Incontro in Prefettura
Incontro in Prefettura
Territorio

Sicurezza e prevenzione in agricoltura, firmato un patto in Prefettura

Per la salvaguardia sui luoghi di lavoro

Sicurezza e prevenzione sui luoghi di lavoro, sorveglianza sanitaria, osservanza degli obblighi vaccinali, informazione e formazione. Il lavoro nel settore agricolo è al centro del Protocollo d'intesa siglato stamane nella Prefettura di Bari dal prefetto di Bari Francesco Russo, dal Direttore generale facente funzione ASL Bari, Luigi Fruscio, dal responsabile dell'Ispettorato d'Area Metropolitana di Bari-BAT, Michele Campanelli, e dal presidente dell'Ente Bilaterale C.I.M.A.L.A. – EBAT, Giuseppe Creanza.

«Questo protocollo – ha sottolineato il prefetto Russo – segna un passaggio importante ed è il risultato della grande collaborazione tra Prefettura, ASL, associazioni di categoria datoriali e mondo sindacale in grado di determinare da un lato meccanismi di semplificazione di alcune procedure, dall'altro l'avvio di un percorso virtuoso di legalità nell'ambito delle attività di contrasto al caporalato».

«Stiamo gettando le basi – ha aggiunto Fruscio - per snellire le procedure in favore delle 120mila imprese operanti nel settore agricolo nell'area di Bari e dei 38 mila lavoratori che quotidianamente lavorano nei campi. La ASL interviene nella sorveglianza sanitaria e nella sicurezza, ma anche nella formazione e informazione. Avere più imprese e più lavoratori agricoli informati e formati contribuirà certamente a garantire maggiore legalità nelle condizioni di lavoro e più attenzione alla salute dei lavoratori».

Il protocollo, recependo recenti normative, introduce una innovazione finalizzata a semplificare e a snellire il rispetto degli adempimenti normativi in tema di salute e sicurezza sul lavoro nel settore agricolo che, per la sua complessità organizzativa, correlata alla stagionalità delle lavorazioni e alla temporaneità dei contratti di lavoro, è da sempre caratterizzato da criticità applicative della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Si apre dunque una fase sperimentale, della durata di un anno, in cui gli enti coinvolti si impegnano, per le rispettive competenze e in linea con la normativa vigente in materia di salute dei lavoratori e delle lavoratrici sul luogo di lavoro, a "favorire l'attivazione di più efficaci sinergie interistituzionali dalle quali possa derivare, in sede locale, un dinamico avanzamento dell'attuazione della sorveglianza sanitaria a cui sono tenute le imprese agricole, tenuto conto sia delle peculiari caratterizzazioni del lavoro agricolo e delle mansioni che rientrano nello stesso, sia del profilo della stagionalità che investe il lavoro agricolo". Un impegno importante perché riguarda un settore che nel Barese, secondi i dati Istat e Crea più recenti, conta quasi 120mila imprese agricole, circa 38mila operai (il 98% a tempo determinato) con una quota rilevante di lavoratori stranieri (oltre 7mila).

Fondamentali saranno le attività rientranti nel Programma di sorveglianza sanitaria che, tenendo conto delle differenze di genere, sarà particolarmente incentrato sull'esame dell'apparato muscolo scheletrico, corredato dalla somministrazione di questionari specifici, e prevederà l'esecuzione di accertamenti strumentali (ECG, Spirometria), incluso il rispetto degli adempimenti vaccinali (vaccinazione antitetanica). Nel protocollo è inoltre richiamato il ruolo, non secondario, della informazione/formazione che dovrà essere fruibile in modo trasversale, nel rispetto delle differenze culturali, anche per lavoratori e lavoratrici provenienti da altri Paesi, e sono predisposte strategie organizzative finalizzate all'approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale.

Un'agenda fitta in cui la ASL Bari, attraverso il Dipartimento di Prevenzione diretto da Fulvio Longo e lo Spesal diretto da Giorgio Di Leone, fornirà a C.I.M.A.L.A. - EBAT e ai Medici competenti da questa individuati ogni necessaria attività di assistenza, garantendo inoltre percorsi agevolati per l'accesso alle proprie strutture vaccinali o, in alternativa, la possibilità di esecuzione diretta delle vaccinazioni obbligatorie ad opera del Medico competente, in ogni caso fornendo gratuitamente i vaccini necessari.
Parallelamente, l'ente bilaterale agricolo territoriale procederà alla formazione di una lista dei medici competenti finalizzata alla collaborazione nella valutazione dei rischi sul lavoro e all'espletamento della sorveglianza sanitaria, si occuperà dell'aggiornamento della banca dati delle visite mediche prima delle assunzioni e assicurerà adeguata informazione e formazione; entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del protocollo stipulerà le più convenienti convenzioni con aziende produttrici e/o distributori di Dispositivi di Protezione Individuali (scarpe, occhiali, caschi, guanti), di cui potranno usufruire le imprese agricole aderenti al protocollo.
  • Agricoltura
  • Sicurezza
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Grandinata ad Altamura, si contano i danni in agricoltura Grandinata ad Altamura, si contano i danni in agricoltura Coldiretti: "Grano allettato per l'evento climatico"
Nubifragio e grandine, danni nelle campagne di Altamura Nubifragio e grandine, danni nelle campagne di Altamura Ieri pomeriggio fenomeni intensi in una parte del territorio
Oropan Academy: assunti 15 giovani dopo formazione gratuita Oropan Academy: assunti 15 giovani dopo formazione gratuita Oggi la firma dei contratti
Si rompe condotta idrica rurale, problemi a Gravina e Altamura Si rompe condotta idrica rurale, problemi a Gravina e Altamura Chiesto urgente ripristino
26 Grano duro: aumentano le importazioni e il prezzo va giù Grano duro: aumentano le importazioni e il prezzo va giù In discesa alle borse merci di Bari, Foggia e Altamura
12 Cartelle bonifica: dalla Murgia parte mobilitazione pugliese Cartelle bonifica: dalla Murgia parte mobilitazione pugliese A Bari manifestazione di protesta davanti al Consiglio regionale
Sicurezza ad Altamura, sindaco incontra prefetto e forze dell'ordine Sicurezza ad Altamura, sindaco incontra prefetto e forze dell'ordine Richiesta di un maggiore controllo sul territorio
Polis2030: "Sulla sicurezza ad Altamura solo promesse da campagna elettorale" Polis2030: "Sulla sicurezza ad Altamura solo promesse da campagna elettorale" Duro intervento della coalizione di opposizione
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.