Sanità
Sanità
Ospedale e sanità

"In Puglia non c'è nessun contagio da coronavirus"

Comunicato ufficiale del dipartimento regionale per la salute

Alle 16.01 del 22 febbraio dal dipartimento per la salute della Regione Puglia è stata diramata una nota ufficiale in cui si comunica che non c'è alcun allarme e che "nessun contagio è stato identificato".

Si riporta testualmente la nota inviata dal direttore del dipartimento Vito Montanaro.

---
"Non c'è alcun allarme e alcuna psicosi ingiustificata in Puglia a seguito dei casi di COVID-19 in Lombardia e Veneto". Lo dichiara il direttore del Dipartimento Politiche della Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro.

"Tutti i possibili casi sospetti, anche quelli che non avevano nessun criterio epidemiologico e che hanno destato interesse da parte della stampa locale nelle ultime ore, sono passati al vaglio puntuale dei Dipartimenti di Prevenzione e del centro di riferimento per la diagnosi del nuovo Coronavirus.

Si ribadisce che nessun contagiato è stato finora identificato a seguito di specifici accertamenti.

È indubbio che la segnalazione di casi confermati in Italia ha portato ad un innalzamento ulteriore del livello di sorveglianza e di attenzione da parte delle autorità sanitarie della regione. Ciò al fine di non sottovalutare alcun elemento di rischio.

La Regione ha provveduto a rendere disponibili tutti i dispositivi di protezione individuale (DPI) per gli operatori sanitari di tutti i pronto soccorso e di tutte le strutture sanitarie.

Inoltre, i DPI sono disponibili per tutti i Medici di medicina generale e Pediatri di libera scelta oltre che quelli degli Scap che dovessero essere chiamati a valutare eventuali pazienti sintomatici.

Sono state, infine, intraprese tutte le azioni per il tempestivo allineamento a quanto previsto dall'ordinanza del Ministero della Salute che, come è noto, prevede misure di sorveglianza attiva e di profilassi basate sulla tempestiva segnalazione alle autorità sanitarie, ai Dipartimenti di prevenzione, ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta di chi abbia fatto ingresso in Italia da meno di 14 giorni dal soggiorno in aree a rischio della Cina dove è in corso l'epidemia da nuovo coronavirus.

Queste persone, per la salvaguardia della salute collettiva, sono invitate all'isolamento fiduciario a domicilio e a non violarlo concordando qualsiasi azione in accordo con i Dipartimenti di prevenzione territorialmente competenti, con i medici di medicina generale e con i pediatri di libera scelta. Non è altresì prevista l'esecuzione a tappeto di tamponi faringei per la verifica della presenza del nuovo coronavirus, come anche ribadito dal Ministero della salute, tranne in quei casi in cui le autorità sanitarie dovessero ravvisarne la necessità dopo attente e puntuali valutazioni".

(NOTIZIA DEL 22 FEBBRAIO 2020)
  • sanità
Altri contenuti a tema
Emergenza Covid-19, l’Asstra lancia “si fermi chi può” Emergenza Covid-19, l’Asstra lancia “si fermi chi può” L’iniziativa delle aziende del trasporto pubblico per sensibilizzare ad un uso consapevole dei mezzi
Anche nell’emergenza COFIDI.IT c’è, misure di sostegno alle imprese Anche nell’emergenza COFIDI.IT c’è, misure di sostegno alle imprese Per ridurre l'impatto della crisi Covid-19
Covid-19, donazione della BPPB all’ospedale “Perinei” Covid-19, donazione della BPPB all’ospedale “Perinei” 100mila euro per supportare la struttura murgiana nell’emergenza sanitaria
1 Emergenza sanitaria, assistenza online alle donne in gravidanza Emergenza sanitaria, assistenza online alle donne in gravidanza Un servizio di consulenza ostetrica per la provincia di Bari
Ticket sanitari, prorogati al 30 settembre i codici di esenzione Ticket sanitari, prorogati al 30 settembre i codici di esenzione Decisione della Regione Puglia per evitare accessi ai distretti
1 Coronavirus, morto un anziano di Altamura Coronavirus, morto un anziano di Altamura Pronto soccorso ancora chiuso all'Ospedale della Murgia
Covid-19, Regione pronta a sostenere l’economia Covid-19, Regione pronta a sostenere l’economia Ecco le misure scelte per fronteggiare l'emergenza delle imprese
Ospedale della Murgia, chiuso pronto soccorso Ospedale della Murgia, chiuso pronto soccorso Due casi positivi al coronavirus
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.