Suoni della Murgia 2023
Suoni della Murgia 2023
Eventi e cultura

Suoni della Murgia, al via un'altra grande rassegna estiva

Ad Altamura (in sei masserie e luoghi storici) e in altri 5 Comuni

Dopo l'anteprima del 2 giugno scorso nella masseria Guardiola di Andria, con il "fuori programma" di Jaime Michaels e Paolo Ercoli, in collaborazione con Pomodori Music, inizia ufficialmente domenica 18 giugno nella masseria Malerba di Altamura, la rassegna internazionale "Suoni della Murgia", una delle più longeve in Puglia, giunta quest'anno alla 22° edizione. A inaugurare il programma i Radicanto con Claudio Carboni (inizio ore 20,.30) e il progetto Neighbors: Simone Bottasso e Reza Mirjalali (inizio ore 21.30) (in allegato le schede sui due spettacoli).

Quest'anno la rassegna, che terminerà il 27 agosto, si arricchisce per numero di appuntamenti, per qualità e per spunti e incontri culturali con artisti ormai provenienti da tutte le parti del mondo. Torna ad espandersi anche il raggio delle locations scelte per i concerti e le esibizioni: oltre il territorio di Altamura, che tradizionalmente ospita la manifestazione, quest'anno comprende anche Andria, Terlizzi, Corato, Minervino Murge, Santeramo in Colle e comunque sempre l'area dell'Alta Murgia, le masserie storiche e i cortili dell'omonimo Parco nazionale il cui ente promuove e supporta i 'Geo-Eventi del Parco', quattro dei 26 appuntamenti complessivi in programma.

Un tema forte dell'edizione 2023, organizzata dall'associazione "Suoni della Murgia", con la consueta direzione artistica di Luigi Bolognese, è stato individuato nella 'Puglia Imperiale', quasi un filo rosso che contrassegnerà alcune delle tappe in programma, tentando di riannodare le tradizioni musicali di vari Paesi del Mediterraneo con quelle pugliesi e dell'Italia meridionale, in particolare nel segno del Medioevo e della fioritura artistica e dell'innovazione culturale promosse, ad esempio in Puglia da Federico II di Svevia. In tutto sono 20 gli appuntamenti che comunque spesso comprendono due concerti per ciascuna serata ma non si escludono sorprese dell'ultima ora.

L'INTERO CALENDARIO E' PUBBLICATO NELLA NOSTRA AGENDA

"Suoni della Murgia" – spiega il direttore artistico Luigi Bolognese - è un festival di musiche e culture popolari dal mondo che dal 2001 propone sull'Alta Murgia barese un universo di suoni, arte e storie dal sapore tutt'altro che museale. Nel corso di questi oltre venti anni, sui palchi, sulle chianche, nei cortili, nei castelli, nelle masserie storiche, sulle pietre aguzze e sulle erbe spontanee della Murgia le note hanno raccontato storie dal mondo, a volte lontane ed in lingue incomprensibili, a volte simili alle nostre, in un intreccio di esperienze e vita umana che da sempre regge la nostra su questa terra. Storie in forma di musica che, raccontandosi, si scoprono simili, si mescolano e si concedono a quest'oggi così distratto e sfuggente. È, il nostro, un festival che unisce tradizione a contemporaneità e invita l'ascoltatore ad aprirsi al vento che arriva impetuoso annusandone l'anima profumata d'antico".

Una delle peculiarità, tra le altre, di Suoni della Murgia, che si rafforza e si arricchisce a ogni edizione, è l'"incontro" con strumenti musicali insoliti anche provenienti da culture e latitudini diverse, una vera "manna" per gli appassionati. Questi ultimi nell'edizione 2023 avranno la possibilità di ascoltare ad esempio, il tar, strumento a corde persiano, l'oud liuto arabo, il mondol, strumento a corde algerino, il salterio, strumento a corde risalente al X secolo avanti Cristo, la lira, strumento a corde, la fidula, strumento medioevale ad arco considerato il progenitore del violino moderno, la cetra, strumento a corde dell'antica Grecia, la viola d'amore a chiavi.

