Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Furti di auto in provincia di Bari, 5 arresti

In manette una banda con base a Bitonto. Veicoli fatti a pezzi nel foggiano

Operazione "lock down", 5 arresti per sgominare una banda specializzata nei reati di furto aggravato e ricettazione. Venivano rubate automobili in provincia di Bari e poi fatte a pezzi in provincia di Foggia.

L'operazione è stata condotta dai Carabinieri della Compagnia di Monopoli, hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Bari – Sezione G.I.P., su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 5 uomini (quattro di Bitonto e uno di Ortanova).

L'indagine, condotta fra febbraio e luglio 2020, ha consentito di disarticolare una rete specializzata nei furti di auto, rubate soprattutto nella città di Bari e in seguito trasportate presso un autodemolitore del Foggiano, il quale provvedeva allo smontaggio dei pezzi e all'immissione in un mercato parallelo. In particolare, è stato ricostruito il modus operandi degli indagati, tutti gravati da precedenti per reati contro il patrimonio, operativi anche durante il periodo del lock- down nazionale.

Il gruppo, specializzato nel settore, sceglieva il mezzo da rubare solo dopo un accurato sopralluogo e utilizzava, all'occorrenza, centraline clonate e chiavi contraffate, mentre la fuga era garantita da una "staffetta" che segnalava l'eventuale presenza delle forze di polizia. Le autovetture, una volta asportate, venivano nascoste presso un uliveto sito nelle campagne di Bitonto e "bonificate", ovvero private di eventuali sistemi di allarme o di localizzazione.

I militari dell'Arma hanno documentato vari furti di autovetture, per un valore complessivo stimato in circa 200.000,00 euro, che, per singolare ricorrenza di alcuni veicoli presi particolarmente di mira, avevano fatto registrare un crescente allarme fra la popolazione. Il "giro di affari" del circuito illecito è stato quantificato in circa 1.500 euro il prezzo di ogni auto ceduta al ricettatore, il quale, a sua volta, la "piazzava" a un prezzo non inferiore a 1.800 euro.

Le auto maggiormente prese di mira erano le Opel Mokka e le Golf, preferibilmente nuove e ben accessoriate.
  • Automezzi
  • Furti e rapine
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Furti nelle campagne, la Cia lancia l'allarme Furti nelle campagne, la Cia lancia l'allarme Dopo l'episodio dei cavi elettrici tranciati dai ladri di rame
I ladri di rame in azione, black-out nelle campagne I ladri di rame in azione, black-out nelle campagne Di nuovo tranciati i cavi elettrici in zona Sgarrone
Arrestato dai Carabinieri ladro in trasferta Arrestato dai Carabinieri ladro in trasferta Ritenuto responsabile di alcuni furti ad Altamura e Gravina
Furti e razzie nelle campagne, vertice di Prefetture e forze dell'ordine Furti e razzie nelle campagne, vertice di Prefetture e forze dell'ordine Saranno incrementati i sistemi di controllo con telecamere
Controlli dei carabinieri, due arresti ad Altamura Controlli dei carabinieri, due arresti ad Altamura Minorenne scoperto con droga e una pistola. Uomo bloccato durante un furto
Controlli antidroga, un arresto ad Altamura Controlli antidroga, un arresto ad Altamura Sotto sequestro oltre un kg di marjuana e munizioni per pistola
2 Spaccio di droga nel centro storico, un altro arresto Spaccio di droga nel centro storico, un altro arresto Attività condotta dai carabinieri
Ospedale della Murgia, aumentano i controlli nell'area esterna Ospedale della Murgia, aumentano i controlli nell'area esterna Dopo i furti di auto e gli episodi legati allo spaccio di droga
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.