Incontro tra Coldiretti e Presidente del Parco dell'Alta Murgia
Incontro tra Coldiretti e Presidente del Parco dell'Alta Murgia
Territorio

Lupi e cinghiali nel Parco, Coldiretti chiede interventi a tutela di agricoltori e allevatori

Incontro con il nuovo presidente Tarantini

Il Parco nazionale dell'Alta Murgia non può prescindere da un confronto ed una continua collaborazione con il sistema produttivo agricolo. E' quanto è emerso in un incontro tra il nuovo presidente dell'ente, Francesco Tarantini e una delegazione dei presidenti di Coldiretti di Altamura, Gravina, Spinazzola, Minervino, Poggiorsini, Santeramo e Corato.

Sul tavolo della discussione le linee guida della nuova governance del Parco che intende focalizzare l'attenzione sulle principali emergenze dell'area protetta che riguardano i rifiuti e la presenza sempre più pericolosa di lupi e cinghiali.

E non potrebbe essere altrimenti in un'area dove le attività agroalimentari sono uno dei punti di forza economica e produttiva del territorio a cavallo tra le regioni Puglia e Basilicata.

Sono, infatti, 6.298 le imprese agricole che operano nella filiera agroalimentare all'interno del Parco, con 127 imprese dedite alla trasformazione e con un numero di addetti che sfiora le 5000 unità: numeri che danno ad intendere come il comparto ha bisogno di essere adeguatamente rappresentata e promossa dal Parco.

"Il confronto molto proficuo si è concentrato sulla necessità che il Parco diventi un laboratorio di sviluppo della multifunzionalità agricola, riconoscendo un grande protagonismo alle collettività residenti, un patrimonio produttivo da tutelare contro gli attacchi di lupi e cinghiali che distruggono le produzioni agricole nei campi e feriscono a morte gli animali nei pascoli e dai rifiuti, divenuti una emergenza ambientale e di immagine per le aziende agricole"- ha sottolineato il presidente di Coldiretti Bari BAT, Savino Muraglia.

Dal Parco stanno valutando nuovi metodi per contrastare i fenomeni dell'abbandono dei rifiuti e della presenza di animali selvatici che danneggiano le colture e rappresentano un pericolo per gli abitanti del Parco. Per i primi, verrà usato un sistema di controllo con telecamere ed intensificazione della guardiania; mentre per contrastare il fenomeno della fauna selvatica si vorrebbe rinunciare al sistema delle gabbie, risultato al quanto inefficace, per sostituirlo con il selecontrollo.

"Sono passati 25 anni da quando si iniziò a parlare dell'istituzione del Parco dell'Alta Murgia e sin da subito Coldiretti chiese con forza che fosse creato uno strumento in equilibrio costruttivo con il mondo economico e sociale dell'area, in grado di migliorare realmente la salubrità della vita e dell'ambiente e promuovere, al contempo, le pratiche agrarie caratteristiche della zona"- ha detto in chiusura il presidente Muraglia.
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
Emergenza cinghiali, il Parco intensifica attività Emergenza cinghiali, il Parco intensifica attività Il presidente Tarantini: “300 capi catturati negli ultimi mesi"
Le eccellenze casearie dell’Alta Murgia in mostra a Cheese 2019 Le eccellenze casearie dell’Alta Murgia in mostra a Cheese 2019 Alla fiera del formaggio di Bra (Cuneo)
Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Con Anci, Federparchi, Ispra e Conferenza Stato Regioni per affrontare il problema degli ungulati
Cambiamenti climatici: 3,8 milioni di euro per il Parco della Murgia Cambiamenti climatici: 3,8 milioni di euro per il Parco della Murgia Il Ministero dell’ambiente affida ai parchi nazionali le risorse per la mitigazione e l’adattamento
Parco dell'Alta Murgia, riprendono le esercitazioni a fuoco Parco dell'Alta Murgia, riprendono le esercitazioni a fuoco Il nuovo presidente Tarantini promette un intervento
Francesco Tarantini si insedia alla guida del Parco dell'Alta Murgia Francesco Tarantini si insedia alla guida del Parco dell'Alta Murgia Al via il mandato del terzo presidente dell'Ente
Incendi: s.o.s. dal territorio dell'Alta Murgia Incendi: s.o.s. dal territorio dell'Alta Murgia Troppi episodi, quasi tutti di natura dolosa. Tanti danni al patrimonio boschivo e al mondo agricolo
Alta Murgia, un'intera giornata di incendi Alta Murgia, un'intera giornata di incendi Nella zona di "Parisi" ad Altamura
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.