Medici della Asl
Medici della Asl
Ospedale e sanità

Coronavirus: nel distretto di Altamura parte l'unità speciale

Per il monitoraggio delle persone in isolamento domiciliare

Sono partite nei distretti della Asl di Bari le prime unità di assistenza domiciliare dei pazienti Covid, uno degli strumenti cruciali per gestire al meglio la fase 2 dell'emergenza sanitaria. Questa mattina il servizio è partito nel distretto 4 Altamura dove lavoreranno sette medici.

Le Usca - unità speciale di continuità assistenziale sono previste da un Dpcm del Governo e sono ritenute molto importanti per gestire la fase 2 (ma erano necessarie durante la cosiddetta fase 1 emergenziale), in quanto il monitoraggio sanitario dei pazienti Covid a casa serve a evitare l'ospedalizzazione. La partecipazione di medici alle Usca è su base volontaria. In prevalenza sono giovani motivati, con esperienze specifiche di assistenza territoriale maturate anche in altre regioni italiane. Obiettivo: il monitoraggio e la presa in carico dei pazienti COVID e dei relativi contatti, per contenere la diffusione del contagio, e nello stesso tempo, ridurre l'afflusso negli ospedali.

L'Usca si attiva su richiesta del medico di Medicina generale o del pediatra. I medici Usca – in stretto collegamento con i medici di base - avranno il compito di identificare i pazienti Covid sulla base della sintomatologia riferita dal paziente/familiare con un triage telefonico. Prima di effettuare l'intervento, infatti, il medico contatterà il paziente per verificarne le condizioni di salute e programmare la visita domiciliare con la misurazione dei parametri vitali. Nel corso dell'accertamento verrà valutato anche il contesto sociale e famigliare dei pazienti. Per chi avrà bisogno di farmaci sarà somministrata la terapia, a seconda dello stadio della patologia.

Il medico dell'Usca, in base al quadro clinico evidenziato, potrà disporre la permanenza al domicilio o un ricovero, in caso di necessità di un ulteriore approfondimento diagnostico o di condizioni cliniche critiche. In questo caso verrà attivato il 118 e sarà data comunicazione al Dipartimento di Sanità Pubblica e ai medici territoriali. Toccherà infine ai medici Usca, segnalare al Servizio di Igiene la scomparsa dei sintomi nei pazienti in gestione, in modo da poter effettuare il tampone di guarigione clinica, dopo 14 giorni.

l medico Usca fornirà assistenza a tutti quei pazienti sintomatici e non, positivi o negativizzati e ancora fragili e/o cronici, che non necessitano del ricovero nei centri Covid. Ma che andranno comunque monitorati e assistiti per evitare nuovi contagi.

Ad ogni equipe sanitaria che compone l'Usca è stata assegnata una nuova automobile. La ASL ha provveduto inoltre all'approvvigionamento dei Dispositivi di protezione (Dpi) necessari. Il personale è stato dotato di strumenti diagnostici, telefoni cellulari, e di uno zaino contenente saturimetro, termometro, misuratore di pressione, farmaci di urgenza e altri presidi necessari per garantire l'intervento. In caso di necessità potranno prescrivere terapie.

Abbiamo attivato 9 Usca per gestire questa fase dell'emergenza – dichiara il direttore generale della Asl di Bari Antonio Sanguedolce – le unità speciali sono state distribuite sulla base di macro aree, in relazione anche ai pazienti sottoposti a sorveglianza epidemiologica. Sono stati reclutati complessivamente 72 medici, divisi tra medici di continuità assistenziale e liberi professionisti".
  • Asl Bari
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Asl Bari, assunti nuovi tecnici di radiologia Asl Bari, assunti nuovi tecnici di radiologia Sono previste pure assunzioni di altre figure per distretti e ospedali
Ripartita l'attività operatoria all'ospedale della Murgia Ripartita l'attività operatoria all'ospedale della Murgia Introdotti percorsi di sicurezza per prevenzione Covid
Coronavirus: oggi in Puglia non ci sono nuovi casi e vittime Coronavirus: oggi in Puglia non ci sono nuovi casi e vittime Per la prima volta bollettino con "zero" Covid
5 Al Comune parte la seconda erogazione dei buoni spesa Al Comune parte la seconda erogazione dei buoni spesa Non sono bastati i fondi a disposizione per coprire tutte le domande
Coronavirus: il caso sospetto è negativo Coronavirus: il caso sospetto è negativo Altamura resta a zero contagi
1 Sanità: visite prenotate, sarà la Asl a contattare gli utenti Sanità: visite prenotate, sarà la Asl a contattare gli utenti Invito a non telefonare al call center. Ecco tutte le disposizioni
Coronavirus: registrato un nuovo caso di contagio Coronavirus: registrato un nuovo caso di contagio Dal 12 maggio Altamura era a 0 casi. Forse è un "falso positivo"
Coronavirus: parte il test della app Immuni Coronavirus: parte il test della app Immuni La Puglia partecipa al lancio. Via libera da garante privacy
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.