emergenza cinghiali parco alta murgia
emergenza cinghiali parco alta murgia
Territorio

Parco dell'Alta Murgia, riprenderanno le catture dei cinghiali

Le attività sono ferme da mesi per l'emergenza. Agricoltori danneggiati

Dopo l'interruzione delle attività di contenimento per l'emergenza sanitaria, il Parco dell'Alta Murgia farà ripartire a breve le azioni previste nel piano pluriennale di gestione del cinghiale. Sono già finiti gli effetti del periodo di relativa tregua dovuta all'incremento del numero di catture. Infatti sono riprese le segnalazioni sulle incursioni nei campi coltivati, con danni alle colture primaverili, ad Altamura, Gravina e dagli altri Comuni.

Negli ultimi giorni le associazioni agricole del territorio si sono confrontate con l'ente, ricevute dal presidente Francesco Tarantini e dal direttore Domenico Nicoletti. Stando a quanto rappresentato dagli interessati, la situazione si è aggravata nel periodo del blocco per il Covid-19 durante il quale gli ungulati hanno agito indisturbati per la minore presenza dell'uomo sul territorio.

Nel corso della riunione si è discusso proprio del piano delle catture che stava dando dei risultati promettenti con l'utilizzo dei recinti di cattura ("corral"). Ma bisogna definire pure l'aspetto relativo all'introduzione del selecontrollo nelle aree contigue al Parco perché i cinghiali non distinguono tra area protetta e aree fuori dal Parco, non ci sono confini. Gli animali circolano attraverso i corridoi ecologici. Alcuni agricoltori sono quasi rassegnati: "Non ce la facciamo più ad essere invasi".

Bisogna intervenire. E il piano del Parco dell'Alta Murgia è solo un tassello perché la strategia deve estendersi anche oltre l'area protetta, altrimenti serve a poco. "Gli agricoltori sono l'anima del Parco nazionale dell'Alta Murgia - afferma il presidente Francesco Tarantini - ma anche i più colpiti da questa emergenza. Li abbiamo rassicurati che il contenimento dei cinghiali rientra tra le priorità dell'ente e che non saranno lasciati soli ad affrontarla".

I numeri facevano ben sperare. Nel secondo semestre dello scorso anno sono stati catturati in tutto 330 animali. La densità della presenza dell'ungulato è comunque ancora elevata, si stima solo nel Parco in 3500 capi, con maggiore presenza nei complessi boscati.

​Ogni anno l'ente paga indennizzi alle aziende agricole colpite per circa 80.000 euro.
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
  • Cinghiali
Altri contenuti a tema
Cinghiali, nuovi criteri per gli abbattimenti Cinghiali, nuovi criteri per gli abbattimenti Esulta Coldiretti per la decisione della Corte costituzionale
Un logo per la candidatura del Geoparco all’Unesco Un logo per la candidatura del Geoparco all’Unesco Il Parco dell’Alta Murgia lancia un concorso rivolto alle scuole
Parco Alta Murgia, il bilancio dei controlli nel 2020 Parco Alta Murgia, il bilancio dei controlli nel 2020 I dati su illeciti amministrativi, abusivismo, incendi e caccia illecita
1 Parco dell'Alta Murgia: non c'è spazio per rifiuti radioattivi Parco dell'Alta Murgia: non c'è spazio per rifiuti radioattivi A breve si riunirà la comunità dei sindaci per studiare le contromosse
1 Parco dell'Alta Murgia, il programma del 2021 Parco dell'Alta Murgia, il programma del 2021 Si punta sulla canditura di GeoParco Unesco
Una lupa uccisa a colpi di arma da fuoco Una lupa uccisa a colpi di arma da fuoco Indagano i Carabinieri del Parco nazionale dell'Alta Murgia
Il Parco dell'Alta Murgia in 5 francobolli Il Parco dell'Alta Murgia in 5 francobolli Per Altamura scelti il Pulo, la cava dei dinosauri e la grotta di Lamalunga
Un Parco per api e farfalle Un Parco per api e farfalle Progetto nell’Alta Murgia per la tutela degli insetti impollinatori
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.