Autismo
Autismo
Territorio

Disabilità: incontro tra il Garante regionale e la Asl

Per definire il regolamento sull'autismo

Ieri il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, Giuseppe Tulipani, ha incontrato il direttore del Dipartimento di Salute mentale U.O., di Neuropsichiatria infantile dell'ASL BA dott. Vito Lozito, il coordinatore del CAT - Bari (Centro Autismo territoriale) dott. Cesare Porcelli della NPIA Asl -Bari con i direttori delle unità complesse, dott. Claudio Ziccarelli, dott.ssa Antonia Bello, dott. Giuseppe Cipolla e il dott. Stefano Costa, operatore di sviluppo progettuale.

L'incontro promosso dal Garante regionale discende dalla necessità di creare attenzione e partecipazione sul redigendo regolamento sull'Autismo e di conseguenza, incontrare i principali attori del processo è un'azione mirata all'attenzione ed al soddisfacimento dell'utenza interessata.

Si è convenuto sulla definizione dell'Autismo come condizione socio sanitaria che deve coinvolgere tutti gli attori attraverso una formazione di un nuovo e più attento contesto sociale. I punti maggiormente dolenti e da tutti condivisi, riguardano la necessità di integrazione e coordinamento delle diverse agenzie e servizi pubblici nelle aree della sanità, istruzione, sociale, lavoro, necessari per realizzare interventi appropriati e congrui rispetto ai bisogni delle persone nello spettro autistico in tutte le epoche di vita, garantendo la continuità dei servizi dall'età evolutiva all'età adulta e lo sviluppo coerente di un percorso di vita.

Per questo è necessario predisporre un sistema informativo finalizzato a raccogliere dati provenienti dai servizi sanitari e socio-sanitari per i disturbi neuropsichiatrici dell'infanzia e dell'adolescenza, che consenta di evidenziare le informazioni specifiche relative ai disturbi dello spettro autistico, possibilmente da integrare con i dati provenienti dai servizi sociali e dagli Uffici Scolastici Regionali. Fondamentale, in primis, all'interno dello stesso sistema informativo, è la predisposizione di una cartella clinica unica per l'individuo, dall'età evolutiva all'età adulta, in maniera tale da ottimizzare la continuità assistenziale anche grazie alla trasmissione aggiornata e continua delle informazioni sociosanitarie.

Nell'incontro sono state individuate una serie di obiettivi e azioni prioritarie per fornire indicazioni omogenee per la programmazione, attuazione e verifica dell'attività della rete dei servizi per le persone nello spettro autistico in tutte le età della vita, favorendo il raccordo e il coordinamento tra tutte le aree operative coinvolte.

In questo contesto Il Garante regionale Tulipani potrebbe essere il punto di raccordo e di armonizzazione tra le varie istituzioni per portare avanti una pianificazione socio-sanitaria finalizzata alla non medicalizzazione dell'Autismo ed evitare conflitti tra la sfera pubblica e quella privata.

Nel confronto, animato da uno spirito di grande collaborazione, si è condivisa la necessità di un incontro pubblico allargato dal titolo: "Il Servizio pubblico nella programmazione degli interventi sulla disabilità in Puglia" da realizzarsi all'interno degli eventi della prossima edizione della Fiera del Levante.
  • Disabilità
Altri contenuti a tema
Assegni di cura, protestano le famiglie Assegni di cura, protestano le famiglie Il Garante regionale per la disabilità chiede soluzioni adeguate
Per tre giorni sarà "Jurassic Anffas" ad Altamura Per tre giorni sarà "Jurassic Anffas" ad Altamura Per la Giornata nazionale della disabilità
Assistenza a disabili nelle scuole, servizio parte anche in istituti superiori Assistenza a disabili nelle scuole, servizio parte anche in istituti superiori La Città metropolitana provvede in forte ritardo. Era intervenuto il Garante regionale
Assistenza ai disabili a scuola, Città metropolitana in grave ritardo Assistenza ai disabili a scuola, Città metropolitana in grave ritardo Interviene il Garante per i diritti delle persone con disabilità
Assegni di cura 2017: disagi per i richiedenti nella presentazione delle domande Assegni di cura 2017: disagi per i richiedenti nella presentazione delle domande La Rete Regionale A.Ma.Re Puglia interroga l'Assessorato regionale competente e chiede di convocare al più presto il Tavolo regionale dedicato
Trasporto disabili: approvato il protocollo d'intesa con ASL Trasporto disabili: approvato il protocollo d'intesa con ASL Quattro i Comuni firmatari: Altamura, Gravina, Poggiorsini e Santeramo
Pubblicato l'avviso per beneficiare dell'Assegno di Cura Pubblicato l'avviso per beneficiare dell'Assegno di Cura Misura di sostegno al reddito per chi vive in condizione di gravissima disabilità e non autosufficienza
7 milioni di euro per Progetti di Vita Indipendente 7 milioni di euro per Progetti di Vita Indipendente Enzo Colonna, Noi a Sinistra: "mirano a rendere la persona con disabilità "soggetto attivo"
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.