Assistenza domiciliare
Assistenza domiciliare
Ospedale e sanità

Disabili gravissimi, sbloccate le procedure per il contributo straordinario

Per le domande relative all'emergenza Covid-19

Sono state sbloccate le procedure di verifica sulle richieste del contributo economico straordinario Covid 19 (Ces-C19) per i disabili gravissimi. La ASL Bari ha quasi completato l'iter per erogare il fondo destinato a persone in condizione di non autosufficienza e disabilità, stanziato dalla Regione, lo scorso 12 maggio, in concomitanza con la emergenza sanitaria. La Direzione generale ha deliberato l'autorizzazione alla liquidazione della prima tranche, consentendo così ai distretti di competenza di provvedere nell'immediato alla erogazione delle somme previste dal bando regionale.

Sono 1270 le persone che hanno presentato la domanda, attraverso una piattaforma telematica prevista dal bando. Le verifiche di valutazione sono state avviate ieri, non appena la Regione ha reso disponibili gli elenchi completi contenenti le informazioni necessarie al conseguimento del beneficio economico. Già il 90% delle 1270 istanze è stato esaminato dagli uffici competenti. Il contributo – che copre il periodo compreso fra il 1 gennaio e il 30 aprile - è stato assegnato ai disabili in condizione di gravissima non autosufficienza, assistiti presso il proprio domicilio da un care giver familiare ovvero altre figure professionali da cui gli stessi pazienti dipendono in modo vitale.

La Direzione Generale della ASL Bari – per accelerare i tempi e andare incontro alle esigenze dei disabili e delle loro famiglie – nei giorni scorsi ha definito una propria organizzazione interna e ha incaricato i distretti, ciascuno attraverso un proprio referente, di accertare i criteri di ammissibilità dei cittadini che hanno fatto richiesta del CES – C19. Gli uffici competenti all'interno di tutti i 12 distretti socio sanitari hanno svolto infatti una tempestiva e dettagliata attività di verifica sul possesso dei requisiti sanitari e amministrativi, come indicato nei provvedimenti regionali (dgr 687 del 12 maggio 2020; ad 384 del 20 maggio 2020).

Per il momento le verifiche stanno interessando le istanze della prima finestra del bando (ossia le domande consegnate fra il 27 maggio e il 26 giugno). Le successive domande – e quindi rientranti nella seconda finestra – presentate fra il 9 giugno e il 9 luglio – saranno oggetto di accertamento nelle prossime settimane, non appena la Regione renderà disponibili i nuovi elenchi.

La Asl informa i cittadini che saranno contattati dai referenti distrettuali per la definizione delle seconda tranche.
  • Asl Bari
  • Disabilità
Altri contenuti a tema
Utic e emodinamica diventano realtà in Cardiologia Utic e emodinamica diventano realtà in Cardiologia Domani l'avvio ufficiale. Si parte con la formazione
1 Coronavirus: allestita una postazione per i tamponi in auto Coronavirus: allestita una postazione per i tamponi in auto Nei pressi degli uffici della Asl, sarà attiva con modalità "drive in"
Quasi 17000 domande per concorso di infermieri Quasi 17000 domande per concorso di infermieri Per 566 assunzioni in tutta la Puglia. Pubblicato calendario esami
Ospedale della Murgia, lavori straordinari nel blocco operatorio Ospedale della Murgia, lavori straordinari nel blocco operatorio Limitata l'attività di quattro reparti
Disabili gravissimi, partono i contributi straordinari Covid19 Disabili gravissimi, partono i contributi straordinari Covid19 La Asl ha dato il via libera alla liquidazione
Conquistare la libertà grazie a un bastone e tanta volontà Conquistare la libertà grazie a un bastone e tanta volontà Progetto dell'Unione ciechi e ipovedenti con corsi di orientamento e mobilità
Ospedale della Murgia, dall'1 agosto altri due medici in Chirurgia Ospedale della Murgia, dall'1 agosto altri due medici in Chirurgia Una nota della Asl di Bari per spiegare la sospensione dei ricoveri
1 "La riabilitazione non viene fatta, trattati da famiglie di serie H" "La riabilitazione non viene fatta, trattati da famiglie di serie H" Disabilità grave, l'appello di un padre alla Regione e alla Asl
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.