Masseria Badessa
Masseria Badessa
Territorio

Società altamurana investe nel brindisino

La Digos avvia delle verifiche. Il progetto prevede il recupero della masseria Badessa

Il 7 ottobre 2009, la Società Mediterranea Turistica Tancredè, con sede in Altamura, aveva presentato, presso il Protocollo generale del Comune di Brindisi, l'istanza diretta all'ottenimento del provvedimento unico per la realizzazione del restauro conservativo e della ristrutturazione della Masseria "Badessa", sita in Contrada Serranova (Brindisi). Il progetto, che ha creato polemiche tra maggioranza e opposizione del Comune di Brindisi, prevedeva la riconversione turistica della masseria in ricettività alberghiera a quattro stelle con disponibilità di master suite, junior suite, stanze superior, ristorante, biblioteca, bar, piscina, campi da tennis, campo da golf, centro benessere, piscina coperta, struttura congressuale e Campeggio nelle aree limitrofe ma separate dalla masseria (con 540 piazzole per camper e roulette, servizi igienici autonomi per piazzola di sosta, impianti sportivi, ristorante self service, market bar e anfiteatro).

In particolare, secondo il progetto, alla struttura, già esistente, ne sarà affiancata un'altra su due livelli che ospiterà 300 camere, una beauty farm, anfiteatro, centro congressi. Un'intera zona, compresa nei 20 ettari di terreno, lontana dal resort, sarà invece dedicata al campeggio. Tutto il complesso, inoltre, è quasi confinante con la zona protetta di Torre Guaceto. Favorevole, a questo proposito, il parere del Ministero per le attività culturali, che non riterebbe necessario sottoporre il progetto a Valutazione d'impatto ambientale.

La Masseria è ubicata in zona agricola, dunque, affinché il progetto possa essere realizzato, occorre apportare una "variante" al Piano regolatore. Il progetto, infatti, in contrasto con lo strumento urbanistico - ricadendo in zona agricola - è stato rigettato dallo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Brindisi in data 28 ottobre 2008.

In via preliminare, il responsabile del procedimento ha chiesto ed ottenuto il parere favorevole inerente la conformità del progetto in parola all'indirizzo programmatico dell' Amministrazione brindisina che, con nota del 28 gennaio 2009 a firma dell'assessore alla Programmazione Economica pro-tempore, riteneva "l'intervento meritevole di considerazione trattandosi di recupero di una struttura esistente ad alta valenza storica ed in linea con le direttive programmatiche regionali di recupero, in ciò garantendo l'ammissibilità della pratica alla procedura di conferenza di servizi ai sensi dell'art.5 del DPR 447/98 e s.m. e i., le quali determinazioni costituiranno proposta di variante, sulla quale dovrà comunque pronunciarsi, tenuto conto delle osservazioni, proposte e opposizioni degli aventi diritto, definitivamente entro sessanta giorni il Consiglio Comunale".

La stessa variante ha ottenuto, in data 8 febbraio 2010, il parere favorevole del Settore Urbanistica della Regione Puglia. Lo scorso 8 marzo, la variante al piano urbanistico di Brindisi, necessaria per il rilascio delle autorizzazioni alla società altamurana, è stata approvata dalla Conferenza dei Servizi, a cui hanno preso parte Comune, Provincia e Asl di Brindisi insieme a Regione, Arpa e Soprintendenza.

È notizia degli ultimi giorni che gli agenti della Digos (Divisione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali) hanno chiesto copia del progetto da quindici milioni di euro per condurre delle verifiche.

.



  • Puglia
  • Masseria Badessa
  • Brindisi
Altri contenuti a tema
La Puglia meta turistica preferita dagli italiani La Puglia meta turistica preferita dagli italiani Emiliano e Capone: “Risultato straordinario"
Confindustria punta ad unire le economie di Puglia e Basilicata Confindustria punta ad unire le economie di Puglia e Basilicata Altamura punto di incontro per discutere di infrastrutture e trasporti
Pugliesi tartassati dalle imposte Pugliesi tartassati dalle imposte Pagati un milione e mezzo di euro di Imposta Unica Comunale
Dati positivi anche per il mercato immobiliare non residenziale Dati positivi anche per il mercato immobiliare non residenziale In Puglia aumentano le compravendite di uffici e negozi. Cala invece il comparto produttivo.
Il mercato immobiliare pugliese torna a crescere Il mercato immobiliare pugliese torna a crescere Le compravendite registrano un incremento del 4,4%
L’ingegno dei pugliesi non conosce crisi L’ingegno dei pugliesi non conosce crisi Depositate quasi 2 mila domande per brevetti e marchi.
Segno più per l’artigianato alimentare pugliese Segno più per l’artigianato alimentare pugliese Il settore resiste alla crisi con più di 6.500 aziende.
Economia pugliese bloccata Economia pugliese bloccata Circolano sempre meno veicoli commerciali ed industriali.
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.