L'ultimo compleanno di Namory, migrante morto per un tumore
L'ultimo compleanno di Namory, migrante morto per un tumore
Cronaca

Namory non può fare l'ultimo viaggio, raccolta fondi per riportarlo nella sua terra

Un giovane migrante del Senegal è morto per un tumore

Namory non può fare l'ultimo viaggio. Giovane migrante del Senegal arrivato in Italia alla ricerca di fortuna e di lavoro, morto a ventidue anni per un tumore. Per riportare il corpo nella sua terra è stato lanciato un appello per una raccolta di fondi e consentire così alla sua famiglia di piangerlo e dargli sepoltura. Il passaparola è stato lanciato dall'associazione "Fornello" di Altamura e dal Centro interculturale - Sportello migranti "Caravan".

Namory era arrivato in Italia passando dalla Libia. Dopo la trafila dei Cas (centri di accoglienza straordinaria) e di altri centri di accoglienza, era arrivato nel territorio murgiano, trovando lavoro presso un'azienda agricola della zona. Da qui mandava parte del suo guadagno alla famiglia, mai più vista. A causa di un dolore addominale è stato visitato in ospedale dove è arrivato accompagnato dal suo datore di lavoro. La diagnosi è stata infausta. Un tumore senza possibilità di scampo.

La malattia avanzava rapidamente. Bisognava trovargli un posto per un ricovero. Sono state interessate la Caritas e la Diocesi. Si è trovato un letto presso l'Ospedale "Miulli" di Acquaviva delle Fonti. Ma non è stato possibile salvarlo. Il male ha prevalso. Nel frattempo Namory non era rimasto solo. Persone di Altamura e di Acquaviva gli sono state vicine. Una grande solidarietà, mai è stato lasciato solo durante il decorso della sua malattia, festeggiandolo nel suo ultimo compleanno (nella foto).

Con dignità e mitezza, soffrendo in silenzio com'era nel suo carattere riservato, quattro giorni fa Namory è morto. Ha ricevuto l'estremo saluto con rito musulmano. Per fare arrivare la salma in Senegal è partita una colletta dalla parrocchia di San Sabino in contrada Fornello ad Altamura. Per aiutare sono a disposizione dei numeri di telefono di Fornello (3358376658 o 3339362880) e un conto corrente ad Acquaviva (parrocchia Sant'Eustachio, Iban IT32U0306909606100000165232, causale "donazione per Namory").

Servono tanti battiti di cuore grande per fargli affrontare il mesto viaggio di ritorno nella sua terra. Dove lo aspettano per liberare le lacrime e i pianti strozzati in gola.
  • Caritas
  • Fornello
  • Stranieri
Altri contenuti a tema
Centro interculturale, attivati gli sportelli per migranti Centro interculturale, attivati gli sportelli per migranti Nei Comuni di Altamura, Gravina, Santeramo e Poggiorsini
1° Maggio a "Fornello" 1° Maggio a "Fornello" "Fiera dell'altro mondo...possibile". Giornata di incontro e condivisione
Altamura, popolazione in aumento Altamura, popolazione in aumento I residenti sono 70.775. Ma molti giovani vanno a vivere all'estero
Turismo, delegazione di tour operator stranieri fa tappa ad Altamura Turismo, delegazione di tour operator stranieri fa tappa ad Altamura Per programma "I-Archeos". Visite ai musei, al centro storico e in un forno
Migranti stranieri tornati in patria a carico dell'Inps Migranti stranieri tornati in patria a carico dell'Inps Maxi truffa ai danni delle casse statali scoperta dai Finanzieri di Altamura
Clero e laici in campo per Domi "Zidane" Clero e laici in campo per Domi "Zidane" La 20esima Partita del Cuore dedicata al giovane calciatore
Povertà, un Osservatorio territoriale della Diocesi sul tema Povertà, un Osservatorio territoriale della Diocesi sul tema Tanti i progetti solidali della Caritas sul territorio
Ex mattatoio, consegnati i locali alla parrocchia Ex mattatoio, consegnati i locali alla parrocchia Attività sociali e servizi dell'Agenzia delle Entrate in locali ed orari diversi. Don Vincenzo: "Evitata una guerra tra poveri"
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.