Grano contaminato
Grano contaminato
Territorio

Grano: l'università di Bari in audizione alla Camera dei deputati

Nuovi strumenti e metodologie per aumentare le produzioni

Continua il lavoro della Commissione Agricoltura di Montecitorio per il comparto cerealicolo, mentre il M5S punta anche sulla differenziazione qualitativa dei grani e sui residui chimici, oltre che su Cun, Piano proteico e organizzazione della filiera.

Mentre si assiste a timidi segnali di ripresa nelle contrattazioni, il dibattito sulle misure da attuare per risollevare le sorti future del comparto cerealicolo nazionale alla Camera dei Deputati prosegue. Con l'audizione di Giuseppe De Mastro, professore associato in Coltivazioni erbacee presso la Facoltà̀ di Agraria di Bari, il quale ha sottolineato le tre criticità del comparto: aspetto quantitativo tra importazioni e capacità produttiva nazionale, qualitativo in riferimento ai livelli proteici dei grani nazionali e l'innovazione organizzativa, tra accordi di filiera e contratti di coltivazione che finalmente iniziano a diffondersi. Ma la caratteristica più preoccupante dell'ultimo periodo, secondo il docente dell'Università di Bari, è l'abbandono di queste colture (anche in vista dell'imminente semina) a causa dell'instabilità del mercato e dei costi che superano troppo spesso i ricavi. "Per questo - ha proposto De Mastro - sarebbe opportuno prendere spunto dall'esempio virtuoso della Francia che intende raddoppiare la superficie coltivabile a frumento per soddisfare l'industria pastaia d'Oltralpe. Serve impostare a livello nazionale un studio di zonizzazione delle coltivazioni cerealicole come abbiamo già realizzato in Puglia dove si potrebbero aumentare gli ettari da 350 a 400 mila, raggiungendo potenzialmente il 60% della superficie agricola pugliese".

Intanto, proprio a seguito delle diverse audizioni tenutesi in Commissione Agricoltura alla Camera, il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate, capogruppo 5 Stelle, ha implementato la propria risoluzione inserendo nuovi impegni per il ministro Maurizio Martina. Viene chiesto così di "destinare specifiche risorse finalizzate alla realizzazione o al miglioramento di impianti di stoccaggio; a predisporre adeguati interventi per garantire lo stoccaggio differenziato di grano duro nonché una griglia di valutazione volta a definire le classi di qualità anche sulla base delle caratteristiche chimiche e microbiologiche intese come contenuto di micotossine, residui di erbicidi quali il glifosato, pesticidi, metalli pesanti e radioattività". E poi di "realizzare un adeguato monitoraggio fitosanitario anche attraverso il campionamento organizzato nelle aree cerealicole". Ciò oltre a "rivedere il meccanismo di formazione del prezzo, sostituendo l'anacronistico sistema delle Borse merci con le Commissioni Uniche Nazionali in grado di garantire maggiore trasparenza ed equità nei rapporti di forza tra produttori e industriali; a sostenere l'aggregazione dei produttori agricoli e ad applicare il Piano proteico nazionale basato sulla rotazione delle colture di grano con le leguminose così da potenziare la quantità e la qualità del grano italiano".

Questi, in sintesi, gli impegni chiesti dal Movimento 5 Stelle, nella risoluzione a prima firma Giuseppe L'Abbate ed approvata all'unanimità dalla Commissione Agricoltura della Camera, per il rilancio del comparto cerealicolo italiano dopo l'annus horribilis appena trascorso ed in vista dell'imminente semina. Dopo l'approvazione del piano olivicolo nazionale, un altro importante tassello per l'agricoltura ed il made in Italy ottenuto dai 5 Stelle.

"Il ministro Maurizio Martina non ha più scusanti ora - commenta il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera - è giunto il momento di togliere la polvere dal piano cerealicolo nazionale, che giace nei cassetti ministeriali dal 2009 e di fare concretamente quel che l'intera filiera gli richiede. Il comparto primario è fondamentale per il made in Italy e, pertanto, per la nostra economia ed è ora che questo Governo se ne renda conto. Fortunatamente, nel nostro quotidiano lavoro a Montecitorio, siamo riusciti a raggiungere ottimi obiettivi, nonostante siamo seduti tra i banchi dell'opposizione come nel caso della Commissione Unica Nazionale che sostituirà, ad iniziare proprio dal grano, le vetuste borse merci per una determinazione trasparente e chiara dei prezzi, a vantaggio degli agricoltori italiani. Un provvedimento - spiega L'Abbate (M5S) - contenuto in una mia proposta di legge e divenuto realtà con un mio emendamento al decreto 51/2015".
  • Grano duro
Altri contenuti a tema
Grano duro, in calo il prezzo del prodotto pugliese Grano duro, in calo il prezzo del prodotto pugliese Gli agricoltori puntano il dito contro le importazioni
Filiera del grano duro in sofferenza Filiera del grano duro in sofferenza Le stime e i dati della Cia Puglia
"Aumento del prezzo delle semole, il nostro grano duro non c'entra" "Aumento del prezzo delle semole, il nostro grano duro non c'entra" Senatore De Bonis presenta un'interrogazione al ministro Bellanova
Grano duro, una brutta annata agraria Grano duro, una brutta annata agraria Nonostante il crollo dell'import dal Canada, arriva molto prodotto dall'estero
2 Tutelare il Made in Italy: al via l'etichettatura del grano Tutelare il Made in Italy: al via l'etichettatura del grano Soddisfazione nelle parole del consigliere regionale Gianni Stea e dell'Onorevole Liliana Ventricelli
La pasta prodotta in Italia avrà l'identikit in etichetta La pasta prodotta in Italia avrà l'identikit in etichetta Coldiretti Puglia: "un passo in avanti per smascherare chi spaccia grano estero per italiano"
Grano dall'estero, allarme di Coldiretti Grano dall'estero, allarme di Coldiretti Concorrenza sleale così si uccide l'agricoltura locale
Grano duro, valorizzazione, import e sicurezza alimentare Grano duro, valorizzazione, import e sicurezza alimentare A Gravina un incontro organizzato da Confagricoltura
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.