Da qualche anno, i promotori hanno fatto la scelta, fortunata, di "coniugare" la musica e le masserie storiche recuperate negli ultimi tempi, dal punto di vista architettonico, e rianimate, dal punto di vista economico, grazie, in particolare, alle iniziative dei privati, e, in generale, con le aree naturali del Parco dell'Alta Murgia, i borghi antichi, e perfino una chiesa e un ex stabilimento vinicolo, esempio imponente di archeologia industriale nelle campagne di Santeramo. Una scelta che negli anni è stata molto apprezzata dal pubblico per la possibilità di evadere dai convulsi ritmi cittadini e di "respirare" musica, natura, storia e tradizioni agricole.

Nata nel segno del genere folk e popolare, pur mantenendo stretti i suoi legami con la world music, la rassegna "Suoni della Murgia", organizzata dall'associazione omonima, si è evoluta nel corso degli anni, indirizzandosi anche verso altri orizzonti sonori con performance artistiche e musicali di genere e segno stilistico molto diversi tra loro. Non solo Mediterraneo e non solo Europa, dunque. Suoni della Murgia, come negli anni passati, ospiterà nell''edizione 2023 musicisti provenienti da diverse parti del mondo: Iran, Kurdistan, Armenia, Argentina, Stati Uniti, oltre che, per quanto riguarda l'Europa, da Germania, Spagna, Svizzera, Irlanda, Norvegia, Paesi Baschi, e da varie regioni italiane.
La manifestazione si fonda sulla radicata esperienza del gruppo musicale "Uaragniaun" e della sua voce, la cantante Maria Moramarco, da anni impegnati nella riscoperta dei canti dell'Alta Murgia ma anche nella contaminazione con altri generi e con altri percorsi. Il festival rappresenta una occasione per riproporre e promuovere la musica popolare ed etnica di studio e di ricerca, oltre che un momento di forte scambio culturale tra nazioni e culture geograficamente lontane. Un progetto che ha portato nel territorio oltre 200 artisti (tra solisti e gruppi) e permesso l'ascolto di musiche e l'approccio a lingue e dialetti poco conosciuti.
Suoni della Murgia fa parte della Rete italiana World Music, una fraternità di musicisti, festival, operatori culturali diffusa su tutto il territorio nazionale nata per dare corpo e forza ad un genere tra i più amati e diffusi in Italia.
  • Concerti
  • Suoni della Murgia
Altri contenuti a tema
Suoni della Murgia 2024: il programma ad Altamura, Minervino e Terlizzi fino a sabato 31 agosto Suoni della Murgia 2024: il programma ad Altamura, Minervino e Terlizzi
Presentata la rassegna Suoni della Murgia Presentata la rassegna Suoni della Murgia Ventiquattro concerti tra Altamura (numerosi luoghi), Minervino e Terlizzi
Suoni della Murgia: la rassegna ad Altamura, Minervino e Terlizzi Suoni della Murgia: la rassegna ad Altamura, Minervino e Terlizzi Anteprima il 6 giugno. Scelti luoghi suggestivi per i concerti
Storia tra immagini e musica, un documentario sul Campo 65 Storia tra immagini e musica, un documentario sul Campo 65 Maria Moramarco autrice e cantante, regia di Pannone e Burli
Concerti: a Bari torna il Medimex Concerti: a Bari torna il Medimex A luglio "The Chemical Brothers". A Taranto Nick Cave & The Bad Seeds
Al via il festival Suoni della Murgia Al via il festival Suoni della Murgia Nell'atrio del GAL nove serate tra musica popolare, cinema e libri
Lucio Dalla in concerto Lucio Dalla in concerto Musica, reading, canti e tanta simpatia
Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese La rassegna internazionale di musica popolare compie nove anni
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.