consorzio
consorzio
Territorio

Consorzi di bonifica verso la riforma

Di Gioia risponde a Coldiretti

"Condivido la preoccupazione sul rischio dissesto idrogeologico e la necessità di rafforzare le attività dei Consorzi di bonifica, in particolare di quelli commissariati del Centro Sud Puglia.
Accolgo, pertanto, l'appello per un ulteriore incontro in Assessorato, dopo quello che si è tenuto nel mese di marzo e che Coldiretti Puglia, pur presenziante, omette di citare.

Rimane il dubbio se Cantele e Corsetti, mentre invocano tavoli e confronti, vorranno essere presenti, visto che a mezzo stampa, qualche giorno fa, hanno precisato di non voler partecipare ad altri incontri indetti dall'Assessorato".
Lo ha detto l'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, commentando la nota stampa diffusa quest'oggi, dal presidente e direttore di Coldiretti Puglia, sulla mancata operatività del Consorzio del Centro Sud.

"Trovo forzato - prosegue - voler parlare di dissesto idrogeologico in Puglia citando i soli consorzi quali enti di contrasto a questo fenomeno che ovviamente riguarda aree e competenze ben più ampie e complesse delle singole realtà di bonifica. Ad ogni modo, per la parte di competenza dei Consorzi, voglio ricordare che questa Amministrazione ha approvato un'importante e condivisa riforma, molto onerosa per la Regione, prevedendo, però, una riorganizzazione e una riduzione dei costi della struttura. Una riforma che coinvolge a pieno titolo nella gestione proprio le associazioni agricole con la nomina di due sub commissari, di cui oggi uno è proprio un rappresentante di Coldiretti. La fiscalità generale pugliese, da anni, pur non essendo il Consorzio un ente regionale, supporta le attività, comprese le campagne irrigue, contribuendo con quasi 20 milioni di euro anno per opere e gestione. Dal Patto per la Puglia, per la prima volta dopo anni, sono previste opere da realizzarsi per diverse decine di milioni di euro".

"Come al solito tutto il fattibile è stato messo in campo - conclude di Gioia -. Ora c'è bisogno di un comune sforzo, anche di verità, per rendere funzionante la parte finale della riforma e garantire la piena operatività delle strutture consortili con il coinvolgimento definitivo degli agricoltori, cui per legge spetta la gestione".
  • Consorzio di Bonifica
Altri contenuti a tema
Consorzi di Bonifica: Serve una programmazione sul lungo periodo Consorzi di Bonifica: Serve una programmazione sul lungo periodo Nuova interrogazione del Movimento cinque stelle
Bonifica: Stop al contenzioso tra consorzi e agricoltori Bonifica: Stop al contenzioso tra consorzi e agricoltori L'appello di Coldiretti: Si ai pagamenti ma solo per servizi reali
Consorzi di bonifica, via libera alla riforma Consorzi di bonifica, via libera alla riforma Ecco cosa cambia
Consorzi, Stea boccia l'ipotesi acquedotto Consorzi, Stea boccia l'ipotesi acquedotto Bene la riforma ma l'acquedotto ha già troppi problemi
Consorzi, no alla gestione affidata all'Aqp Consorzi, no alla gestione affidata all'Aqp Dura presa di posizione del consigliere Stea
Consorzi di Bonifica, approvato in commissione il testo della riforma Consorzi di Bonifica, approvato in commissione il testo della riforma Nasce un unico Consorzio e sono tanti i malumori
Consorzi di Bonifica: ultima seduta della Commissione d'indagine prevista per lunedì 7 novembre Consorzi di Bonifica: ultima seduta della Commissione d'indagine prevista per lunedì 7 novembre Galante: "Porteremo le carte alla Corte dei conti"
Pronta la relazione della commissione di indagine sui consorzi Pronta la relazione della commissione di indagine sui consorzi Disservizi, conti e criticità sui Consorzi di Bonifica
© 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.