Mobile imbottito
Mobile imbottito
Scuola e Lavoro

Altri 2.896 lavoratori "Natuzzi" in cassa integrazione

Il Partito di Rifondazione Comunista si esprime in merito alla questione. Chiesta l'elaborazione di un piano industriale

"La notizia diffusa dalla Natuzzi spa agli organi d'informazione nei giorni scorsi, circa l'esigenza di chiedere al Ministero del lavoro altra Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria per quasi 3000 lavoratori, oltre a destare serie preoccupazioni per i livelli occupazionali del territorio, dimostra l'estrema pertinenza delle critiche avanzate da Rifondazione Comunista in merito ai provvedimenti adottati in materia di lavoro nella zona murgiana". Così comincia il comunicato stampa del Partito della Rifondazione Comunista di Puglia e Basilicata in merito all'avvio della cassa integrazione per molti dei lavoratori che operavano nel settore del mobile imbottito.

Dal 16 ottobre scorso, infatti, la Natuzzi vuole mettere in Cassa integrazione "per crisi fino a un massimo di 2.896 lavoratori'' (questo il dato preciso) impiegati a Bari, Taranto, Matera e Udine. Per questo motivo il Partito di Rifondazione Comunista "ha già in passato chiesto alle Istituzioni interessate di elaborare una politica economica di diversificazione produttiva per superare la monocultura del mobile imbottito, anziché usare la morfina dei finanziamenti pubblici come unico strumento per rianimare un settore agonizzante".

Tra le motivazioni della richiesta si precisa che la crisi economica, "ancor più grave per il settore dell'arredamento", è legata al perdurante andamento negativo del settore immobiliare a livello mondiale (in particolare in America, Inghilterra e Spagna), e ciò ha un impatto immediato sulla vendita di prodotti legati all'arredamento e al calo dei consumi.

Si legge ancora nel comunicato: "L'organizzazione del lavoro, il sistema incentivante e la gestione degli ammortizzatori sociali imposti dall'Azienda santermana ai propri dipendenti, basate sulla centralità della quantità a sfavore della qualità, d'altronde, ha sempre denotato una strategia di mercato fondata, sostanzialmente, sulla compressione del costo del lavoro e la conseguente delocalizzazione produttiva verso Paesi più appetibili da questo punto di vista".

Si fa appello alla responsabilità sociale "che i vertici della Natuzzi spa ricoprono nel territorio delle Murge e chiedono agli stessi di elaborare un Piano industriale degno di questo nome e all'altezza delle sfide che il nuovo millennio pone, quindi, corrispondente ai nuovi prodotti che il commercio internazionale richiede e capace di valorizzare quel Marchio che tutti i lavoratori hanno contribuito a rendere prestigioso". L'appello è anche rivolto a tutti gli Enti pubblici affinchè si attivino per rilanciare il Sistema economico locale cercando di non far diminuire ulteriormente i consumi ed investendo anche in quei settori presenti che, seppur importanti, non hanno goduto finora della dovuta attenzione.

"Infine, i PRC Puglia e Basilicata propongono a tutti i lavoratori e Organizzazioni sindacali una mobilitazione generale per difendere i livelli occupazionali e vigilare affinché l'occasione della crisi non sia colta, come i molteplici contesti ci insegnano, per fare della macelleria sociale ed accrescere a dismisura i profitti".
  • Gruppo Natuzzi
  • Crisi del salotto
  • Mobile imbottito
Altri contenuti a tema
2 Mobile imbottito, un investimento ad Altamura Mobile imbottito, un investimento ad Altamura Angiola: "Firmata la proroga dell'accordo di programma tra Stato, Regioni e Natuzzi"
Murgia, prorogato l'accordo di programma del mobile imbottito Murgia, prorogato l'accordo di programma del mobile imbottito Accolto il programma della Natuzzi
1 "Di Maio a Matera, incontro proficuo per settore del mobile imbottito" "Di Maio a Matera, incontro proficuo per settore del mobile imbottito" La deputata dei 5 Stelle Angela Masi incontrerà gli operatori
Natuzzi, proroga al contratto di solidarietà Natuzzi, proroga al contratto di solidarietà Il piano industriale Italia slitta di tre mesi
Il Coordinamento USB-LP gruppo Natuzzi "ostracizzato" dal Ministero dello Sviluppo Economico Il Coordinamento USB-LP gruppo Natuzzi "ostracizzato" dal Ministero dello Sviluppo Economico Richiesto l'intervento dei rappresentanti di Puglia e Basilicata in Parlamento
1 Natuzzi Spa: il Tribunale del Lavoro di Bari dispone 37 reintegri Natuzzi Spa: il Tribunale del Lavoro di Bari dispone 37 reintegri L'aspettativa è che ve ne siano altri nei prossimi mesi
Natuzzi: la Regione approva la mozione presentata dai Consiglieri Borraccino e Colonna Natuzzi: la Regione approva la mozione presentata dai Consiglieri Borraccino e Colonna "Si renda praticabile un percorso che possa garantire prospettive di sviluppo, tutelando a pieno i livelli occupazionali"
La Natuzzi snobba il confronto con la Regione La Natuzzi snobba il confronto con la Regione Dura condanna dall’Usb
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.