Presidio territoriale di Altamura - Distretto Asl
Presidio territoriale di Altamura - Distretto Asl
Ospedale e sanità

Coronavirus: distretto Murgia, unità speciale al lavoro

Per il monitoraggio dei pazienti domiciliati e di possibili sospetti

Elezioni Regionali 2020
Da circa una settimana è al lavoro l'unità speciale di continuità assistenziale (Usca) per il distretto socio-sanitario di Altamura. Sette medici, in prevalenza giovani. La sede è presso il presidio territoriale di assistenza (Pta) in viale Regina Margherita. Un bacino di utenza di 140.000 residenti in cui sono compresi pure Gravina, Poggiorsini e Santeramo.

Nella provincia di Bari sono nove le Usca attivate per un totale di 72 medici, divisi tra medici di continuità assistenziale e liberi professionisti. L'obiettivo è il il monitoraggio e la presa in carico dei pazienti Covid e dei relativi contatti, per contenere la diffusione del contagio, e nello stesso tempo, ridurre l'afflusso negli ospedali. L'Usca si attiva su richiesta del medico di medicina generale o del pediatra.

Il personale è stato dotato di strumenti diagnostici, telefoni cellulari, e di uno zaino contenente saturimetro, termometro, misuratore di pressione, farmaci di urgenza e altri presidi necessari per garantire l'intervento.

"Per l'Usca di Altamura – dice Salvatore Loverre, da poco più di un mese direttore del distretto socio sanitario – abbiamo potuto riutilizzare una struttura prefabbricata già in dotazione che, con lievi modifiche e adeguamenti, è perfettamente in grado di rispondere agli impieghi e ai livelli di sicurezza previsti. Ora che la strategia di contrasto della pandemia si sta spostando progressivamente dagli ospedali al territorio, l'Usca è lo strumento migliore per gestire i pazienti Covid. La nostra unità speciale dovrà vigilare su un territorio vasto e un bacino d'utenza di 140mila residenti, con comuni popolosi come Altamura, Gravina e Santeramo, che al momento non presentano particolari criticità in rapporto al numero limitato di contagi, e uno più piccolo come Poggiorsini, quasi un'oasi che non è stata nemmeno sfiorata dal virus".
  • sanità
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Altamura, due casi di contagio di coronavirus Altamura, due casi di contagio di coronavirus Persone in isolamento domiciliare, in buone condizioni
1 Coronavirus in Basilicata, missione di aiuto da Asl Bari Coronavirus in Basilicata, missione di aiuto da Asl Bari Inviati medici per la sorveglianza sanitaria
1 Consiglio comunale, un piccolo aiuto alle parrocchie Consiglio comunale, un piccolo aiuto alle parrocchie Per le tante famiglie in difficoltà. Approvati tutti i provvedimenti finanziari
Asl, iniziate le assunzioni degli oss Asl, iniziate le assunzioni degli oss Avviate le procedure per il concorso regionale degli infermieri
1 Coronavirus: Altamura torna a zero casi Coronavirus: Altamura torna a zero casi Non ci sono positivi. Guarito pure l'uomo che lavora fuori città
Polizia locale, messa in ricordo di Felice Lomurno Polizia locale, messa in ricordo di Felice Lomurno Una delle vittime altamurane del Covid19
Contributo di 2000 euro per professionisti e partite Iva Contributo di 2000 euro per professionisti e partite Iva Misura regionale 'Start' per chi non ha ricevuto aiuti per l'emergenza
2 Coronavirus: registrato un caso positivo Coronavirus: registrato un caso positivo Si tratta di un uomo che lavora fuori città
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.