Tribunale di Bari
Tribunale di Bari
Cronaca

Inchiesta "Pandora", chieste 91 condanne per associazione mafiosa

Due clan di Bari dominavano in tutta la provincia, anche ad Altamura

Alla sbarra i clan che hanno dominato a Bari e nella provincia, con zone di influenza anche nel territorio murgiano, in un decennio. E' in corso in Tribunale il processo ai clan baresi Mercante-Diomede e Capriati.

L'inchiesta è stata denominata "Pandora", dal nome del vaso della mitologia, perché le indagini hanno scoperchiato la fitta rete di relazioni e ramificazioni del potere dei clan baresi.

I pm della Direzione distrettuale antimafia hanno chiesto 91 condanne, a vario titolo per detenzione di armi ed esplosivi, tentato omicidio mafioso premeditato, rapina mafiosa aggravata con sequestro di persona, violazioni della sorveglianza e lesioni mafiose aggravate. A quasi tutti, 89 su 91, viene contestata l'associazione mafiosa (416 bis).

Dall'inchiesta della Dda, condotta dai Carabinieri del Comando provinciale di Bari, su fatti avvenuti sino al 2015, è emersa l'egemonia dei due clan baresi non solo nel capoluogo ma anche nei Comuni della provincia, tra cui Altamura e Gravina, e nei Comuni della costa adriatica.

Le pene richieste vanno da un massimo di 14 anni e 8 mesi ad un minimo di 8 anni, proprio perché viene contestato il metodo mafioso.

La parola passa alle difese.
  • Direzione Distrettuale Antimafia di Bari
  • Tribunale
  • Clan
Altri contenuti a tema
1 Inizia processo antimafia al clan D'Abramo Sforza Inizia processo antimafia al clan D'Abramo Sforza Il Comune si costituisce parte civile
Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Soffocò la figlia di tre mesi, condannato all'ergastolo Per omicidio volontario. In appello ribaltata la sentenza in primo grado a 16 anni
Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Diffusero il video di un incontro intimo, quattro persone a processo Vicenda fece scalpore ad Altamura e nei Comuni tre anni fa
Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Soffocò la figlia di tre mesi, ecco le motivazioni della condanna a 16 anni Secondo i giudici Difonzo non voleva uccidere ma solo "ledere"
1 Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Tre servizi pubblici nell'ex Tribunale Agenzia delle Entrate, Centro per l'impiego e Inps
1 Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni L'accusa aveva chiesto l'ergastolo per Giuseppe Difonzo
Uccise la figlia di tre mesi in ospedale, chiesto l'ergastolo Uccise la figlia di tre mesi in ospedale, chiesto l'ergastolo I pm hanno chiesto la pena massima per il padre
Centro per l'impiego si trasferirà all'ex Tribunale Centro per l'impiego si trasferirà all'ex Tribunale Il Comune approva schema di accordo con Regione Puglia
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.