Deposito nucleare, mappa di Altamura
Deposito nucleare, mappa di Altamura
Territorio

Deposito nucleare, nasce comitato appulo-lucano contro le scorie

E viene convocato il consiglio comunale

Dopo i "no" all'ipotesi di un deposito nucleare nazionale, non bisogna perdere tempo e mettersi al lavoro per presentare le osservazioni. Entro la prima settimana di marzo, a 60 giorni dalla pubblicazione della Cnapi - carta nazionale della aree potenzialmente idonee, bisogna presentare alla Sogin (società di gestione degli impianti nucleari) le osservazioni e le proposte nell'ambito della procedura di consultazione pubblica.

Occorre rispondere sul piano tecnico perché la contestata scelta dei siti di Altamura (due aree in condivisione con Matera), di Gravina (uno) e di Laterza (due in condivisione con Matera) è avvenuta sulla base di criteri legati alla densità di popolazione, ai vincoli di natura ambientale e paesaggistica, alla presenza di infrastrutture, alla distanza dai centri abitati ed altri indicatori. Le aree pugliesi sono classificate A2, cioè "meno idonee" rispetto a quelle con giudizio A1 (Piemonte e Lazio).

Il 28 gennaio è stato convocato il consiglio comunale. Un solo punto all'ordine del giorno: "Non disponibilità alla localizzazione nel territorio del Comune di Altamura del deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del parco tecnologico". La riunione si terrà in videoconferenza. L'assise è stata convocata dopo una richiesta presentata dall'opposizione. Sia maggioranza sia minoranza sono concordi sul punto. Nessuno vuole il deposito nucleare nel territorio murgiano.

Prosegue pure l'attività "dal basso". Si è costituito un "Comitato No Scorie Puglia e Basilicata". Si riunirà sabato, alle ore 18.00, in un'assemblea pubblica in videoconferenza. "La posta in gioco è molto alta - sostiene il comitato appulo lucano - perciò occorre vagliare attentamente le ipotesi della Sogin attraverso uno studio tecnico scientifico in grado di quantificare l'impatto che la presenza del deposito di scorie nucleari avrebbe sulle molteplici forme di investimento messe in atto dalle nostre comunità in direzione della sostenibilità economica e ambientale e, soprattutto, della ricaduta sui delicati equilibri degli ecosistemi fisici e biologici delle aree interessate.

"Lungi da noi la volontà di affermare una sorta di "egoismo territoriale" per cui sarebbe preferibile comunque costruire altrove il deposito in questione - aggiunge - bensì occorre, al di là dei confini geografici, favorire un confronto più ampio possibile al fine di pervenire ad elaborare proposte sensate e assumere collettivamente impegni e responsabilità. Tutto questo perché, comunque finirà questa vicenda, la costruzione del deposito unico rappresenterà una eredità senza testimoni, in quanto forse nessuno dei contemporanei più adulti vedrà mai l'opera completata. La nostra responsabilità è per questo ancora più grande nei confronti dei giovani e delle generazioni che verranno".
  • Consiglio comunale
  • Nucleare
Altri contenuti a tema
Convocate due sedute del consiglio comunale Convocate due sedute del consiglio comunale A breve novità per la giunta. Discussione politica molto accesa
Aspre polemiche in consiglio comunale Aspre polemiche in consiglio comunale Assente la sindaca Melodia che lunedì si è dimessa
Dimissioni di Rosa Melodia, ore decisive per la crisi Dimissioni di Rosa Melodia, ore decisive per la crisi Consiglio comunale: convocate cinque sedute per l'assestamento di bilancio
Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Ad ottobre è prevista la sessione per Basilicata e Puglia
Italia in Comune: "La sindaca si è sfiduciata da sola" Italia in Comune: "La sindaca si è sfiduciata da sola" Dure parole del movimento in replica a Melodia
Manca il numero legale e salta il consiglio comunale Manca il numero legale e salta il consiglio comunale Domani un'altra convocazione
8 Giovani democratici difendono i tre consiglieri del Pd Giovani democratici difendono i tre consiglieri del Pd Il commento dopo le parole della sindaca dimissionaria
Melodia si dimette: "Non ci sono più le condizioni e sono stata lasciata sola" Melodia si dimette: "Non ci sono più le condizioni e sono stata lasciata sola" Il discorso pronunciato in consiglio comunale
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.