Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Bancarotta e reati tributari, arrestati due fratelli Columella

Indagine della Guardia di Finanza sul fallimento della Tradeco

I fratelli Michele e Saverio Columella, ex amministratori della Tradeco, società operante nel settore dei rifiuti e fallita a ottobre del 2018, sono stati arrestati e posti ai domiciliari in un'inchiesta della Procura di Bari e della Guardia di Finanza.

Le indagini sono partite proprio dopo il fallimento e sono stati ricostruiti i movimenti finanziari della Tradeco. Come presunto frutto illecito dei reati, è stato disposto il sequestro di beni, titoli e quote societarie per 13,4 milioni di euro.

Le indagini sono state condotte dai finanzieri del nucleo di polizia economica e finanziaria di Bari, sotto la direzione dei Pubblici Ministeri, Procuratore Aggiunto Roberto Rossi e Sostituto Procuratore Francesco Bretone.

"Nonostante la Tradeco S.r.l. si trovasse in grave crisi di liquidità e in un cronico stato di insolvenza, con una esposizione debitoria rilevante, soprattutto nei confronti dello Stato e degli Enti Previdenziali - è l'atto di accusa così come riportato in un comunicato - i suoi amministratori hanno posto in essere sistematiche distrazioni di risorse finanziarie, in danno della massa dei creditori, simulando il pagamento di spese fittizie e procedendo alla restituzione ai soci-amministratori delle somme che questi erogavano per finanziare l'attività della società. Il tutto mentre si omettevano di pagare le tasse e ciò al solo fine di mantenere il più possibile in vita la società".

In particolare, è stata accertata la distrazione dal patrimonio aziendale, tra il 2010 e il 2018, prima del fallimento, di ingenti risorse finanziarie, in buona parte realizzata mediante la contabilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, successivamente oggetto di parziale reimpiego in attività economiche riconducibili alla famiglia di appartenenza degli amministratori di fatto della fallita.

Le indagini, inoltre, hanno consentito di accertare che la Tradeco srl, per gli anni dal 2014 al 2018, ha omesso il versamento di ritenute dovute per un ammontare complessivo di € 13.165.066 ed ha utilizzato fatture per operazioni inesistenti, con una conseguente evasione di imposta (IVA e IRES) per un ammontare complessivo di € 259.032.
  • Tradeco
  • Arresti domiciliari
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Confiscato un immobile in un claustro Confiscato un immobile in un claustro Di proprietà di un sorvegliato speciale. Indagine della Guardia di finanza
Maxi sequestro di beni a Columella Maxi sequestro di beni a Columella Beni immobili e mobili, per un valore di 10 milioni di euro
Discarica Le Lamie, i costi della bonifica a carico della Tradeco Discarica Le Lamie, i costi della bonifica a carico della Tradeco Respinto il ricorso al Tar della società
Controlli antidroga, un arresto ad Altamura Controlli antidroga, un arresto ad Altamura Attività delle fiamme gialle
1 Truffa all'Unione europea sui contributi all'agricoltura Truffa all'Unione europea sui contributi all'agricoltura Indagine della Guardia di finanza
1 Costringe una donna a prostituirsi, arrestato un albanese Costringe una donna a prostituirsi, arrestato un albanese La vittima era stata ridotta in schiavitù
Vende a ospedali mascherine ritirate dal commercio Vende a ospedali mascherine ritirate dal commercio Ditta di Altamura scoperta in un'indagine delle fiamme gialle di Foggia
Guardia di Finanza, sequestrato un immobile ad Altamura Guardia di Finanza, sequestrato un immobile ad Altamura Attività di indagine su un uomo con condanne definitive per droga
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.