progetto
progetto "AgriCultura"
Territorio

“AgriCultura”, 3 milioni di euro alla Città Metropolitana di Bari

Un progetto finalizzato all’inclusione sociale di giovani a rischio devianza

E' stato finanziato con 3 milioni di euro, nell'ambito dei fondi del Pon Legalità 2014 – 2020, il progetto "AgriCultura" presentato al Ministero dell'Interno dalla Città Metropolitana di Bari (ente capofila), in partenariato con il CIHEAM di Valenzano e il Teatro Pubblico Pugliese.

Il progetto si pone l'obiettivo di coinvolgere giovani a rischio devianza in un percorso di autoimprenditorialità nel settore agroalimentare e della filiera agricola a partire dalla valorizzazione dei terreni abbandonati o confiscati alla mafia presenti nell'area metropolitana di Bari.

Un approccio innovativo con diverse finalità come il recupero di beni agricoli, settore economicamente rilevante nel territorio metropolitano, e l'inserimento sociale e lavorativo mediante lo sviluppo di nuove imprese (start up sociali) o il cambiamento di organizzazioni imprenditoriali già esistenti (imprese senior).

I destinatari del progetto saranno circa 120-300 giovani, tra i 16 e i 24 anni, usciti anticipatamente dal percorso scolastico e a rischio devianza sociale, in quanto esclusi dal lavoro, disoccupati, sottoccupati, NEET, appartenenti o fuoriusciti dal circuito penale.

"AgriCultura" è il frutto di un'azione di sistema a livello territoriale, già avviata nel 2017 dalla Città metropolitana di Bari nell'ambito del processo di pianificazione strategica, attraverso la sottoscrizione di un protocollo d'intesa con l'Università degli Studi e Politecnico di Bari, il CIHEAM e il CNR per l'elaborazione delle linee di indirizzo tecnico-scientifico sullo sviluppo agro-ambientale dell'intero territorio metropolitano.

Una delle linee strategiche del protocollo era proprio l'attivazione di iniziative di innovazione sociale a partire dalle risorse disponibili sul territorio metropolitano (beni e terreni agricoli) al fine di favorire l'implementazione di modelli innovativi di inclusione sociale e lavorativa giovanile.
A tal fine, la Città metropolitana di Bari ha già avviato un censimento di beni e terreni disponibili da valorizzare a fini sociali.

A giugno 2018 l'estensione dei terreni censiti, grazie alla collaborazione dei Comuni dell'area metropolitana, era pari a circa 68,28 ettari, relativi solo alla proprietà pubblica di 17 Comuni su 41. Grazie al finanziamento ottenuto sarà possibile completare la mappatura su tutti i Comuni, coinvolgendo e individuando anche altre risorse di natura pubblica e, soprattutto, privata.

L'individuazione dei giovani innovatori avverrà attraverso la pubblicazione di una manifestazione di interesse/concorso di idee relativo ai beni da valorizzare, al fine di raccogliere le istanze soprattutto motivazionali che spingono i giovani a orientarsi verso i percorsi proposti di accompagnamento all'inclusione lavorativa e sociale.

Le istanze potranno essere presentate da singoli o, preferibilmente, da team costituiti da più giovani a rischio devianza. Successivamente, i destinatari selezionati saranno accompagnati alla gestione dei terreni attraverso un percorso di accompagnamento e formazione all'autoimprenditorialità.

"Un altro importante risultato raggiunto dalla Città metropolitana di Bari che è riuscita, anche questa volta, ad ottenere un cospicuo finanziamento grazie ad idee progettuali innovative ed efficaci – afferma il sindaco metropolitano, Antonio Decaro -. Con i tre milioni di euro del Pon Legalità incrociamo la valorizzazione del nostro patrimonio agricolo e la creazione di opportunità di lavoro o di espressione per tanti giovani che vogliono mettersi in gioco con le loro idee. Partiamo dalla vocazione storica e agricola della nostra area metropolitana per incentivare le nuove generazioni a scommettere sullo sviluppo di nuovi approcci alla produzione e al consumo agroalimentare. Mettere insieme la terra che lega i 41 Comuni della Città metropolitana di Bari e generare valore attraverso il lavoro significa anche riqualificare il territorio e salvaguardare le nostre colture e la nostra cultura".

  • Città metropolitana
  • Area metropolitana di bari
Altri contenuti a tema
1 "Riprogettare la provinciale Tarantina è una priorità" "Riprogettare la provinciale Tarantina è una priorità" Presentata interrogazione al sindaco metropolitano Antonio Decaro
1 Elezioni Consiglio Città Metropolitana di Bari, l’impegno degli eletti Elezioni Consiglio Città Metropolitana di Bari, l’impegno degli eletti Cardascia: "Darò voce ad Altamura"
2 Altamura senza rappresentanti nel Consiglio metropolitano Altamura senza rappresentanti nel Consiglio metropolitano Rieletti i gravinesi Cardascia e Stragapede. Niente da fare per Scarabaggio
Sindaco e consiglieri al voto per la Città Metropoliatana Sindaco e consiglieri al voto per la Città Metropoliatana Seggi aperti
Elezioni Città metropolitana, un candidato di Altamura in lista per il Consiglio Elezioni Città metropolitana, un candidato di Altamura in lista per il Consiglio Si vota il 6 ottobre. Malumori nel centrosinistra
La Città Metropolitana crea un osservatorio dell’edilizia scolastica La Città Metropolitana crea un osservatorio dell’edilizia scolastica L’ente insieme agli studenti per monitorare lo stato di salute delle strutture scolastiche
Cibo: prende corpo il distretto metropolitano di Bari Cibo: prende corpo il distretto metropolitano di Bari Definiti i dettagli in un incontro con il consigliere delegato Stragapede
Istituire un distretto del cibo, sottoscritto protocollo d’intesa Istituire un distretto del cibo, sottoscritto protocollo d’intesa Risorse e opportunità per i Comuni della Città metropolitana
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.