caritas
caritas
Territorio

Povertà, un Osservatorio territoriale della Diocesi sul tema

Tanti i progetti solidali della Caritas sul territorio

"La Caritas vuole avere innanzitutto una funzione educativa e morale prima che sociale. Bisogna insegnare alla gente a uscire dal bisogno, che spesso non è solo economico".

Ha le idee chiare don Mimmo Giannuzzi, il giovane sacerdote di Acquaviva nuovo delegato diocesano per l'opera della Caritas, sull'impostazione da dare al sostegno verso famiglie indigenti e situazioni di marginalità.

I centri della Caritas, com'è noto, sono divenuti oggi l'ultima risorsa per coloro che vivono in situazioni di estrema difficoltà economica e indigenza. E' quanto accade anche nella mensa cittadina, in via Conservatorio Carmine, accanto all'omonima chiesa. Diverse decine le persone che ogni giorno usufruiscono di pasti pomeridiani o serali presso la mensa diocesana grazie all'aiuto dei preziosi volontari e cuochi. Un dato che coinvolge non solo extracomunitari ma ormai anche tanti cittadini altamurani.

Un'azione però non solo focalizzata sull'assistenza materiale, ma che vuole andare alla radice del disagio: di qui la decisione di mettere su un vero e proprio "Osservatorio della povertà e delle risorse": "Abbiamo iniziato a censire la povertà su tutto il territorio diocesano fin da novembre – spiega don Mimmo – e a giugno contiamo di rendere pubblici i dati. Occorre andare alla radice dell'indigenza rimuovendone le cause".

Le parrocchie delle città sono state raccolte in unità pastorali, per meglio coordinare l'opera di monitoraggio e mettere in rete le diverse esperienze sul campo. Quattro quelle altamurane, mentre ogni singola parrocchia gestisce un banco alimentare. Per volontà del vescovo Giovanni, è in progetto anche un dormitorio, sia ad Altamura che a Gravina.

A queste iniziative si aggiungono anche i convegni diocesani sull'uso del denaro e le sue devianze, come il gioco d'azzardo e usura, la partecipazione alla politica, i nuovi stili di vita e il tema della corruzione. Oltre agli eventi di approfondimento culturali e politici, sono previsti anche progetti di microcredito e corsi di formazione finalizzati all'imprenditoria giovanile.

"Opere-segno", le chiama don Mimmo, a significare appunto la presenza concreta della Carità.
  • Caritas
Altri contenuti a tema
Caritas e centri di ascolto per far fronte alle nuove povertà Caritas e centri di ascolto per far fronte alle nuove povertà Il vescoco Ricchiuti chiama a raccolta i Comuni
Namory non può fare l'ultimo viaggio, raccolta fondi per riportarlo nella sua terra Namory non può fare l'ultimo viaggio, raccolta fondi per riportarlo nella sua terra Un giovane migrante del Senegal è morto per un tumore
Clero e laici in campo per Domi "Zidane" Clero e laici in campo per Domi "Zidane" La 20esima Partita del Cuore dedicata al giovane calciatore
Ex mattatoio, consegnati i locali alla parrocchia Ex mattatoio, consegnati i locali alla parrocchia Attività sociali e servizi dell'Agenzia delle Entrate in locali ed orari diversi. Don Vincenzo: "Evitata una guerra tra poveri"
Sicurezza e legalità, alcune dichiarazioni del Sindaco Sicurezza e legalità, alcune dichiarazioni del Sindaco Plauso alle Forze dell'ordine
Uno Sportello Antiusura ad Altamura Uno Sportello Antiusura ad Altamura L'Amministrazione comunale aderisce ad un progetto della Caritas diocesana
Inaugurazione della Mensa Diocesana della Carità Inaugurazione della Mensa Diocesana della Carità Un pasto caldo al giorno per chi è nel bisogno
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.