno paghiamo indennizzi alle aziende per circa 90mila euro, ma ciò non ripaga gli agricoltori dei loro sforzi che sfumano in terreni e raccolti distrutti. Le modifiche al regolamento rientrano in una più ampia strategia di contenimento che comprende le catture selettive tramite chiusini e la definizione del regolamento delle aree contigue, per esercitare la caccia controllata nelle aree limitrofe al Parco. Questo – conclude Tarantini – va in parallelo al monitoraggio della specie e all'attuazione del progetto pilota FiCiPAM, che punta a una filiera sostenibile del cinghiale con sistemi innovativi di cattura, macellazione e impiego in sicurezza delle carni.»

I nuovi "Criteri e requisiti per l'indennizzo dei danni causati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole e forestali e al patrimonio zootecnico nel territorio del Parco" e il modello di domanda per farne richiesta sono consultabili sul sito del Parco.
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
  • Emergenza cinghiali
  • Cinghiali
Altri contenuti a tema
“Apiari aperti” nel Parco dell’Alta Murgia “Apiari aperti” nel Parco dell’Alta Murgia Un’immersione nel mondo delle api tra laboratori, degustazioni, passeggiate botaniche e apiterapia
Parco Alta Murgia nella collana “Le Guide di Repubblica” Parco Alta Murgia nella collana “Le Guide di Repubblica” Tra itinerari d’autore, del gusto, personaggi del mondo contadino, della cultura
Parco dell'Alta Murgia, si prepara la campagna antincendio Parco dell'Alta Murgia, si prepara la campagna antincendio L'anno scorso si è ridotta l'estensione delle aree bruciate
Principe Alberto di Monaco nel Parco dell'Alta Murgia Principe Alberto di Monaco nel Parco dell'Alta Murgia Tappe a Garagnone (ex feudo dei Grimaldi) e a Castel del Monte
Cinghiali, ancora sospese le catture Cinghiali, ancora sospese le catture Si prospetta un'altra annata agricola e orticola con la difficile convivenza
Alta Murgia Pulita: continua campagna di bonifiche Alta Murgia Pulita: continua campagna di bonifiche Rimossi dalla Grava di Faraualla oltre 100 kg di rottami di auto abbandonate
Contributo di 17.000 euro per un concerto nel Parco, è polemica Contributo di 17.000 euro per un concerto nel Parco, è polemica Forza Italia e Forza Italia Giovani chiedono chiarimenti all'ente
Castello del Garagnone, il Parco vuole acquistarlo Castello del Garagnone, il Parco vuole acquistarlo Iniziata la procedura di riscatto. Ecco quanto vale il monumento
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.