Ospedale della Murgia
Ospedale della Murgia
Ospedale e sanità

Ospedale della Murgia, punto di riferimento come centro trombosi

Al servizio di un vasto bacino di utenza: sono seguiti 4000 pazienti

Un semplice prelievo di sangue e il referto inviato on line a distanza di poche ore. Così tutti i pazienti con problemi cardiovascolari in Terapia Anticoagulante Orale (TAO) e in cura nelle strutture territoriali della ASL Bari, possono ricevere assistenza e supporto immediato per il monitoraggio delle terapie di patologie quali fibrillazione atriale, tromboembolismo venoso e/o arterioso, infarto, ictus, e arteriopatie.

Grazie ad un software informatico all'avanguardia, i centri di sorveglianza e follow-up della terapia anticoagulante (CSA) della ASL sono adesso in rete con il Centro Trombosi (CAT) dell'Ospedale Perinei di Altamura, individuato di recente dalla Regione Puglia come punto di riferimento per il monitoraggio e la sorveglianza dei pazienti in TAO. La centralizzazione del servizio rappresenta un vantaggio per i pazienti che possono accedere al Laboratorio Analisi più vicino, sottoporsi al prelievo, e ricevere in giornata il referto che viene elaborato direttamente dal Centro di Altamura. Gli esiti dei prelievi tornano poi, per via informatica, ai "Centri di Sorveglianza" dove gli specialisti monitorano la terapia farmacologica apportandone i necessari adeguamenti posologici.

Questo modello organizzativo di gestione integrata permette una presa in carico completa dei pazienti in TAO, che soffrono in gran parte di patologie cardio-circolatorie croniche. Il Centro Trombosi (CAT) di Altamura, accreditato dalla Federazione italiana Centri per la Diagnosi della Trombosi e la Sorveglianza delle Terapie Antitrombotiche (F.C.S.A.),è in possesso della certificazione di eccellenza EGINA ( Excellent model for the Integrated Management of New Anticoagulants) e della Certificazione di qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001 : 2015.

Con la presa in carico dei pazienti anticoagulati del Distretto Socio Sanitario di Gioia del Colle, anche questo territorio entra a far parte della Rete Regionale nata di recente per il miglioramento della qualità e sicurezza dei pazienti in terapia anticoagulante. La TAO che rappresenta il trattamento più indicato per la prevenzione e la cura delle patologie cardiovascolari è considerata efficace anche nei pazienti con protesi cardiache e malattie valvolari, in quanto , riducendo in modo controllato e reversibile la coagulabilità del sangue permette la massima protezione degli eventi tromboembolici e il minor rischio di eventi emorragici. E' dunque un trattamento "salvavita".

"Ad Altamura seguiamo circa 4mila pazienti con problematiche cardiovascolari dei distretti di Altamura e Grumo – spiega Giovanni Dirienzo, responsabile del Centro Trombosi dell'Ospedale Perinei di Altamura – che hanno bisogno di un monitoraggio costante, in media ogni 4 settimane. Dalla settimana prossima prenderemo in carico altri 400 pazienti afferenti al Distretto Socio sanitario di Gioia del Colle - prosegue il dottor Dirienzo – con il contribuito della tecnologia potranno ricevere in breve tempo il referto delle analisi di laboratorio con lo schema posologico della terapia".

In tutti i centri che afferiscono al CAT di Altamura, i pazienti vengono presi in carico mediante una prima visita con compilazione di una cartella elettronica su un sistema certificato. Si passa poi al prelievo e all'esecuzione del test PT/INR presso il laboratorio più vicino al paziente, e da remoto, a distanza di poche ore, il CAT del Perinei, invia il referto con il relativo schema posologico del farmaco assunto. Per le visite successive, è possibile anche richiedere una consulenza con il medico.

"Dopo l'attivazione della Unità di Medicina Trasfusionale (Banca del sangue), l'istituzione di un Centro di Riabilitazione Vestibolare presso l'Unità operativa di Otorinolaringoiatria diretta dal dott. Michele Raguso (di cui è in corso l'attivazione) - commenta con soddisfazione il consigliere regionale Enzo Colonna - il Centro Antitrombosi è un nuovo importante traguardo raggiunto, il cui iter ho seguito da oltre un anno, grazie al quale si consolida la sempre più ampia e avanzata offerta di servizi sanitari dell'Ospedale della Murgia "Perinei" in favore dei cittadini non solo della Murgia. Peraltro, l'attivazione di questo Centro presso l'Ospedale della Murgia andrà ad integrare le funzioni di un'altra eccellente struttura, la "Stroke Unit" per la terapia della fase acuta dell'ictus presso l'Unità Operativa di Neurologia, diretta dal dott. Rino Ardito. Intanto, prosegue il lavoro (che fatto di una serie di inevitabili passaggi amministrativi, autorizzazioni, pareri) per il prossimo grande obiettivo che sarà l'attivazione dell'Emodinamica all'interno della struttura complessa di Cardiologia-Utic. Per questo non manca molto", conclude Colonna.
  • Ospedale della Murgia
  • sanità
Altri contenuti a tema
Coronavirus: distretto Murgia, unità speciale al lavoro Coronavirus: distretto Murgia, unità speciale al lavoro Per il monitoraggio dei pazienti domiciliati e di possibili sospetti
Coronavirus, primi donatori di plasma del sangue Coronavirus, primi donatori di plasma del sangue In Puglia si procede con la nuova terapia
Ospedale della Murgia, non riparte l'attività operatoria Ospedale della Murgia, non riparte l'attività operatoria Molti pazienti attendono ancora dopo il rinvio per l'emergenza Covid19
1 Formazione: qualifica di Oss, via libera all'esame finale Formazione: qualifica di Oss, via libera all'esame finale Provvedimento della Regione consente riduzione del monte ore
Ospedale Perinei, attivato termoscanner della M.I.Cro. Italia Ospedale Perinei, attivato termoscanner della M.I.Cro. Italia L’apparecchiatura donata dall’associazione entra in funzione
Ospedale della Murgia, cinque emodinamisti in fase di assunzione Ospedale della Murgia, cinque emodinamisti in fase di assunzione Lo assicura il direttore generale della Asl Sanguedolce
1 Ospedale della Murgia, quando l'Utic e l'emodinamica? Ospedale della Murgia, quando l'Utic e l'emodinamica? Lettera-appello dell'associazione Amici del cuore
Assegni di cura, i disabili non possono più aspettare Assegni di cura, i disabili non possono più aspettare Appello delle associazioni per le malattie rare e Anffas
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.