Carabinieri Forestali dell'Alta Murgia
Carabinieri Forestali dell'Alta Murgia
Territorio

Parco dell'Alta Murgia, al via il nuovo piano operativo

Accordo tra l'Ente e il Reparto Carabinieri del Parco

Oggi, alle 13:00, presso la sede del Parco Nazionale dell'Alta Murgia a Gravina in Puglia, si terrà la firma del Piano Operativo di Previsione per l'anno 2019 tra il Parco Nazionale dell'Alta Murgia e il Reparto Carabinieri del Parco.

Durante la conferenza interverranno il Presidente Vicario del Parco Nazionale dell'Alta Murgia Cesareo Troia, il direttore Domenico Nicoletti e il Comandante del Reparto Carabinieri del Parco Maggiore Giuliano Palomba.

Il Piano Operativo individua i settori di azione e gli ambiti di svolgimento dell'attività di competenza del Reparto Carabinieri Forestale del Parco, stabilendo le risorse economiche, le modalità operative, gli obiettivi da raggiungere e il programma delle attività.

«I militari del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell'Alta Murgia svolgono una costante ed efficace attività di supporto all'Ente e controllo nell'area protetta per la sorveglianza e la custodia del patrimonio naturale, per la prevenzione, il monitoraggio, l'assistenza e consulenza, l'educazione, la sensibilizzazione, l'informazione e la repressione degli illeciti amministrativi e penali con gli obiettivi principali della conservazione e la tutela dell'intero territorio del Parco ed in particolare di tutto il suo patrimonio naturale e culturale», afferma il presidente vicario del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, Cesareo Troia.

È capillare il lavoro svolto dal Reparto Carabinieri del Parco anche grazie alle quattro sedi presenti nell'area protetta: nei Comuni di Altamura, Gravina, Ruvo e Andria (dove è in fase di ultimazione la trattativa con l'Amministrazione Comunale per una nuova sede).

Tra le attività presenti nel Piano Operativo ci sono la programmazione e il coordinamento nella lotta attiva agli incendi boschivi; il supporto tecnico e operativo all'Ente nella concessione di autorizzazioni e nulla osta e nel controllo del rispetto delle ordinanze dell'Ente; l'accertamento dei danni da fauna selvatica; il supporto nelle attività di educazione ambientale, assistenza e informazione ai residenti e ai visitatori del Parco; la collaborazione a ricerche, monitoraggi e censimenti promossi dall'Ente; il controllo delle attività agro-silvo-pastorali e dell'antibracconaggio; oltre alle consuete attività di polizia giudiziaria e amministrativa.

Con il Piano Operativo si attivano le sinergie a livello locale a tutela della biodiversità e del capitale naturale nell'area protetta.
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
  • Carabinieri Forestali
Altri contenuti a tema
Le eccellenze casearie dell’Alta Murgia in mostra a Cheese 2019 Le eccellenze casearie dell’Alta Murgia in mostra a Cheese 2019 Alla fiera del formaggio di Bra (Cuneo)
Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Con Anci, Federparchi, Ispra e Conferenza Stato Regioni per affrontare il problema degli ungulati
Lupi e cinghiali nel Parco, Coldiretti chiede interventi a tutela di agricoltori e allevatori Lupi e cinghiali nel Parco, Coldiretti chiede interventi a tutela di agricoltori e allevatori Incontro con il nuovo presidente Tarantini
Cambiamenti climatici: 3,8 milioni di euro per il Parco della Murgia Cambiamenti climatici: 3,8 milioni di euro per il Parco della Murgia Il Ministero dell’ambiente affida ai parchi nazionali le risorse per la mitigazione e l’adattamento
Parco dell'Alta Murgia, riprendono le esercitazioni a fuoco Parco dell'Alta Murgia, riprendono le esercitazioni a fuoco Il nuovo presidente Tarantini promette un intervento
Francesco Tarantini si insedia alla guida del Parco dell'Alta Murgia Francesco Tarantini si insedia alla guida del Parco dell'Alta Murgia Al via il mandato del terzo presidente dell'Ente
Incendi: s.o.s. dal territorio dell'Alta Murgia Incendi: s.o.s. dal territorio dell'Alta Murgia Troppi episodi, quasi tutti di natura dolosa. Tanti danni al patrimonio boschivo e al mondo agricolo
Sequestrati 3000 quintali di granturco di provenienza ucraina Sequestrati 3000 quintali di granturco di provenienza ucraina Destinati all'alimentazione di animali. Provvedimento dei Carabinieri forestali
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.