capannone
capannone
Territorio

Dati positivi anche per il mercato immobiliare non residenziale

In Puglia aumentano le compravendite di uffici e negozi. Cala invece il comparto produttivo.

Il mercato immobiliare non residenziale in Puglia torna a registrare segno più.

Dopo sette lunghi anni di recessione aumentano le compravendite nei settori terziario e commerciale. Ad arretrare è solo il comprato produttivo. Questo quanto emerge da un'indagine sull'andamento delle transazioni dei fabbricati, condotta dal Centro studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati dell'Agenzia delle entrate.

Il mercato riparte: nel 2014 le compravendite di uffici sono cresciute del 5% e quelle di negozi e laboratori del 4,7%. Ad arretrare solo le compravendite di capannoni e industrie, in calo del 13,2%. Un totale in Puglia di 267 mila unità immobiliari, di cui 33.837 uffici, 191.779 negozi e 41.469 capannoni.
In generale nel sud Italia i volumi delle transazioni immobiliari sono saliti del 3,5%, un incremento che risente degli effetti del nuovo regime per le imposte di registro, ipotecarie e catastali in vigore da gennaio dello scorso anno.

Dati che "dipingono un quadro composito, ma non omogeneo", spiega Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia, "la ripresa del mercato immobiliare rappresenta sicuramente un elemento positivo, sintomatico di una rinnovata vitalità economica, che si aggiunge ai dati positivi che riguardano l'immobiliare residenziale". A frenare gli entusiasmi è però il dato relativo agli immobili produttivi, "maggiormente connessi alle attività manifatturiere ed artigianali, che continuano ad essere in forte affanno", precisa il presidente, "e non potrebbe essere altrimenti, visto che la tassazione degli immobili strumentali, di per sé paradossale, si è fatta oramai insostenibile, con un incremento pari al 19,5%". "Occorre dar seguito il prima possibile all'attesa riforma fiscale - conclude Sgherza - gli imprenditori italiani sono costretti a pagare, per i propri immobili produttivi, ben 7,2 miliardi di IMU a cui vanno aggiunti ulteriori 1,4 miliardi di imposte tra IRES, IRPEF, addizionali ed IRAP. Avere a disposizione un immobile in cui esercitare il proprio lavoro non può e non deve più essere un'impresa nell'impresa".
  • Confartigianato
  • Puglia
  • Mercato immobiliare
Altri contenuti a tema
Una rete per il servizio a domicilio della spesa Una rete per il servizio a domicilio della spesa A favore di persone impossibilitate a uscire di casa
La Puglia si promuove alla Bit di Milano La Puglia si promuove alla Bit di Milano La Murgia presente fra i 34 itinerari nello stand della Regione
Celebrazioni in onore di Santa Lucia Celebrazioni in onore di Santa Lucia Iniziative della Confartigianato e dell'Unione ciechi e ipovedenti
La Puglia meta turistica preferita dagli italiani La Puglia meta turistica preferita dagli italiani Emiliano e Capone: “Risultato straordinario"
Confindustria punta ad unire le economie di Puglia e Basilicata Confindustria punta ad unire le economie di Puglia e Basilicata Altamura punto di incontro per discutere di infrastrutture e trasporti
Pugliesi golosi ma poco acculturati Pugliesi golosi ma poco acculturati Boom di spesa per i pranzi secondo la Confartigianato
Confartigianato, la Puglia arranca Confartigianato, la Puglia arranca In calo le dichiarazioni Iva e volume di affari
Confartigianato, indagine sui ricavi delle imprese pugliesi Confartigianato, indagine sui ricavi delle imprese pugliesi Ricavi in calo, situazione drammatica per la Puglia
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.