nucleare
nucleare
Libri

I segreti del nucleare in Puglia, Basilicata e Sicilia

Presentato il libro di Marisa Ingrosso

Il libro-inchiesta "Sud Atomico. Gli esperimenti, gli incidenti, le contaminazioni" della giornalista Marisa Ingrosso è arrivato proprio come una "bomba", ieri alla Feltrinelli Point di Altamura.
Il libro rompe il silenzio in cui per anni il nostro Paese ha vissuto e ricostruisce, sulla base di documenti ufficiali degli archivi storici delle maggiori organizzazioni internazionali e americane per il nucleare, una tristissima e scioccante testimonianza.
Cosa è accaduto nell'ambito della "filiera atomica" italiana? Quanto e come sono colpite Basilicata, Sicilia e Puglia dalle contaminazioni nucleari? Questo l'autrice cerca di spiegarlo, mettendo un punto a quella che viene definita "omertà di Stato" e che rende difficile, se non impossibile, recuperare documenti, informazioni utili per poter capire come il nostro Paese sia al servizio del nucleare, senza distinzione tra civile e militare. Del resto, che differenza c'è? Il nucleare civile e quello militare vanno di pari passo, non può esserci l'uno senza l'altro, purtroppo.
Il libro è un vero e proprio specchio della realtà, di una realtà fatta di depositi nucleari fatiscenti, al limite della legalità per le scarsissime condizioni di sicurezza in cui versano, occultati, nascosti, perché nessuno li veda, sappia, ne conosca le precarie misure di sicurezza, ne parli, protesti. Eppure, gli incidenti nucleari ci sono e ce ne sono tanti, tantissimi.
Non è pensabile che in un Paese democratico, come si suole definire l'Italia, questa democrazia "incompiuta", che non lascia spazio, ma anzi soffoca i pareri dissidenti, come si è cercato di fare con Scanzano Jonico, non ci sia la possibilità di replicare, di contestare. Non si deve pensare a questi come problemi lontani da noi perché, purtroppo, da un momento all'altro, lo Stato potrebbe imporre con le sue paradossali leggi e con la segretissima carta nazionale delle aree potenzialmente idonee, di piazzare un bel deposito nucleare a due passi da noi. Ebbene sì, perché, in caso di mancato accordo con i comuni, un "democraticissimo" decreto può imporre la presenza di questi depositi, come se fossero solo dei rumorosi vicini.
All'incontro ha partecipato anche il professor Piero Castoro che, dialogando con l'autrice, ha tracciato un excursus sulla storia del nucleare e dei disastri atomici e di quella paura delle armi nucleari tipica della "guerra fredda" e in cui, purtroppo, potremmo ritrovarci a vivere, questa volta non per colpa di una contrapposizione politica tra superpotenze, ma per interessi esclusivamente economici.

N.V.
  • Nucleare
  • Scorie nucleari
  • Deposito unico scorie nucleari
Altri contenuti a tema
Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Ad ottobre è prevista la sessione per Basilicata e Puglia
Nucleare: i tre consigli comunali ufficializzano il 'no' al deposito Nucleare: i tre consigli comunali ufficializzano il 'no' al deposito Alla riunione a Gravina sono state approvate le osservazioni
Deposito nucleare, approvate osservazioni per escludere Altamura dalla mappa Deposito nucleare, approvate osservazioni per escludere Altamura dalla mappa Sabato a Gravina si riuniscono i consigli comunali di tre Comuni
Deposito nucleare, convocato il consiglio comunale Deposito nucleare, convocato il consiglio comunale Per l'approvazione delle osservazioni contro la realizzazione
"Deposito nucleare: sei grandi errori nella procedura" "Deposito nucleare: sei grandi errori nella procedura" Il WWF nazionale presenta un documento di osservazioni
Deposito nucleare, aumentano i no in Puglia Deposito nucleare, aumentano i no in Puglia Dopo Altamura e Gravina arrivano le delibere di Laterza e Trani
Deposito nucleare, la giunta regionale approva le osservazioni tecniche Deposito nucleare, la giunta regionale approva le osservazioni tecniche Emiliano e Maraschino: “Ribadiamo e motiviamo il nostro no”
No al deposito nucleare, la mobilitazione continuerà No al deposito nucleare, la mobilitazione continuerà Il movimento di Puglia e Basilicata pronto a presentare le osservazioni
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.